Il misterioso caso della scomparsa di Fan Bingbing

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Il testimone è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 17:05.

Film d’autore e commedia demenziale, eros e kung-fu: storia di un lembo di terra diventato ponte culturale tra due universi, galleria di imprescindibili cineasti e interpreti Hongkonghesi.

Siamo di parte, ma per Film Tv la chiusura di Rai Movie è un duro colpo, sia in termini di contenuto che di persone che in questa impresa ci hanno messo l'anima e soprattutto il cuore.

Su FilmTv n° 17, in occasione della pubblicazione del libro La spada del destino , Mauro Gervasini dedica una Lost Highway alla storia dei samurai nel mondo del cinema. Accompagna l'articolo una filmografia di Emanuele Sacchi, consultabile nella sezione Liste. Di uno dei dieci film della lista vi proponiamo la locandina di Emanuela Martini.

È cominciata anche in Italia l'ottava stagione di Il trono di spade , che sarà l'ultima. La settima stagione, se vi ricordate, ci aveva diviso: qui trovate il Perché no di Fiaba Di Martino.

Il 24 aprile è la data in cui usciranno in Francia dvd e bluray di High Life di Claire Denis, con Robert Pattinson e Juliette Binoche. Ancora non è prevista un'uscita nelle sale italiane, ma per l'occasione rispolveriamo la recensione di un altro film invisibile della stessa regista.

La citazione

«Non è più possibile parlare d'arte escludendo la scienza e la tecnologia. Non è più possibile analizzare i fenomeni fisici escludendo le realtà metafisiche. (Gene Youngblood)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
8590
servizi
3060
cineteca
2790
opinionisti
1889
locandine
1024
serialminds
811
scanners
487

News


17 Settembre 2018

Il misterioso caso della scomparsa di Fan Bingbing

Il problema delle autorità cinesi, ora che il mercato cinematografico dell'ex Impero celeste è il secondo al mondo per incassi, è che l'esposizione mediatica delle loro personalità più in vista si è fatta fin troppo globale – senza parlare, poi, dell'aumento degli investimenti stranieri – per poter davvero agire in maniera impunita. La storia, clamorosa, riguarda Fan Bingbing. Classe 1981, Fan è diventata, dopo la classica gavetta orientale di serie Tv popolari e contratti capestro con le grandi major, una delle dive più amate del lontano oriente, collaborando con registi come Feng Xiaogang, Corey Yuen, Wang Xiaoshuai, Benny Chan e Chen Kaige prima di ottenere una chance anche a Hollywood, in un primo momento solo in alcune scene di Iron Man 3 destinate unicamente alla versione del film da distribuire in Cina, quindi con un ruolo più corposo in X-Men – Giorni di un futuro passato. Fra i suoi prossimi film in uscita si possono elencare The King's Daughter, al fianco di Pierce Brosnan e William Hurt, e Air Strike, viaggio premio in oriente per Bruce Willis e Adrien Brody. 

Anni di scalata, un piolo alla volta, bruscamente interrotti lo scorso giugno, quando Fan è improvvisamente scomparsa dalla scena pubblica (e social) senza rilasciare dichiarazioni. L'ultima volta che l'attrice, incoronata nel 2015 dal Time come l'interprete più famosa di tutta la Cina, è stata avvistata è stato durante una visita a un ospedale pediatrico in Tibet. Da quel momento il buio, condito da speculazioni su un possibile caso di frode fiscale che la vede coinvolta.

Lo scorso sei settembre, la pubblicazione statale Securities Daily ha riportato, in un articolo poi cancellato, come l'attrice fosse stata posta sotto controllo e in attesa di giudizio legale. Non una novità per le autorità cinesi, anche per quanto riguarda figure di alto profilo: nel 2011, l'artista e attivista Ai Weiwei, sempre per una vicenda di tasse non pagate, venne trattenuto in custodia per tre mesi, fino a quando non si decise a firmare una confessione sulle sue supposte malefatte finanziarie.

I problemi di Fan Bingbing sono iniziati già lo scorso maggio, quando un tabloid inglese (il Global Times) ha pubblicato un doppio contratto firmato dall'attrice per un film. Nel primo, quello ufficialmente segnalato al governo, il compenso ammontava a 1.5 milioni di dollari. Il secondo, quello teoricamente incassato dall'attrice, riportava la cifra di 7.5 milioni di dollari. La pratica, che sembrerebbe piuttosto comune in Cina, è nota come “contratto yin-yang”, laddove il più oneroso fra i due documenti è quello che segnala il vero compenso, mentre il meno ricco è quello che viene consegnato alle autorità e sul quale verranno trattenute le tasse. I portavoce di Fan hanno negato le accuse. Fatto sta che, dalla pubblicazione del contratto, non ci sono più state notizie dell'attrice.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #115

25 Aprile 2019

L'Universo cinematografico condiviso che ci meriteremmo
Belli gli Avengers e bella la Marvel. Endgame lo vedrà tutto il mondo tre volte e saranno tutti...

Addio e grazie per tutte le news #114

24 Aprile 2019

La Quinzaine des réalisateurs se ne frega
Mesi. Ormai anni di battibecchi, incomprensioni, polemiche, avvocati divorzisti, veleno sui media, e nonostante tutto la faida tra...

Addio e grazie per tutte le news #112

18 Aprile 2019

Nuvoloso con possibilità di Tarantino
Non ce l'hanno fatta, il Festival di Cannes e Quentin Tarantino, a osare un annuncio irresponsabile e confermare la...

Addio e grazie per tutte le news #111

17 Aprile 2019

Addio a Monkey Punch
La vulgata della bibbia di...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy