Quando Jake Gyllenhaal realizzò per caso il sogno di Barry Jenkins

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Il testimone è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 17:05.

Film d’autore e commedia demenziale, eros e kung-fu: storia di un lembo di terra diventato ponte culturale tra due universi, galleria di imprescindibili cineasti e interpreti Hongkonghesi.

Siamo di parte, ma per Film Tv la chiusura di Rai Movie è un duro colpo, sia in termini di contenuto che di persone che in questa impresa ci hanno messo l'anima e soprattutto il cuore.

Su FilmTv n° 17, in occasione della pubblicazione del libro La spada del destino , Mauro Gervasini dedica una Lost Highway alla storia dei samurai nel mondo del cinema. Accompagna l'articolo una filmografia di Emanuele Sacchi, consultabile nella sezione Liste. Di uno dei dieci film della lista vi proponiamo la locandina di Emanuela Martini.

È cominciata anche in Italia l'ottava stagione di Il trono di spade , che sarà l'ultima. La settima stagione, se vi ricordate, ci aveva diviso: qui trovate il Perché no di Fiaba Di Martino.

Il 24 aprile è la data in cui usciranno in Francia dvd e bluray di High Life di Claire Denis, con Robert Pattinson e Juliette Binoche. Ancora non è prevista un'uscita nelle sale italiane, ma per l'occasione rispolveriamo la recensione di un altro film invisibile della stessa regista.

La citazione

«Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico durante il week end! (Woody Allen)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8590
servizi
3060
cineteca
2790
opinionisti
1889
locandine
1024
serialminds
811
scanners
487

News


17 Settembre 2018

Quando Jake Gyllenhaal realizzò per caso il sogno di Barry Jenkins

Il primo esempio dei poteri taumaturgici di Jake Gyllenhaal era stato portato da Jamie Lee Curtis, che qualche tempo fa aveva rivelato di aver accettato di ritornare nel suo iconico ruolo di Halloween per il reboot diretto da David Gordon Green solamente grazie all'intercessione del collega. A confermare la magia del Gyllenhaal ci pensa il regista Barry Jenkins, premio Oscar per la sceneggiatura non originale di Moonlight, che ha svelato il bizzarro percorso che ha permesso al suo nuovo film, Se la strada potesse parlare, di ottenere il via libera.

La storia parte da lontano, nel 2013, quando Jenkins era ancora distante dagli Oscar e dai peana di Moonlight. All'epoca il regista lavorava già per poter, un giorno, realizzare il film dei suoi sogni: l'adattamento per il grande schermo di Se la strada potesse parlare, il capolavoro letterario pubblicato da James Baldwin nel 1974, romanzo potentissimo che racconta come mai prima le storie degli afroamericani di Harlem. Jenkins aveva già pronta una prima stesura per la trasposizione, ma gli mancava l'elemento più importante: la concessione dei diritti sul libro, rilasciata da una fondazione che cura l'eredità letteraria di Baldwin e che notoriamente si è sempre rivelata complicata da convincere. 

Entra in scena Gyllenhaal, descritto da Jenkins come un grandissimo fan di James Baldwin. Prima che il regista (all'epoca poco sconosciuto) si informasse sui diritti di Se la strada potesse parlare, Gyllenhaal era stato in contatto con la fondazione per un altro progetto. E sono stati proprio l'interesse di Gyllenhaal e la sua celebrità fuori scala a spalancare le porte, in maniera del tutto incidentale, del sogno di Barry Jenkins e a portare dalla sua parte la donna che si occupa del fondo Baldwin: «Mi disse al telefono: 'Non vogliamo più essere quel tipo di fondazione che presta ascolto solo alle persone famose'. E io all'epoca non ero nessuno. Quindi mi rivelò: 'Dunque, quando è arrivato il tuo pacco con la sceneggiatura dell'adattamento, ci siamo detti che tanto valeva dare ascolto a un tizio di nome Barry Jenkins'. Ed eccoci qui».

Quindi, ricapitolando: Jake Gyllenhaal, con la sola imposizione della luce riflessa della sua fama, ha permesso a uno degli autori contemporanei più interessanti di ottenere i diritti sul libro che gli permettesse di realizzare l'adattamento dei suoi sogni. Dice Jenkins: «L'eredità di Baldwin è talmente ricca, profonda e giustificatamente importante che invece di cercare di vendere alla fondazione il soggetto per la mia idea di adattamento e tentare di convincerli, ho deciso semplicemente di consegnare loro la sceneggiatura. Era chiaro che volevo essere il più possibile fedele al romanzo. Non posso parlare a nome della sorella di Baldwin, Gloria Karefa-Smart, ma so che ha visto il mio primo film, Medicine for Melancholy, e che ha visto qualche assonanza con il lavoro del fratello».

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #115

25 Aprile 2019

L'Universo cinematografico condiviso che ci meriteremmo
Belli gli Avengers e bella la Marvel. Endgame lo vedrà tutto il mondo tre volte e saranno tutti...

Addio e grazie per tutte le news #114

24 Aprile 2019

La Quinzaine des réalisateurs se ne frega
Mesi. Ormai anni di battibecchi, incomprensioni, polemiche, avvocati divorzisti, veleno sui media, e nonostante tutto la faida tra...

Addio e grazie per tutte le news #112

18 Aprile 2019

Nuvoloso con possibilità di Tarantino
Non ce l'hanno fatta, il Festival di Cannes e Quentin Tarantino, a osare un annuncio irresponsabile e confermare la...

Addio e grazie per tutte le news #111

17 Aprile 2019

Addio a Monkey Punch
La vulgata della bibbia di...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy