Addio e grazie per tutte le news #010

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alberto Pezzotta dice che La sottile linea rossa è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Detroit di Kathryn Bigelow è in streaming su Netflix

Fra alti e bassi, fra neorealismo, critofilm e prodotti calligrafici, il rapporto tra pittura e cinema nei film italiani.

Al Sudestival, il festival lungo un inverno che si tiene tutti i fine settimana dal 10 gennaio al 13 marzo 2020 a Monopoli (Ba), anche l'omaggio a Dino Risi nell'ambito di un "laboratorio" sulla commedia all'italiana con gli studenti, organizzato in collaborazione con Film Tv, media partner della manifestazione. Come film più rappresentativo, Mauro Gervasini ha scelto Il giovedì , che era anche il preferito dal regista milanese. Riproponiamo la locandina con il commento.

Avete già scoperto le due nuove piattaforme di cui stiamo recensendo serie originali, di recente? Una di queste è StarzPlay, su cui vi suggeriamo di cercare questa commedia.

Il numero 50 di Film Tv è tutto dedicato alle donne, in uno speciale che attraversa ruoli e media diversi. Uno dei nomi femminili fondamentali per il cinema è Chantal Akerman, di cui vi riproponiamo questo inedito.

La citazione

«Ognuno prende i limiti del suo campo visivo per i confini del mondo. (Arthur Schopenhauer)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
9011
servizi
3381
cineteca
2969
opinionisti
2046
locandine
1056
serialminds
883
scanners
500

News


31 Ottobre 2018

Addio e grazie per tutte le news #010

Prende forma il prequel de Il trono di spade, ed è la stessa della pupilla di George R.R. Martin: $
Almeno Georgie Martin è abbastanza cortese da non nascondersi dietro un dito(corto), e grazie al superpotere dell'anzianità è molto schietto al riguardo: c'è gente che sta lavorando al pilota della serie prequel de Il trono di spade, lui ci mette il nome, guarda, ogni tanto annuisce e nel frattempo aggiorna la pagina del suo conto online (Banca di Credito Cooperativo Colli Morenici del Garda) con il pallottoliere di fianco per contare i soldi. Tipo Tim Burton con Nighmare Before Christmas (alle 21.10 su Paramount Channel), che nemmeno la mamma di Henry Selick si ricorda che è stato lui il regista del film. Comunque, era già stato annunciato che la serie sarà ambientata 10mila anni prima rispetto a Il trono di spade, e ora si viene a sapere che Naomi Watts ha firmato per un ruolo da protagonista nel pilota. Interpreterà un'innominata donna dell'alta società che nasconde un oscuro segreto. Più oscuro del basilisco di Harry Potter e la camera dei segreti (alle 21.30 su Italia 1)? O sarà ella stessa la futura madre dei basilischi in un crossover piuttosto allettante?
 
Bonnie e Clyde, back in action
Chloë Grace Moretz
, noi ti vogliamo tutti bene perché non si può che avere profondo affetto per la bimba di Kick-Ass, nonché immarcescibile rispetto per chi, a 13 anni, è riuscita a condividere il set con Nicolas Cage senza finire affidata ai servizi sociali. Ma siamo già al terzo strike. Uno l'hai sprecato con Blood Story, e comunque è andata bene perché si è trattato di un buon remake dell'immenso Lasciami entrare. Il secondo te lo sei giocata con l'inutile rifacimento di Carrie. Metà del terzo se n'è andato per una buona causa, il finto remake di Suspiria. E ora vai anche a firmare per un nuovo film su Bonnie e Clyde diretto dal Guy Ritchie spagnolo (mamma che incubo)? E al posto di Warren Beatty ci sarà Jack “Chi?” O'Connell? Di questo passo ti proporranno un remake di Ginger e Fred (alle 21.10 su RaiMovie) con Zac Efron al posto di Mastroianni. Chloë Grace Moretz, è ora di cambiare agente. Il mio numero lo conosci, tariffa standard del 20%.  
 
Aumenta il conto di inutili umani che per settimane di riprese guarderanno basiti il vuoto per Godzilla vs. Kong
Potrebbe essere un bellissimo esercizio. Arrivano notizie sul casting di grandi film, la cui trama viene gelosamente (o codardamente) tenuta all'oscuro, e per evitare la solita noia del «Rebecca Hall ha firmato per un ruolo non meglio specificato in Godzilla vs. Kong», potremmo cominciare a inventarci di sana pianta qualcosa per riempire i vuoti. Per esempio, in questo nuovo film di mostro grosso vs. gorilla grosso ci sarà anche Millie “Undici di Stranger Things” Bobby Brown, che interpreterà la figlia adolescente ribelle di Rebecca Hall, biologa marina di caratura internazionale e madre assente, e King Kong, attore fallito, fondamentalmente un buono ma con più di un problema con l'alcol. Millie scappa di casa e viene accolta dallo zio Alexander Skarsgard, veterano dell'Afghanistan e decoratore di interni di successo, e dal suo compagno Godzilla, il primo kaiju dichiaratamente omosessuale, celebre attore in quelle assurde pubblicità giapponesi. Seguono grosse baruffe tra le due famiglie per risolvere il contenzioso.

In breve:
Come il vendicativo boss dell'Antico Testamento, Netflix prende e Netflix dà. Dopo aver annunciato l'improvvida cancellazione di American Vandal, il sito di streaming recupera un fiato di karma positivo confermando BoJack Horseman per una sesta stagione. Lasciando il giusto largo anticipo per prepararsi e fare scorta di ogni cibo cioccolatoso che aiuti nella produzione di endorfine, per evitare di soffrire eccessivamente durante la visione. 
Fanno un remake di Flash Gordon. E pensa un po' questo ragazzo australiano, James Avery: il suo primo film a Hollywood – Overlord, cose di nazisti e zombie, lo vedremo presto anche in Italia – è uscito in sala nemmeno due mesi fa e già Fox decide di mettergli in mano una patata di quelle veramente bollenti. Nuovo scopo nella vita di Avery: far arrabbiare meno persone possibili.

Il contributo video di oggi rinnova la rubrica del mese, che ora ha anche un agile titolo: “Registi americani che firmano spot per convincere i concittadini ad andare a votare, cosa che noi italiani facciamo un po' fatica a capire dal momento che non abbiamo gli stessi problemi di accessibilità al voto e comunque, apparentemente, ci teniamo di più o comunque siamo più abituati, o magari ci fanno comodo quei 50 euro che il tizio losco fuori dal seggio ha promesso per fare una foto alla scheda elettorale”. Stavolta è il turno di Jodie Foster, che in questa pubblicità progresso semplice semplice e tutta al femminile riunisce (tra le altre) Cher, Minnie Driver, Felicity Huffman, Zosia Mamet, Téa Leoni, Julianne Moore, Olivia Munn, Piper Perabo, Ellen Pompeo, Lily Tomlin e Constance Wu per convincere gli americani ad andare a votare. In bocca al lupo. 
 
 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


La quiete prima della tempesta (di neve)

13 Dicembre 2019

Fuori(le)Serie #024

I giganti dello streaming si preparano al tour de force natalizio e si prendono una settimana di relativa pausa, con poche novità e...

James Franco presenta: il primo film tratto da Twitter

11 Dicembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #206

Dice: ma come si fa a tirare fuori un film da qualcosa che è stato scritto su Twitter? Non è per...

Tutte le nomination dei Golden Globe 2020

10 Dicembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #205

Già, di per loro, i Golden Globe sono i secondi più importanti in un ambito, quello dei premi...

La fantastica signora dello streaming

6 Dicembre 2019

Fuori(le)Serie #023

Tornano, con una terza stagione, i monologhi comici della fantastica signora Maisel, e improvvisamente, aggiungendo anche Kidding...

Jeremy Thomas e il Pinocchio di Matteo Garrone

5 Dicembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #204

Se la matematica di base fosse applicabile al genio umano e all'arte cinematografica, il Pinocchio...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy