Roman Polanski sul caso di stupro: «Per me è una storia conclusa»

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Decameron è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 01:10.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«All work and no play makes Jack a dull boy»

cinerama
8138
cineteca
2926
servizi
2687
opinionisti
1714
locandine
992
serialminds
738
scanners
471

News


2 Ottobre 2017

Roman Polanski sul caso di stupro: «Per me è una storia conclusa»

Roman Polanski in questi giorni è ospite al Zurich Film Festival per presentare la versione completa del suo nuovo film Based on a True Story, con protagoniste la moglie Emmanuelle Seigner ed Eva Green. E proprio nella città in cui, nel 2009, veniva arrestato su richiesta delle autorità americane per essere estradato e incarcerato, il regista polacco naturalizzato francese ha rilasciato una rara dichiarazione sul caso di violenza sessuale con l'ausilio di sostanze stupefacenti ai danni della tredicenne Samantha Geimer avvenuto nel 1977.

All'epoca Polanski fu arrestato e, in seguito al patteggiamento con l'avvocato della difesa, si dichiarò colpevole dell'accusa di rapporto sessuale extramatrimoniale con persona minorenne, venne sottoposto a valutazione psichiatrica e passò 42 giorni in carcere. L'anno successivo, venuto a conoscenza che un giudice aveva intenzione di ignorare il patteggiamento e di punirlo in maniera esemplare con una condanna fino a 50 anni, Polanski fuggì in Europa e forte della cittadinanza francese ottenuta qualche anno prima si ricostruì una vita. Da anni, la stessa Geimer chiede alla giustizia americana di lasciar cadere le accuse che pendono sul regista. Giusto il mese scorso, il giudice della California Scott Gordon ha respinto l'ultima richiesta in tal senso della donna, ribadendo che il caso Polanski rimarrà aperto.

Oggi, a 84 anni, l'autore torna a parlare, come molto sporadicamente gli è successo, del crimine compiuto nel '77 e delle sue conseguenze: «Come sapete, Samantha Geimer sta chiedendo da più di 30 anni che tutto questo finisca. Purtroppo, e mi dispiace, i giudici che negli ultimi 40 anni hanno avuto a che fare con questa vicenda si sono dimostrati corrotti, coprendosi l'uno con l'altro. Quindi non penso proprio che improvvisamente smetteranno di comportarsi come hanno sempre fatto».

«E per quanto mi riguarda» ha continuato Polanski «la storia si è conclusa. Mi sono dichiarato colpevole e sono stato in prigione. Sono tornato negli Stati Uniti per farlo, la gente tende a dimenticarselo o addirittura lo ignora. E poi sono stato imprigionato anche qui, a Zurigo. Tra un periodo di detenzione e l'altro, credo di essere stato in carcere il quadruplo o il quintuplo di quanto avrei dovuto scontare secondo la condanna».

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Annunciato un film sul salvataggio dei ragazzi thailandesi intrappolati nella grotta

18 Settembre 2018

Ci voleva un agente di spettacolo con molto pelo sullo stomaco per ottenere i diritti di sfruttamento su una storia così fresca, e Universal Pictures aveva l'uomo giusto. Matt...

Tutti i vincitori degli Emmy 2018

18 Settembre 2018

Ci volevano Bill Hader (anch'egli vincitore di una statuetta) e HBO per, finalmente, far salire da vincitore sul palco degli Emmy un sacerdote della Tv americana: Henry...

Il misterioso caso della scomparsa di Fan Bingbing

17 Settembre 2018

Il problema delle autorità cinesi, ora che il mercato cinematografico dell'ex Impero celeste è il secondo al mondo per incassi, è che l'esposizione mediatica delle loro personalità più in vista...

Quando Jake Gyllenhaal realizzò per caso il sogno di Barry Jenkins

17 Settembre 2018

Il primo esempio dei poteri taumaturgici di Jake Gyllenhaal era stato portato da Jamie Lee Curtis, che qualche tempo fa aveva rivelato di aver accettato di ritornare nel suo...

Steve McQueen sul cinema: «Deve essere un'esperienza condivisa»

14 Settembre 2018

L'occasione è quella della presentazione ufficiale di Widows – Eredità criminale, thriller proiettato per la prima volta pochi giorni fa nella cornice del Toronto Film...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy