Addio e grazie per tutte le news #071

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Le conseguenze dell'amore è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 13:00.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il cibo, la tradizione, il vino... ma la birra? Piccolo excursus su una bevanda popolare, ma non così tanto al cinema.

Al cinema da giovani è una raccolta di scritti di Maurizio Ponzi, appena uscita, da cui abbiamo tratto l'intervista che Ponzi fece a Jean-Pierre Melville negli anni '60, pubblicata su FilmTv n° 33. Per accompagnare quella lettura vi proponiamo il testo di Emanuela Martini su Lo spione .

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«E questo è quanto (Casinò - Martin Scorsese)»

cinerama
8787
servizi
3215
cineteca
2884
opinionisti
1971
locandine
1040
serialminds
850
scanners
494

News


7 Febbraio 2019

Addio e grazie per tutte le news #071

“Quei soldi lì li faccio con due Avatar e mezzo”
Gente che si fascia la testa preventivamente, questi del cinema. Gente che ogni anno è crisi, tutto sta per crollare, i pirati, i mutui, la Brexit, le cavallette; e alla fine ogni anno che passa si segna qualche nuovo record. Il 2017, ad esempio, è stato l'anno che ha fatto segnare il più alto numero di entrate della storia, per quanto riguarda l'Europa geografica – un campione di 37 nazioni, comprese Russia, Turchia, tutta la Scandinavia e i Balcani, oltre agli ex paesi dell'Unione Sovietica che si trovano nel continente. Nel 2018 c'è stata una lieve flessione negli ingressi, appena oltre il 3%, ma la quota totale rimane comunque superiore agli 1.25 miliardi di biglietti staccati, buoni per un incasso totale di nove miliardi di dollari e spicci. Quello che James Cameron incasserà con i sequel di Avatar in arrivo. E il tutto nonostante il periodo di chiusura forzata estiva di ogni altra attività ricreativa a causa dei mondiali di calcio. Il cinema continua ad andare forte in Russia, che insieme alla Francia rimane il mercato più florido (per numeri totali) del continente. Quelli a cui piace andare di più in sala invece sono gli irlandesi, che hanno il più alto numero (3,3) di biglietti staccati pro-capite. Gli inglesi avevano un sacco di cose brutte da dimenticare, e hanno fatto registrare i loro numeri migliori da 50 anni a questa parte. Mentre i tedeschi erano troppo impegnati a trascinare l'intera Unione per sprecare tempo con i film, facendo segnare il loro peggior risultato nell'ultima decade. A dimostrazione del fatto che siamo una specie malvagia, la versione meno depressa di This Must Be the Place (su Rete 4 alle 23.50) Bohemian Rapsody è stato il film più visto dell'anno in otto paesi, compresi Italia e Olanda. In altri sei ha prevalso Avengers: Infinity War. In altri sette, invece, ha prevalso un film indigeno. 

Neverending Simpson
I Simpson
hanno ormai l'età giusta, e provengono dalla generazione corretta, per avere il privilegio di lunghi pranzi in famiglia a sentirsi dire ogni sorta di variazione del “Alla tua età io ero/avevo già”. Se come per gli alberi calcoliamo i cerchi, i Simpson hanno raggiunto la loro trentesima stagione a cavallo fra il 2018 e il 2019. E nonostante abbia ottenuto già due anni fa il titolo di serie tv di prima serata più longeva di sempre – con i 651 episodi andati in onda finora sorpassa cariatidi del calibro di Bonanza, Dallas e il finto giovane Law & Order – il cartone creato e prodotto da Matt Groening procede, implacabile come un ghiacciaio con i suoi 8 milioni scarsi di telespettatori a episodio, verso il rinnovo per altre due stagioni, la trentunesima e la trentaduesima. Alla fine della giostra numero 32, in altrettanti anni di programmazione I Simpson arriveranno ad avere 713 episodi. Non ancora tanti quanti sono i Pokémon, ma finalmente ci saranno più episodi dei Simpson che versioni alternative di Blade Runner (su Rete 4 alle 21.25).

Più Tom Hanks per tutti
Se il cinema fosse un film, per quanto sia una premessa da mal di testa, il super cattivo sarebbe un regista molto subdolo, che ha scoperto l'arma definitiva per sedurre le masse e comandarle a piacimento: usare Tom Hanks. Se Tom Hanks interpreta qualcuno o qualcosa, quel qualcuno o qualcosa diventa immediatamente adorabile e giusta. L'ultima crociata giusta e adorabile intrapresa da Tom Hanks è quella in favore dei giornalisti. È stato Ben Bradlee in The Post, e presto potrebbe essere il capitano Jefferson Kyle Kidd, protagonista di News Of the World, adattamento cinematografico dll'omonimo bestseller di Paulette Jiles. Tom Hanks verrà catapultato ai tempi della Guerra civile americana nei panni di un anchorman ante-litteram, un mezzobusto itinerante che viaggiava lungo tutto il sud degli Stati Uniti per leggere pubblicamente e a pagamento le ultime notizie dal mondo. Oltretutto Tom Hanks accetterà 50 pezzi d'oro per accompagnare una ragazzina, resa orfana e poi cresciuta per dieci anni da una tribù indiana e quindi “salvata” dall'esercito americano, dai suoi parenti a San Antonio. Fra i due nascerà la più classica delle amicizie improbabili. In News Of the World a dirigere Tom Hanks dovrebbe essere il suo amicone Paul Greengrass: i due hanno già lavorato insieme sul set galleggiante di Captain Phillips – Attacco in mare aperto. La sceneggiatura la firmerà Luke Davies, che è bravo ad adattare libri di successo e già ci aveva ammorbato con l'inappuntabile banalissima inappuntabilità di Lion – La strada verso casa. Presumibilmente nessuna delle persone coinvolte in Dallas Buyers Club (su Rai 2 alle 21.05) sarà presente sul set. 

In breve:
Ciao ciao sequel di World War Z. O almeno, ciao ciao all'unica versione che avremmo voluto vedere, ovvero quella diretta da David Fincher. Dopo essersi sentito dire da quei pulciari di Paramount che non avrebbe ricevuto lo stesso budget speso per il primo capitolo – diretto, ricordiamo, dal fondatore della scuola di regia Stare nel mucchio Marc Forster – Fincher ha avuto svariate altre discussioni con la produzione per cercare un accordo sui fondi, senza mai trovarlo. Porca miseria, avete dato 190 (centonovanta) milioni di dollari a Marc Forster e non avete il cuore di darne 150 a Fincher? Che con quei soldi si mette a girare ogni scena 600 volte? Siete dei codardi.

Ci vuole della gran gana per fare le marchette, e farle bene, a 81 anni. Dimostra Sir Ridley Scott. Uno che secondo me, se glielo chiedete, ma proprio qualsiasi cosa, non gliene frega assolutamente nulla. Pagato dalla faraonica Turkish Airlines, Scott ha messo in piedi un corto di sei minuti, un po' James Bond e un po' lussuoso spot per la pro loco di Istanbul. Ecco a voi The Journey, tecnicamente il nuovo film di Ridley Scott.

Il vero contributo video di oggi è molto più sciocco, ma anche molto più onesto. È nettamente una pubblicità, fatta per due brand personali, un caffè e un gin, spinti rispettivamente da Hugh Jackman e Ryan Reynolds. Ma dal momento che i due signori coinvolti sono impeccabili e a loro agio con ogni tipo di linguaggio, inseriscono gli spot all'interno della leggera narrativa da social – dove i due dovrebbero essere rivali perché Reynolds è invidioso della perfezione di Jackman/Wolverine – che si sono costruiti negli ultimi tempi. Con l'unico buon motivo di continuare a lavorare sollazzandosi con spensieratezza. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Una resurrezione lunga 17 anni

21 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #167

In quanto a figure cristologiche: se si parla di puntualità la scelta ricade obbligatoriamente sull'originale, che...

Il cinema secondo Iñárritu

20 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #166

Cos'è che rende il cinema così speciale? Spielberg userebbe la carta Hollywood degli anni d'oro dicendo qualcosa...

Ferragosto con David Fincher

16 Agosto 2019

Fuori(le)Serie #008

Stufi del solito ponte di Ferragosto, un giorno al mare due giorni di coda in autostrada? Il mondo dello streaming propone ottime...

Veni, vidi, quibi

14 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #165

Se c'è una cosa davvero puzzolente, è proprio essere costretti a usare la retorica e il lessico tipiche di altre...

Addio a Piero Tosi 

13 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #164

...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy