Addio e grazie per tutte le news #070

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che Il mistero della camera gialla è il film da salvare oggi in TV.
Su TV2000 alle ore 21:05.

Il 24 aprile è la data in cui usciranno in Francia dvd e bluray di High Life di Claire Denis, con Robert Pattinson e Juliette Binoche. Ancora non è prevista un'uscita nelle sale italiane, ma per l'occasione rispolveriamo la recensione di un altro film invisibile della stessa regista.

State già seguendo su TIMVision la seconda stagione di Killing Eve ? Vi riproponiamo l'intervista doppia alle due attrici protagoniste realizzata per l'arrivo della prima stagione, l'anno scorso.

Remake, reboot, prequel, sequel. E degli adattamenti, non possiamo proprio fare a meno? L'opinione di Roy Menarini.

Michelle Yeoh è appena stata scelta da James Cameron per i tre sequel previsti di Avatar. Vi riproponiamo allora la locandina di Emanuela Martini scritta per il film del 2009.

Sulla seconda stagione abbiamo pareri discordi (cfr. il Perché sì / Perché no di FilmTv n° 16). Ma la prima stagione di The OA ci era piaciuta molto: la recensione di Giulio Sangiorgio.

La citazione

«Tutti i travestimenti del mondo non coprono la puzza di marcio. (Zatōichi)»

scelta da
Nicola Cupperi

cinerama
8590
servizi
3060
cineteca
2790
opinionisti
1889
locandine
1024
serialminds
811
scanners
487

News


6 Febbraio 2019

Addio e grazie per tutte le news #070

Febbre da pelato
Lungo tutto lo spettro umano: c'è chi guarda la serata degli Oscar con sincero entusiasmo, avendo visto tutti i film in gara (compresi i corti documentari) e con l'onesta speranza che vinca il migliore e trionfi l'amicizia; poi ci sono quelli che assistono per commentare sui social e dire le cose buffe o le cose arrabbiate o le cose acide con la possibilità che il loro tweet venga letto da Gianni Canova. C'è chi lo fa per noia e chi per professione. Ci sono quelli che lo usano come drinking game e bevono uno shottino tutte le volte che viene citata Meryl Streep. E infine quelli che guardano gli Oscar perché ci hanno scommesso dei soldi. Va bene scommettere sugli eventi sportivi, dove rimane una quota di arbitrio e contano le conoscenze e l'approccio statistico. Ma gli Oscar? Se devo scommettere sui capricci di un gruppo di anziani arricchiti, mi guardo le qualificazioni del torneo alla bocciofila e poi punto sulla finale. In tutto questo, da qualche giorno sono uscite le quote ufficiali di tutti i maggiori bookmakers, e gli esperti danno Alfonso Cuarón e Roma favoriti in maniera bulgara in tutte le categorie in cui sono nominati, a parte quelle delle interpretazioni. E se vincete forte scommettendo su Christian Bale, dato per sfavorito rispetto a Rami Malek, vedete di fare cose ignoranti con le vincite e tenete incrociate le dita: magari Hollywood si ispirerà a voi per un sequel reboot di The Wolf of Wall Street (su Rai 2 alle 21.05).

Cento di questi cancelli del cielo
La United Artists è quella compagnia di produzione e distribuzione cinematografica che fu fondata da D. W. Griffith, Charlie Chaplin, Mary Pickford e Douglas Fairbanks al preciso scopo di creare uno studio che accomodasse le esigenze artistiche degli autori senza l'ossessione, o comunque la priorità, del successo commerciale a tutti i costi. È andato quasi tutto bene fino al 1980, quando il bagno di sangue di I cancelli del cielo costrinse la società ad accettare l'offerta ed essere rilevata da MGM, perdendo l'indipendenza produttiva. L'utopia di quattro persone molto ricche e molto ottimiste compie in questi giorni 100 anni e sta abbastanza bene, tenuto conto che dopo anni di limbo (e un passaggio nelle mani a volte rischiose di Tom Cruise) oggi, invece di osservare i cantieri o produrre fiction, va a braccetto con i giovani sempre sul pezzo di Annapurna Pictures, quelli che non si perdono un'edizione del Sundance, hanno una coscienza politica e acquistano solo Apple per coerenza estetica. Il nuovo assetto, per cui è stata coniata l'egida United Artists Releasing, esiste dalla fine del 2017, ma da qui in avanti avrà un ruolo ancora più centrale, venendo collegata sia alla distribuzione del prossimo film di James Bond, sia al nuovo progetto di Richard Linklater, sia al reboot della saga horror La bambola assassina.

Marketing costoso
Tra i tanti problemi che comporta gestire un regime – soffocare i dissidenti, decidere tutto su tutto quanto in ogni momento, gestire le noiose ingerenze esterne di queste persone agitate che blaterano di diritti umani, o qualcosa del genere – uno dei più fastidiosi e onerosi, al giorno d'oggi, è quello dell'immagine. Anche se, comunque, costa ancora meno far sembrare di essere virtuosi piuttosto che esserlo veramente. Ecco perché in Cina si sono tuffati con grande entusiasmo, nonostante il rischio d'impresa, sulla produzione cinematografica e sul controllo della distribuzione, picchiando duro sui grossi finanziamenti a blockbuster che ottimisticamente sono solo neutri, ma idealmente sono in perfetta linea con la retorica del partito: il cinema popolare come arma per ricordare che la società cinese e coloro che ne fanno parte sono superiori agli altri. È il miglior momento possibile per essere registi con un folto pelo sullo stomaco e andare in Cina a chiedere una manciata di paperdollari per produrre un film, basta che i toni siano trionfali il giusto. Ne sa qualcosa Dante Lam, che dopo anni passati a Hong Kong a dirigere polizieschi da battaglia (tra cui l'indimenticabile Beast Cops) condividendo il set con altri quattro film, ha deciso che i soldi sono meglio e ha salutato la compagnia dei poveri. Pochi anni dopo ed eccolo pronto a dirigere The Rescue, il primo film cinese che non sia fantasy o storico, racconterà gli eroismi di una squadra di salvataggio della guardia costiera, a ricevere un budget vicino ai cento milioni di dollari per fornire allo spettatore obnubilato dai 110 ai 140 minuti di esplosioni e discorsi gonfi di retorica nazionalista. Insomma, Le quattro piume (su Cine Sony alle 23.50) ma ambientato su un elicottero. 

In breve: 
Il cast di Dune, quell'adattamento dall'omonimo classico della fantascienza che una volta ha rischiato di togliere la serenità a David Lynch e che adesso viene affrontato con invidiabile coraggio da Denis Villeneuve, si fa sempre più ridicolo. Legendary annuncia che dovrebbe fare presto il suo ingresso ufficiale anche Javier Bardem, che si aggiunge a Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson, Dave Bautista, Stellan Skarsgård e Charlotte Rampling, oltre alla possibilità ancora aperta di avere anche un Oscar Isaac. Peccato Daniel Day-Lewis sia in pensione, ma ci si può sempre consolare con L'ultimo dei Mohicani (su Nove alle 21.25).

Altri casting di altri film che presumibilmente non lasceranno alcun segno sulla storia del cinema, ma comunque faranno girare l'economia e produrranno almeno una manciata di filippiche non richieste sui social. Gary Oldman, Armie Hammer e Evangeline Lilly sono stati infatti annunciati come i protagonisti di Dreamland (le cui riprese inizieranno nei prossimi giorni), secondo lungometraggio da regista di Nicholas Jarecki, che dopo l'esordio di La frode in denuncia dei finanzieri cattivi, continua a indignarsi con questo thriller che parlerà della crisi degli oppiacei negli Stati Uniti.

Il contributo video di oggi è la canzone di Cassandra: quando da queste parti si era parlato della pubblicità natalizia per le aggeggerie domotiche di Google in cui Macaulay Culkin – o meglio, Macaulay Macaulay Culkin Culkin – tornava ai bei tempi di Mamma, ho perso l'aereo, si tirava anche un sospiro di sollievo notando l'assenza dallo spot di Joe Pesci. Joe è meglio di così, non si abbassa a guadagnare una montagna di soldi per mezza mattinata di lavoro. Ha fatto i films con Martin Scorsese. Come Robert De Niro. Ops.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #112

18 Aprile 2019

Nuvoloso con possibilità di Tarantino
Non ce l'hanno fatta, il Festival di Cannes e Quentin Tarantino, a osare un annuncio irresponsabile e confermare la...

Addio e grazie per tutte le news #111

17 Aprile 2019

Addio a Monkey Punch
La vulgata della bibbia di...

Addio e grazie per tutte le news #110

16 Aprile 2019

Continuiamo così, facciamoci del male
Lo zapping. Che come tutte le attività fatte a mezzo cervello rivelano molto dell'inconscio. All'apice del duopolio Rai/Mediaset era...

Addio e grazie per tutte le news #109

10 Aprile 2019

Almeno questi anziani non hanno la fissa delle slot machine
Ultimamente era già passato il buon Hayao Miyazaki, e nemmeno per la prima volta, a ricordarci una grande...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy