Addio e grazie per tutte le news #076

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alberto Pezzotta dice che La moglie più bella è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 12:20.

Ma siamo sicuri che Roma di Alfonso Cuaron meriti il successo che ha avuto? Il sassolino di Giona A. Nazzaro

In autunno dovrebbe arrivare anche in Italia la piattaforma streaming Disney+. Come funzionerà? Quante cose saranno già disponibili? Alice Cucchetti se lo chiede su FilmTv n° 12. Qui ci chiediamo: ci saranno quelli che voglion fare il jazz ?

Arriva una nuova rubrica dedicata alla stand-up comedy: su FilmTv n° 12 Nicola Cupperi inaugura Funny People , dedicata ai comedian e ai loro spettacoli reperibili in streaming. Vi proponiamo una panoramica di questo mondo, realizzata da Alice Cucchetti nel 2015.

Venerdì 22 marzo su Sky Atlantic comincia la quarta stagione di Gomorra - La serie . Su FilmTv n° 12 abbiamo intervistato Marco D'Amore, che in questa stagione è passato alla regia. Ricapitoliamo la terza stagione con questa recensione (e attenzione agli spoiler!).

La mia vita con John F. Donovan è l'ultimo film di Xavier Dolan, in arrivo (speriamo) a breve nelle nostre sale per Lucky Red. A lungo i film di Dolan sono stati invisibili in Italia, ma poi hanno cominciato ad avere una distribuzione in sala, homevideo e streaming. Oggi vi consigliamo di recuperare Laurence Anyways .

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8520
servizi
3012
cineteca
2761
opinionisti
1865
locandine
1019
serialminds
797
scanners
484

News


14 Febbraio 2019

Addio e grazie per tutte le news #076

Qualcuno faccia rilassare James Cameron
C'è un ottimo modo per verificare se l'indole di una persona tende più allo spensierato o all'intenso. Basta portarla al cinema a vedere Aquaman. Se a fine proiezione il responso sarà qualcosa che assomiglia a “Oh ma che bischerata fracassona e divertente. Ne facessero di più di baracconate del genere, senza pretese ma fatte come si deve. Che matto divertimento! E senza nemmeno assumere le droghe”, potete andare sul sicuro e invitare la suddetta persona ad acquistare e consumare una bevanda leggermente alcolica prima di tornare a coricarsi nelle rispettive magioni senza il terrore che possa attaccarvi pezze clamorose e fuori luogo su argomenti pesantissimi. Se invece la reazione sarà, parola per parola: “Tutto molto divertente. Ma io non avrei mai potuto fare un film del genere, dal momento che richiede una sconnessione sognante da ogni buon senso dettato dalle leggi della fisica e della realtà. Un film che esiste da qualche parte fra la mitologia greca e quella fiabesca. Con persone che scattano sott'acqua perché... vanno a propulsione mentale? O almeno credo? E comunque Aquaman non aiuta di certo con il problema di una comprensione reale dell'oceano, della sua esplorazione e della preservazione dell'habitat marino. Anche se ogni tanto butta qua e là qualche promemoria sul fatto che usiamo gli oceani come discariche. E lo applaudo per questo. Ma no, non avrei mai potuto girare un film del genere”, allora siete andati a vedere Aquaman con James Cameron e non avete tutte le rotelle al posto giusto. Che siete le stesse persone che sono andate al cinema con Roberto Saviano a vedere L'ora legale (su Canale 5 alle 21.20): pensavate fosse una commedia di Ficarra e Picone, invece è stato un simposio sulle mafie. 

Trattare cose inutili e non saperle comunicare
Benvenuti alla nuova lectio magistralis della Academy of Motion Pictures Arts and Sciences dal titolo: Ci facciamo prendere in giro anche da Seth Rogen, ma non quando fa la persona buffa che fuma un sacco di cannoni alla marijuana, bensì quando fa la persona seria. Il programma di questa fitta serie di lezioni su come non si organizza una cerimonia di premiazione è iniziata un semestre fa e prosegue a gonfie vele verso l'esame di fine anno. Nell'ultima manciata di giorni è stato introdotto l'argomento “Come prendere l'impopolare decisione di relegare alcuni premi nelle pause pubblicitarie per far felice l'emittente della trasmissione, come farlo correttamente concertando la scelta con le categorie professionali interessate e come rovinare tutto comunicando la decisione nella maniera sbagliata”. Gli alti papaveri della Academy, dopo aver deciso di sveltire la serata di premiazione organizzando una sinossi di quattro (fotografia, montaggio, trucco e cortometraggio) delle ventiquattro statuette in programma e aver subito le critiche di un folto gruppo di registi ben in vista, ha avuto la sacrosanta idea di spiegare per bene la cronologia dei fatti, raccontando di aver deciso quali premi spostare nelle pause pubblicitarie dopo una serie di colloqui con i rappresentanti delle categorie coinvolte, e con la promessa che ogni anno, a turno, parte delle statuette secondarie (si fa per dire) subiranno la stessa sorte per favorire la brevità della serata. Non solo la tardiva spiegazione non è bastata, ma non è servita nemmeno a risparmiare all'Academy la temuta lettera di protesta collettiva, firmata tra gli altri da Martin Scorsese, Spike Lee, Roger Deakins, Guillermo Navarro, Vittorio Storaro, Spike Jonze, Damien Chazelle, Dee Rees, Ang Lee e Quentin Tarantino. Lettera che, oltre al danno la beffa, si chiude con le parole di Seth Rogen: “Non c'è niente di meglio, per celebrare i migliori risultati cinematografici dell'anno, che NON onorare pubblicamente le persone il cui lavoro è letteralmente fare cose cinematografiche”.

In breve:
Al grido di “Se li dobbiamo portare in giro per il mondo che almeno siano bravi bravi”, i tipi di Amazon Prime Video hanno presentato la prima serie originale italiana che verrà prodotta e distribuita (in più di 200 paesi in tutto il mondo) dal servizio di streaming. Il progetto, ancora senza titolo, è stato creato dalla premiata coppia Nicola Guaglianone e Menotti, la stessa che ha scritto Benedetta follia, Non ci resta che il crimine e, soprattutto, Lo chiamavano Jeeg Robot. Le riprese inizieranno entro l'anno e racconteranno la storia di una timida ragazza adolescente nella Milano anni '80, che decide di proseguire nella tradizione mafiosa famigliare non per ambizione o per mancanza di altre scelte, bensì per conquistare l'amore del suo babbo. Tanta dolcezza quanti fucili a canne mozze.

Il contributo video dell'oggi è quella cosa che ti fa dire: piuttosto che ascoltare per tutto il 2020 gente che fa il paragone tra Let it Go e il nuovo tormentone, che sarà uguale a Let it Go con un testo solo leggermente diverso, preferisco passare San Valentino guardando Lezioni di cioccolato (su Nove alle 21.25) e Lezioni di cioccolato 2 (sempre su Nove, alle 23.30) in una maratona sconsigliata dalla maggiore parte dei medici. Si sta chiaramente parlando del trailer di Frozen 2, in cui peraltro non si capisce troppo bene cosa succeda. Ma la canzone è lì, dietro l'angolo. Pronta a colpire. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Addio e grazie per tutte le news #098

21 Marzo 2019

I sequel sono come scatole di cioccolatini
Si possono dire tutte le peste e le corna dell'intrattenimento anni '90 – il decennio delle boy band, delle girl band, dei grandi...

Addio e grazie per tutte le news #097

20 Marzo 2019

Natale è arrivato in anticipo?
Oppure è un modo ancora più piacevole del solito per festeggiare la primavera, una nuova forma di rito pagano per celebrare l'equinozio di...

Addio e grazie per tutte le news #096

19 Marzo 2019

La terapia di coppia è un percorso lungo e difficoltoso
A quanto pare, almeno per quest'anno, ci hanno davvero provato fino in fondo a riaggiustare il loro rapporto, al...

Addio e grazie per tutte le news #095        

18 Marzo 2019

Ti amo, poi ti odio, poi ti apprezzo
...

Addio e grazie per tutte le news #094

15 Marzo 2019

India, terra di fini dicitori cinematografici
Sarà che a produrre così tanti film diventa fisiologicamente impossibile sfornare altrettante sceneggiature originali. Sarà...

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy