I migliori trailer della settimana

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Wichita è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 13:30.

Arriva il 31 maggio su Prime Video una delle nuove serie più attese dell'anno. Si chiama Good Omens, ed è tratta dal romanzo di Neil Gaiman e Terry Pratchett Buona Apocalisse a tutti! Impossibile non ripensare a American Gods , egualmente tratta da un romanzo dello scrittore inglese.

Tra i film che abbiamo già visto dell'edizione 2019 del Festival di Cannes c'è La Gomera di Corneliu Porumboiu, che non ci ha convinto. Vi invitiamo a confrontare le parole di Roberto Manassero con quelle di Sangiorgio, che con questa recensione, qualche anno fa, nella rubrica Scanners, presentava quest'autore della Nuova onda rumena.

Il cast dei sequel di Avatar cresce (ve ne parliamo nella prossima newsletter, nella vostra casella di posta sabato 18 maggio). Per l'occasione vi riproponiamo un confronto critico pubblicato all'epoca dell'uscita del primo film.

Il calciomercato delle piattaforme streaming e dei canali a pagamento, dai destini sempre più intrecciati. Un'analisi di Andrea Bellavita.

Lo scorso 9 maggio è morto a Seattle lo sceneggiatore Alvin Sargent, fra gli sceneggiatori più eclettici e di maggior successo nelle ultime cinque decadi di Hollywood. Suo è Paper Moon , che gli valse la prima nomination agli Oscar. Vi riproponiamo la locandina di Gianni Amelio.

La citazione

«Certainly it constitutes bad news when the people who agree with you are buggier than batshit.»

scelta da
Lorenza Negri

cinerama
8649
servizi
3092
cineteca
2812
opinionisti
1906
locandine
1028
serialminds
820
scanners
488

News


12 Marzo 2018

I migliori trailer della settimana

5. Lost in Space di Matt Sazama e Burk Sharpless, è il trailer che vende discretamente bene qualcosa di cui forse non in molti sentivano il bisogno. Ovvero il remake dell'omonima serie Tv anni '60, più che altro ricordata per essere fonte del malvagio adattamento cinematografico in cui Matt LeBlanc tentava di rifarsi una vita dopo Friends sulle note di una rumorosa canzone degli Apollo 440. Il tutto in un'epoca in cui Gary Oldman poteva interpretare solo cattivi. A comandare il remake in 10 puntate targato Netflix è la coppia Sazama-Sharpless, i guerci responsabili di Dracula Untold, Gods of Egypt e Power Rangers

4. Il Grinch di Yarrow Cheney e Scott Mosier, ed è subito nostalgia per quel mondo perfetto dove anche i ruspanti bimbi italiani possono godersi le vellutate carezze della voce di Benedict Cumberbatch, che scaglia miele dalla bocca anche mentre rovina il Natale nei panni dell'eponimo coso verde con il cuore piccolo inventato dal Dr. Seuss; invece si trovano costretti a sentire Alessandro Gassmann e a dire: ma bravissimo Alessandro Gassmann, però forse l'originale. Morale: i vostri bambini sono già radical chic.

3. Bad Samaritan di Dean Devlin, ovvero accidenti che belli i trailer fatti bene, probabilmente il film non sarà mai bello altrettanto. La storia sembra uscita dal diario segreto di Park Chan-wook: il parcheggiatore di un ristorante di lusso si fa dei gran regali nelle case vuote dei ricchi clienti mentre questi sono a cena. Una sera decide di fare visita all'arrogantissimo David Tennant e chiaramente trova una ragazza imprigionata. Tennant è talmente inquietante che pare di vedere Charlie Sheen all'apice della sua parabola di follia. 

2. Christopher Robin di Marc Forster, è la storia di un coraggioso regista svizzero-tedesco che decide di inseguire il successo con un film basato sull'ipotetico futuro di uno dei personaggi meno memorabili del canone Disney e forse dell'intera letteratura per ragazzi del '900: il bambino di Winnie the Pooh. Detto questo, la risposta è no: non c'è niente di più adorabile di Ewan McGregor che parla a un orsacchiotto in CGI.

1. Sorry to Bother You di Boots Riley, è il primo importante candidato al Califfo 2018, che premia i trailer più cult dell'anno. Sia prima della visione, è pur sempre il film di debutto di Boots Riley, anarco-rivoluzionario del rap politicizzato e fondatore dei mitologici The Coup; sia dopo la visione, con la sensazione di aver appena assistito a una versione più divertente e leggermente più contenuta di Southland Tales.

Bonus teaser 1. Il ritorno di Mary Poppins di Rob Marshall, ovvero la possibile redenzione di un regista che ha sempre fatto male al cinema - tra Nine, I Pirati dei Caraibi e mettici dentro pure Into the Woods - e che a Natale potrebbe farsi perdonare. Ma Rob Marshall, se rovini anche un film con Julie Walters, Meryl Streep, Angela Lansbury e Dick Van Dyke, il prepensionamento non te lo leva nessuno.

Bonus teaser 2. Loro di Paolo Sorrentino, ovvero trenta secondi di febbrile attesa per vedere finalmente Ricky Memphis nel ruolo che è nato per interpretare, quello di Stefano Ricucci, ma niente. Bisognerà aspettare il primo trailer. Nel frattempo però si intravede, riflesso in uno specchio e per tre fotogrammi, Toni Servillo conciato da Berlusconi.

 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #127

17 Maggio 2019

Il primo Batman vampiro magico
Con Ben Affleck preso da molti altri problemi, non ultimo allontanarsi il più possibile dal disastro aereo che è finora stato l'universo...

Addio e grazie per tutte le news #126

16 Maggio 2019

Santo Guglielmo da Evanston
Praticamente tutte le testate internazionali che hanno battuto questa notizia, direttamente dal Festival di Cannes dove il gran visir in...

Addio e grazie per tutte le news #125

15 Maggio 2019

Le spade laser avrebbero fatto comodo contro gli zombie di ghiaccio
Viene fuori che David Benioff e D.B. Weiss se lo possono scordare il...

Addio e grazie per tutte le news #124

14 Maggio 2019

Addio a Doris Day  
Doris Day
è scomparsa ieri a 97 anni. Troppo presto, a dispetto della...

Addio e grazie per tutte le news #123

10 Maggio 2019

Il positivo venerdì di László Nemes
Può anche non accettarne la filosofia o il messaggio più o meno voluto che stanno veicolando, caro László Nemes, dal...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy