Addio e grazie per tutte le news #027

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Gunga Din è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:20.

Uno dei film più amati di Albertone, uno dei suoi personaggi più indimenticabili. La locandina è di Emanuela Martini.

Il 28 febbraio comincia in prima assoluta su Joi la terza stagione di una serie che abbiamo molto amato. Dove eravamo rimasti?

Il vincitore della Berlinale69 è Nadav Lapid, nostra vecchia conoscenza, con il film Synonymes . Vi ricordate quando presentammo Policeman su FilmtVOD?

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

Se fossi una donna sarei scandalizzata dal dibattito sulle quote rosa. Molto probabilmente non amerei essere identificata con un colore appiccicoso, infantile e nauseante come il rosa. Quando un uomo politico o un giornalista usa quel colore per identificare la presenza femminile non lo fa solo per scarsa fantasia, ma per tranquillizzarsi con l’immagine di una signorina dal grembiulino color confetto, tutta pizzi, trine, boccoli e totalmente inoffensiva. Se fossi una donna avrei preferito spaziare dal rosso incandescente al grigio glaciale.

La citazione

«Scrivere è anche non parlare (Marguerite Duras)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
8462
servizi
2975
cineteca
2739
opinionisti
1847
locandine
1015
serialminds
786
scanners
482

News


26 Novembre 2018

Addio e grazie per tutte le news #027

Addio a Nicolas Roeg
Il quale, umile come è stato per tutta la durata della sua carriera nel cinema, se n'è andato quasi in concomitanza con Bernardo Bertolucci, lasciando al collega più celebre e celebrato gli onori della cronaca. Ed è successo molte volte, che il nome di Nicolas Roeg non brillasse quanto brillava la sua fotografia prima e la sua regia in seguito – l'inglese ha debuttato dietro la macchina da presa solo nel 1970 con il super cult Sadismo. Sarà che Roeg è nato, a livello professionale, alla base della piramide sociale cinematografica: le sue prime esperienze con la celluloide le fa durante il servizio militare come proiezionista improvvisato e autodidatta. Da lì nasce la passione, e una volta tornato in abiti civili trova un lavoro come duplicatore e archivista in uno studio (qui imparerà a montare), quindi ottiene impiego come assistente operatore e via via, un piolo alla volta nella scala della gavetta, fino a essere abbracciato da Roger Corman che lo lancia come direttore della fotografia. Lavorerà con Truffaut, Schlesinger e Richard Lester prima di debuttare, freschissimo 42enne, dietro la macchina da presa come regista. Da lì ha spiccato il balzo per incidere il suo nome sulle tavole sacre del cinema anni '70. Bastano Sadismo, L'uomo che cadde sulla terra e A Venezia... un dicembre rosso shocking per farne un regista essenziale. Nicolas Roeg ha colto con raffinatezza estetica e ritmica lo spirito allucinato degli anni '70, ed è stato il cantore indiretto di quel decennio come John McTiernan lo è stato dei tamarrissimi anni '80 (vedere Predator alle 21.05 su Rai 4 per conferma). Il paragone va ovviamente fatto al netto delle esplosioni. 

Come si paga la voce di Julie Andrews? Un tanto al decibel?
Julie Andrews
è un tesoro dello spettacolo internazionale, sin dai suoi esordi da bambina prodigio come minuscola solista nei teatri di vaudeville inglesi, passando in rigoroso ordine cronologico per Broadway, Mary Poppins, Tutti insieme appassionatamente, la rinascita cinematografica insieme al secondo marito Blake Edwards, i libri per bambini, la televisione, i meme di Tutti insieme appassionatamente, i doppiaggi. E in quanto tesoro, specialmente parlando della sua voce, va valutato adeguatamente. Come quando, alla fine degli anni '90, perde gran parte della sua estensione a causa di un chirurgo maldestro che fa danni durante un'operazione di routine: il tribunale ha valutato le corde vocali di Dama Andrews 20 milioni di dollari. E ci mancherebbe. Pensate dunque a James Wan quando gli hanno detto che Andrews era disponibile a doppiare un personaggio in Aquaman. Il momento più incredibile della sua carriera da regista. Anche più assurdo di quando lo hanno avvisato che aveva svoltato per sempre grazie a Saw – L'enigmista. È come se i produttori di Io & Marley (alle 23.05 su Studio Universal) avessero detto al regista David Frankel: ascolta, ti dispiace se facciamo parlare il cane? Peter O'Toole dice che è interessato a prestare la voce al nostro film.

Al Pacino torna a fare Shakespeare, che Bill sia d'accordo o meno
Era già successo una manciata di anni fa, nel 2004, quando Al Pacino aveva preso da parte quel branzino essiccato di Michael Radford e gli aveva detto qualcosa tipo: tu tieni a bada le comparse parlanti, che io debbo recitare il Bardo. Il risultato è stato Il mercante di Venezia, un film tratto da Shakespeare in cui recita anche Joseph Fiennes – ma come? – e in cui Pacino vince, come sempre, la gara di intensità. Perché non importa sia uno spacciatore cubano, uno sbirro, un allenatore di football o un vendicativo mercante ebreo: Alfredo Pacino dev'essere il più intenso di tutti. In Intrigo internazionale (alle 23 su La 7) avrebbe interpretato l'aereo che spara a Cary Grant e sarebbe stato di certo il più intenso. Se poi lo si porta a teatro, Al diventa come un bambino amish che assaggia lo zucchero per la prima volta; ne sono testimonianza filmata Riccardo III e Wilde Salomé, due film che oggi aiutano gli psicoterapeuti a trattare con attori traumatizzati. Auguri a Radford, dunque, che deve aver passato un ottimo pomeriggio di lexotan quando il suo agente l'ha chiamato per dirgli che Pacino aveva chiesto di lui per una trasposizione cinematografica di Re Lear. Dramma scespiriano in cui succedono un gran numero di cose, tutte molto intense. 

In breve:
In una lunga e interessante intervista all'egiziano Mohamed Karim, stella dello spettacolo mediorientale che sta cercando sbocchi a Hollywood, gli fanno la giusta domanda sull'ultimo film inglese che ha girato, l'action thriller A Score to Settle. Ovvero: com'è stato lavorare con Nicolas Cage? La risposta è un diplomatico ed entusiasta resoconto della sua esperienza sul set. Chiaramente dettato da un ufficio stampa che non voleva che la risposta fosse, più sinceramente: come Icaro, le mie ali sono state bruciate per aver cercato di avvicinarmi troppo al sole. 

Alla prima statistica disponibile, il Re leone di Jon Favreau batte gli Avengers. Il primo teaser trailer del reboot in live action, se per live action si può intendere un film senza esseri umani sullo schermo, del classico animato Disney ha raccolto quasi 225 milioni di visualizzazioni in 24 ore. Una mezza dozzina di milioni in più rispetto al primo trailer di Infinity War. Nando Martellone avrebbe qualcosa di coerente da dire su questa notizia.

Il contributo video di oggi è stupendo perché, innanzitutto, c'è Bob Dylan. Ma non solo: c'è Bob Dylan che deve sponsorizzare il suo whiskey, Heaven's Door. E dal momento che Bob Dylan non è Bill Murray in Lost in Translation, può non andare in Giappone e fermarsi a New York, in una delle decine di talk show serali che si registrano in città. In questo caso è Jimmy Fallon, ma siccome Bob Dylan è Bob Dylan, quello che è arrivato con qualche giorno di ritardo alla consegna del suo Nobel, può anche permettersi di fare pubblicità al suo whiskey senza dire una parola. Signori e signori: Bob Dylan, muto, al circo mentre sorseggia il suo whiskey ascoltando Gymnopédie No.1 di Erik Satie.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #079        

20 Febbraio 2019

Polemicamente, ma senza perdere l'aplomb
Lo stereotipo vuole che le genti al di là della Manica abbiano un approccio molto più posato, cinico, pessimista, sarcastico e...

CineTRIP #013

20 Febbraio 2019

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
21-24 febbraio 2019

SGUARDI SULL'ARTE (E SULL'ARCHITETTURA)
Cinema e...

Tutto quello che c'è da sapere su Cartoomics 2019

20 Febbraio 2019

Si avvicina marzo. E con esso, oltre agli improvvisi scrosci di pioggia e le prime scalmane primaverili, torna puntuale anche il Cartoomics, la convention di cultura pop...

Addio e grazie per tutte le news #078

18 Febbraio 2019

Non più di un soprammobile per l'attico di New York
Sarà incredibile vedere come la stessa notizia verrà assorbita dai due lati del muro immaginario. Anzi, dai due spalti...

Berlinale69 - Gli Orsi di FilmTv

16 Febbraio 2019

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival.

Per ogni critico trovate il film preferito e il pronostico sul...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy