Addio a Ermanno Olmi

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che L'attentato è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 12:55.

La mia vita con John F. Donovan è l'ultimo film di Xavier Dolan, in arrivo (speriamo) a breve nelle nostre sale per Lucky Red. A lungo i film di Dolan sono stati invisibili in Italia, ma poi hanno cominciato ad avere una distribuzione in sala, homevideo e streaming. Oggi vi consigliamo di recuperare Laurence Anyways .

Una delle rubriche che fanno parte della storia di FilmTv è Regioni e sentimenti - I luoghi del cinema a cura di Steve Della Casa. Vi proponiamo un viaggio nel cinema a bordo dei treni, raccontato da Matteo Pollone.

Siamo serie, ma a volte anche film. Il ritorno di I cancelli del cielo di Mauro Gervasini sulla rivista.

Il governo iraniano non prese bene la partecipazione di questo film al festival di Cannes. La locandina di Andrea Fornasiero racconta la genesi del progetto e l'importanza dell'opera di Marjane Satrapi. Buona lettura.

Forse con tutta l'offerta in streaming che c'è non siete mai incappati in una webserie. Ve ne suggeriamo allora una particolarmente originale e divertente, su YouTube. Vedere per credere.

La citazione

«Un colpo solo (Michael Cimino - Il cacciatore)»

cinerama
8520
servizi
3012
cineteca
2761
opinionisti
1865
locandine
1019
serialminds
797
scanners
484

News


7 Maggio 2018

Addio a Ermanno Olmi

Ermanno Olmi avrebbe compiuto 87 anni a luglio, ed era da tempo malato. È scomparso nella notte fra domenica e lunedì presso l'ospedale di Asiago, sull'omonimo altopiano del vicentino al confine con il Trentino che da decenni era diventata la sua casa d'adozione. Tanto che fra i suoi ultimi desideri, ha reso noto la famiglia, c'era quello di passare gli ultimi istanti nella sua casa di contrada Val Giardini di Asiago.

Olmi si era trasferito in Veneto dalla natia Lombardia. Era nato a Bergamo nel 1931, per poi crescere sin da piccolissimo a Treviglio e trasferirsi quindi a Milano per studiare recitazione. È qui che, orfano del padre scomparso durante la Seconda guerra mondiale e spinto dalla necessità di mantenersi gli studi, comincia a lavorare nella stessa fabbrica della madre, la Edisonvolta, dove per la prima volta prende in mano la macchina da presa. Si occupa, infatti, dell'organizzazione delle attività ricreative per i dipendenti e gli viene anche proposto di documentare le diverse linee produttive. Olmi prende dimestichezza, come documentarista autodidatta, con la macchina da presa e con il linguaggio audiovisivo. Un imprinting che lo seguirà lungo tutto il corso di una carriera memorabile e unica nel suo genere. 

Inizia a girare documentari nel 1953 e proseguirà per quasi un decennio. Ma nel frattempo, è il 1959, testa anche le acque del cinema di finzione, esordendo alla regia con il lungometraggio Il tempo si è fermato. Al suo primo film, Olmi sembrava avere già ben chiare le tematiche di cui gradisce la compagnia e i luoghi che gli danno pace. Racconta l'amicizia tra uno studente e il guardiano di una diga, ambientandola fra la solitudine e il silenzio di una montagna lontanissima dalla Milano industriale in cui vive e lavora. 

Nel 1961 fonda, insieme agli amici Tullio Kezich, Alberto Soffientini e Filippo Meda, la sua casa di produzione e la battezza 22 dicembre. La loro prima produzione è, l'anno successivo, Una storia milanese, diretto da Eriprando Visconti, nipote di Luchino. Va molto meglio con Il posto, che Olmi produce e dirige e per il quale si aggiudica il Premio della critica alla Mostra del cinema di Venezia.  Seguono anni di sperimentazione, in cui il regista lombardo comincia a riflettere sulle sue radici cattoliche – nel 1965, con E venne un uomo, realizza una biografia di Papa Giovanni XXIII – e sul suo rapporto con il racconto cinematografico. Scopre i monti attorno all'altopiano di Asiago e nel 1969 realizza per la televisione, utilizzando attori non professionisti e con una sceneggiatura scritta insieme a Kezich e Mario Rigoni Stern, I recuperanti

Il 1977 è l'anno della più celebre, potente e riconosciuta dichiarazione poetica di Olmi, che firma L'albero degli zoccoli e viene premiato con la Palma d'oro al Festival di Cannes e il Premio César per il miglior film straniero. Cinque anni più tardi, il regista fonda a Bassano del Grappa (sempre in provincia di Vicenza) una scuola di cinema che chiama Ipotesi Cinema. Lo scopo della scuola è quello di formare autori, non professionisti, e nell'idea di Olmi dovrebbe essere un'esperienza collettiva più simile a un'osteria o a una bottega d'arte, in cui gli studenti imparano, proprio come è successo a lui nei primi anni milanesi, facendo e non solo studiando, condividendo e dialogando e non solo leggendo. Fra gli allievi che si sono formati a ipotesi cinema ricordiamo Francesca Archibugi, Mario Brenta, Giacomo Campiotti e Piergiorgio Gay. 

Gli anni successivi sono resi complicati da una rara malattia, che gli impedisce di lavorare. Olmi torna dietro la macchina da presa nel 1987 con Lunga vita alla signora!, che vince il Leone d'Argento alla Mostra del cinema di Venezia. L'anno successivo, Olmi tenta la mano con la sua prima grande produzione internazionale. Insieme all'amico Kezich adatta l'omonimo racconto di Joseph Roth e gira a Parigi e in inglese (con protagonista Rutger Hauer) La leggenda del santo bevitore, che gli vale Il Leone d'Oro a Venezia. Nel 2001 ribadirà l'esperienza di un set meno intimista rispetto a quelli a cui era abituato firmando Il mestiere delle armi, storia degli ultimi giorni di vita del soldato di ventura Giovanni delle Bande Nere, ambientata nel 1526. Il film sbancherà i David di Donatello, portandosi a casa nove premi.

Olmi aveva annunciato il suo ritiro dal cinema di fiction nel 2007, dopo aver realizzato il simbolico Centochiodi. L'anno successivo viene premiato con il Leone d'Oro alla carriera. Il poeta di Bergamo prestato ad Asiago si sarebbe potuto godere  una meritata pensione, ma ha continuato a rimuginare cinema e, prima di essere sconfitto dalla malattia, ci ha regalato altri due film. Nel 2011 esce Il villaggio di cartone, mentre il 2014 è l'anno di Torneranno i prati.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #095        

18 Marzo 2019

Ti amo, poi ti odio, poi ti apprezzo
...

Addio e grazie per tutte le news #094

15 Marzo 2019

India, terra di fini dicitori cinematografici
Sarà che a produrre così tanti film diventa fisiologicamente impossibile sfornare altrettante sceneggiature originali. Sarà...

Addio e grazie per tutte le news #093

14 Marzo 2019

Uno per me, uno per loro
Lo stereotipo li racconta così: iniziano come giovani padawan in possesso solo del loro sogno, quello di cambiare il mondo attraverso la loro arte...

Addio e grazie per tutte le news #092

13 Marzo 2019

Felicity di nome, ma non di fatto
A monopolizzare il reparto news della nottata americana, anche al di là della nicchia cinematografica, è la notizia che una serie di...

Addio e grazie per tutte le news #091

12 Marzo 2019

Bohemian Rhapsody 2: Le rette universitarie dei nipoti, anche quelli acquisiti
...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy