Ray Lovelock è morto

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alice Cucchetti dice che Shame è il film da salvare oggi in TV.
Su Cielo alle ore 01:15.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Il cinema è come un uomo a cavallo che arriva in una cittadina del West, e noi non sappiamo niente di lui. (Jean-Claude Carrière)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
8317
servizi
2857
cineteca
2673
opinionisti
1788
locandine
1003
serialminds
762
scanners
478

News


10 Novembre 2017

Ray Lovelock è morto

L’attore e cantante italiano Ray Lovelock si è spento questa mattina a Trevi all'età di 67 anni, dopo quella che il fratello Andrea descrive come una coraggiosa battaglia contro un tumore. Nato a Roma nel 1950, con quel cognome straniero che non era d'arte ma autentico - derivato dal padre inglese - iniziò a recitare non ancora diciottenne, dopo qualche comparsa nei fotoromanzi, prima in una piccola parte in Se sei vivo spara di Questi quindi con un ruolo compiuto in Banditi a Milano di Lizzani.

Nello stesso periodo si dedica brevemente pure alla musica, cantando nel Tomas Milian Group e incidendo anche da solista. Alcuni suoi brani saranno usati nelle colonne sonore di quegli anni, per esempio in Il delitto del diavolo (Le regine) di Tonino Cervi e Uomini si nasce poliziotti si muore di Ruggero Deodato. È al filone poliziottesco che deve appunto la sua fortuna, partecipando tra i protagonisti a Squadra volante di Stelvio Massi, Pronto ad uccidere di Franco Prosperi e L'avvocato della mala di Alberto Marras, oltre allo stesso Uomini si nasce poliziotti si muore, senza contare un più piccolo ruolo in Milano odia: La polizia non può sparare di Umberto Lenzi. Recita anche in pellicole vietate come gli horror Non si deve profanare il sonno dei morti di Jorge Grau e La settima donna di Franco Prosperi, il censurato thriller Avere vent'anni di Fernando Di Leo, il war movie Contro 4 bandiere di Lenzi e le commedie sexy L'anello matrimoniale di Mauro Ivaldi e La vergine, il toro e il capricorno di Luciano Martino. Avrà anche una vetrina internazionale con Cassandra Crossing di Cosmatos, al fianco di Sophia Loren, Richard Harris e Martin Sheen. 

Nel 1980 inizia a partecipare a produzioni televisive con La casa rossa diretto da Luigi Perelli, e ne finirà assorbito negli anni seguenti, dopo il flop di Muderorck - Uccide a passo di danza di Fulci. La sua aura rimane però legata al cinema di genere italiano degli anni 70 e per questo viene chiamato a partecipare anche a piccole produzioni che cercano di replicarne i fasti, ultima tra le quali Controra di Rossella De Venuto del 2013.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #035

7 Dicembre 2018

Anche ai globi dorati viene l'orchite
Comunicate e finalizzate le nomination all'...

Addio e grazie per tutte le news #034

6 Dicembre 2018

Stefano Sollima ci ha preso gusto
E continuerà a fare esplodere cose urlando Iuèssei, Iuèssei. Dopo il discreto successo, sia di critica sia di pubblico, di ...

Addio e grazie per tutte le news #033

5 Dicembre 2018

In lavorazione un film su Diabolik
Che da più di 50 anni sta lì, nel pantheon di quella manciata di titoli di culto del fumetto e della cultura pop italiani, eppure...

CineTRIP #005

5 Dicembre 2018

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
5 - 9 dicembre 2018

GITA A COMO (“IN NOIR”)
Il Noir in...

Addio e grazie per tutte le news #032

4 Dicembre 2018

I quaderni sciovinisti
C'erano una volta i Cahiers du cinéma, quella rivista fondata nel 1951 da André Bazin e che vantava fra i suoi...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy