I migliori trailer della settimana

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Mio Dio, come sono caduta in basso! è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 00:20.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

Un saluto a Ermanno Olmi con le parole di Gianni Amelio.

La citazione

«Certainly it constitutes bad news when the people who agree with you are buggier than batshit.»

scelta da
Lorenza Negri

cinerama
7947
servizi
2579
cineteca
2543
opinionisti
1650
locandine
980
serialminds
707
scanners
466

News


28 Maggio 2018

I migliori trailer della settimana

5. Papillon di Michael Noer, è il remake inaspettato della settimana, in cui il manzo Charlie Hunnam di Sons of Anarchy e il re dei nerd Rami Malek sostituiscono rispettivamente Steve McQueen e Dustin Hoffman nel rifacimento dell'omonimo film del 1973, ispirato alla storia vera di uno scassinatore francese soprannominato Papillon (farfalla), che nel 1933 viene ingiustamente accusato di omicidio e portato nel carcere coloniale dell'Isola del Diavolo nella Guyana francese, dal quale tenterà disperatamente di fuggire. 

4. City of Lies di Brad Furman, è un'altra storia vera, questa volta quella del celebre detective della omicidi di Los Angeles Russell Poole, che nel 1997 fu il responsabile delle indagini sugli speculari omicidi dei due rapper Tupac Shakur e Notorious B. I. G. Quasi vent'anni dopo decide di tornare a riaprire i casi, stimolato dalle scoperte del giornalista investigativo Jackson (ispirato alla figura di Randall Sullivan, qui interpretato da Forest Whitaker). Johnny Depp alle prese con un poliziotto in pensione che cerca di dirimere le guerre fra rapper sembra un buon presupposto per un interessante film di fantascienza. 

  

3. Christopher Robin di Marc Forster, è il film inquietante della settimana, in cui Winnie the Pooh e compagnia cantante vengono trasformati in pupazzi in CGi realistica che popolerebbero i futuri incubi di chiunque se non fosse per le cullanti e calde voci dall'impeccabile accento inglese chiamate a doppiarli. È la storia di come l'amichetto umano di Pooh e soci, Ewan McGregor ribattezzato con il nome del titolo, con l'età adulta si sia focalizzato esclusivamente sul lavoro e la carriera scordandosi delle cose importanti: i saggi animaletti di pezza mangia miele con cui giocava da bimbo.

2. Mowgli. Il figlio della giungla di Andy Serkis, non è il debutto alla regia per il maestro della motion capture. Andy Serkis aveva fatto le prove l'anno scorso, e senza creature realizzate in post-produzione, con il sottovalutato Ogni tuo respiro. E qua prende il classicone di Rudyard Kipling sul bimbo umano cresciuto da un branco di lupi nella giungla indiana e sembra fare il miglior tentativo di sempre per strappare la storia allo stereotipo del canone Disney, giusto per avere un punto di vista diverso. Motion capture ce n'è in abbondanza, realizzata con l'ausilio di attoroni del calibro di Christian Bale, Benedict Cumberbatch, Cate Blanchett, Peter Mullan e lo stesso Serkis.

1. The Sisters Brothers di Jacques Audiard, è un sacco di cose tutte insieme. È una commedia dark western tratta dall'omonimo romanzo picaresco del canadese Patrick deWitt, pubblicato anche in Italia nel 2011 con il titolo di Arrivano i Sister. È un progetto voluto fortemente da John C. Reilly - protagonista insieme a Joacquin Phoenix, Jake Gyllenhaal e Riz Ahmed (con un sempre gradito bonus Rutger Hauer) - che all'uscita del romanzo ha personalmente acquistato i diritti di trasposizione. Ed è il bizzarrissimo esordio su un set in lingua inglese per Jacques Audiard, profeta (diamine, che brillantezza) di un certo cinema autoriale europeo che ora prova a dire la sua oltreoceano, partendo dal più americano possibile fra i generi cinematografici. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Soldado sarà il primo film indipendente a essere distribuito in Arabia Saudita

23 Giugno 2018

Continua il curioso processo di fertilizzazione cinematografica dell'Arabia Saudita, dove lo scorso dicembre il cinema è tornato a essere legale dopo 35 anni di...

Frank Grillo e Anthony Mackie protagonisti del remake americano di Point Blank

23 Giugno 2018

Da non confondersi con Senza un attimo di tregua – memorabile thriller di fine anni '60 diretto da John Boorman, rifatto 30 anni dopo da Brian Helgeland e Mel Gibson (Payback – La...

Edgar Wright sta lavorando a un documentario sugli Sparks

22 Giugno 2018

Nella nutrita colonna sonora di Baby Driver sembrava non mancare nessuno dei (numerosi) feticci musicali di Edgar Wright – che fra gli addetti ai lavori...

James Cromwell e Bruce Dern completano il cast di Emperor

21 Giugno 2018

Vecchi come la polvere e con due carriere bizzarre e mai noiose alle spalle, non poteva esserci miglior coppia estemporanea per dare potenziale lustro all'indipendente Emperor...

George Clooney è in trattative per dirigere il thriller fantascientifico Echo

21 Giugno 2018

Precisione e disciplina, a quanto pare, sono due dei segreti del successo di George Clooney. Che dal 2002 a oggi, anno in cui ha debuttato dietro la macchina da presa con ...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy