Addio e grazie per tutte le news #093

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Acid - Delirio dei sensi è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 02:50.

Quanto vale l’altra metà del cielo, sul grande schermo? Quanto potere hanno le registe e le maestranze al femminile a Hollywood? Uno sguardo alle cifre e ai nomi, resistenti o emergenti, del gentil sesso al cinema.

Tempi duri per i grandi della nuova Hollywood. Quando essere un autore di culto tipo Brian De Palma non basta come garanzia per partire con una nuova produzione. Un'analisi di Giulia D'Agnolo Vallan.

Film di culto, pilastro della storia del cinema, capolavoro assoluto. E... Mel Gibson si prepara a rifarlo. Con un ricco cast, come vi raccontiamo nella prossima newsletter. Rileggiamo le parole di Gianni Amelio.

Arriva il 31 maggio su Prime Video una delle nuove serie più attese dell'anno. Si chiama Good Omens, ed è tratta dal romanzo di Neil Gaiman e Terry Pratchett Buona Apocalisse a tutti! Impossibile non ripensare a American Gods , egualmente tratta da un romanzo dello scrittore inglese.

Tra i film che abbiamo già visto dell'edizione 2019 del Festival di Cannes c'è La Gomera di Corneliu Porumboiu, che non ci ha convinto. Vi invitiamo a confrontare le parole di Roberto Manassero con quelle di Sangiorgio, che con questa recensione, qualche anno fa, nella rubrica Scanners, presentava quest'autore della Nuova onda rumena.

La citazione

«Il motivo per cui Dio ci ha dato due orecchie e una bocca è per permetterci di ascoltare il doppio di quanto parliamo (Quincy Jones)»

scelta da
Emanuele Sacchi

cinerama
8659
servizi
3092
cineteca
2812
opinionisti
1906
locandine
1028
serialminds
820
scanners
488

News


14 Marzo 2019

Addio e grazie per tutte le news #093

Uno per me, uno per loro
Lo stereotipo li racconta così: iniziano come giovani padawan in possesso solo del loro sogno, quello di cambiare il mondo attraverso la loro arte recitativa, commuovere e toccare le folle, vincere il rispetto dei loro pari; poi interviene la vita, quella vera, e si vedono costretti a scendere a compromessi, accettare ruoli beoti affogando in assegni milionari il senso di colpa per aver tradito le loro muse Thalia e Melpomene. È una vita intensa. Ed è a quel punto che il patto viene pronunziato: uno per me, uno per loro. Un film per l'arte, uno per poter accumulare una quantità di soldi impossibile da spendere in una sola esistenza. Sono in pochi gli attori che riescono a mantenere l'equilibrio tra due bisogni agli antipodi senza sembrare ridicoli, pretestuosi, ipocriti o tutte e tre insieme. Uno di questi è Denzel Washington, che ormai ha trovato una omeostasi invidiabile. Se vuole incassare, chiama il suo agente e si fa dare il primo ruolo super cazzuto a disposizione. Il prossimo sarà in Little Things, thriller che è stato scritto e probabilmente verrà anche diretto da John Lee Hancock, nei panni dello sceriffo Deke, sbirro dal fiuto sopraffino ma dal compasso morale meno sviluppato. Quando invece vuole espiare i propri peccati contro le muse, Washington si mette dietro la macchina da presa per sviluppare progetti che scaturiscono da storie intense o da testi piuttosto impegnati. Era successo per Antwone Fisher, The Great Debaters – Il potere della parola e Barriere, tornerà a succedere per la sua prossima regia: prodotto da Michael B. Jordan, in trattative anche per il ruolo da protagonista, e scritto dallo sceneggiatore di Mudbound Virgil Williams, Journal for Jordan sarà l'adattamento cinematografico dell'omonima biografia firmata dalla giornalista Dana Cadendy, che raccoglie più di un anno di diari scritti dal marito Charles Monroe King (morto in combattimento in Iraq nel 2006), memoriale a cui nel 2009 è stato assegnato il premio Pulitzer. Peraltro l'equazione uno per me, uno per loro vale anche per lo spettatore: per ogni Journal for Jordan visto, il morale va rimesso in piedi con una cosa come School of Rock (su Spike alle 21.30) o Fast & Furious 6 (su Italia 1 alle 21.25).

Master of Kung Fu
Che decennio da sultani dev'essere stato quegli degli anni '70. Mai un secondo di noia, la gente vestita come nel sogno lisergico di uno stilista daltonico, gli psichiatri che prescrivevano ecstasy come supporto farmacologico alla terapia di coppia (storia vera). E poi i film di kung fu che arrivano in occidente e fanno scoppiare le cervella a un sacco di musi pallidi che non riescono a capire quello che stanno vedendo, colpa anche dell'ecstasy, ma ne vogliono di più e a tutti i costi. Come dare loro torto. In quel clima da “di più”, spunta nelle edicole americane e sotto l'egida Marvel (era il 1973) anche il personaggio, mezzo cinese e mezzo americano, di Shang-Chi, il Maestro del Kung-Fu. Uno che era tutto umano e senza superpoteri cosmici o mutanti o tecnologici o divinamente imposti: semplicemente si era fatto un mazzo tanto per imparare il wushu come si deve e spalancare le porte del Qi. Ora che Marvel è un feudo Disney, partecipa in prima linea alla corsa a tappe forzate verso l'inclusione e ha di conseguenza assegnato due stagisti alla raccolta delle lamentele su Twitter. Il risultato dello studio è che per sopperire a ogni antico stregone tibetano interpretato da una londinese albina, ci dovrà essere almeno un film in cui i personaggi di origine asiatica saranno interpretati e diretti da persone asiatiche. Niente di meglio dell'adattamento cinematografico delle avventure di Shang-Chi. Non ci sono ancora notizie sul cast, ma Marvel ha annunciato che il regista prescelto è il 40enne Destin Daniel Cretton, autore feticcio di Brie Larson: i due hanno collaborato in Short Term 12, Il castello di vetro e nel film al momento in fase di riprese Just Mercy, in cui Captain Marvel – che, buon per lei, non è una imparentata con Captain Fantastic (su Rai 3 alle 21.20) – reciterà al fianco dell'onnipresente Micheal B. Jordan.

Il sottile confine tra invogliare e corrompere
Sei un direttore del casting. Una grossa produzione ti assume per mettere insieme un folto numero di star e rendere potabile e vendibile il sequel di una commedia action del 2017, Come ti ammazzo il bodyguard (mamma mia). Un film né brutto né bello, che non ha fatto troppo successo ma non ha nemmeno floppato in maniera clamorosa. Il prototipo di film che sta nel mazzo. E tu devi renderlo appetibile cercando di convincere una manciata di nomi altisonanti, oltre a far tornare quelli che già c'erano nel primo capitolo, Ryan Reynolds, Samuel L. Jackson, Salma Hayek e Richard E. Grant. Innanzitutto ti metti a piangere: non ti immaginavi così la tua carriera dopo la laurea in psicologia. Dopodiché fai un paio di chiamate alla produzione e: miracolo. Il film è ambientato sulla costiera amalfitana. E non è che le altre location siano miniere di carbone al confine tra Mongolia e Cina: spiagge croate e la City londinese. È fatta, il film si vende da solo. Metti un annuncio su Bakeca.com/hollywood e in men che non si dica Reynolds, Jackson, Hayek e Grant confermano il loro ritorno, il regista Patrick Hughes si dichiara più che felice di dirigere anche il sequel, e Antonio Banderas, Frank Grillo e Morgan Freeman decidono di unirsi alla compagnia. Chi è che rifiuterebbe una vacanza pagata ad Amalfi?

L'odierno contributo video è una cosa un po' diversa dal solito. È Jonah Hill che ci ha preso talmente tanto gusto a urlare “Azione!” che a quattro mesi dal debutto in sala del suo esordio alla regia, la commedia adolescenziale dolceamara semi-autobiografica Mid90s, è tornato dietro la macchina da presa per dirigere il videoclip di Sunflower, nuovo singolo dei Vampire Weekend. Ci sono un sacco di chitarrine distorte, gusto per la psichedelia fuori tempo massimo, un trionfo di split screen e persino un cammeo di Jerry Seinfeld, che in quanto sindaco honoris causa dell'affluente quartiere di New York in cui è stato girato il video è passato sul set a controllare che tutto funzionasse al meglio. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Cannes72 - Il TotoPalma di FilmTv

25 Maggio 2019

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione, che comincerà alle ore 19, raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival nel nostro TotoPalma 2019.

Per ogni critico...

 Addio e grazie per tutte le news #131

24 Maggio 2019

Mektoub, parte seconda: bene, ma non benissimo
Proseguono imperterrite le cronache dalla 72esima edizione del Festival di Cannes. La quale, al di là della...

Addio e grazie per tutte le news #130

23 Maggio 2019

Novità sul fronte Nolan
Difficile dire quando Christopher Nolan sia diventato ufficialmente la versione cinematografica e su scala globale delle cucine...

Addio e grazie per tutte le news #129

22 Maggio 2019

Georgia (Not) On My Mind
Per chi non lo sapesse, un breve riassunto delle puntate precedenti. Al momento gli Stati Uniti sono governati da un manipolo di anziani,...

Appello al voto di oltre 400 registi e attori

21 Maggio 2019

In previsione delle elezioni europee, che si terranno dal 23 al 26 maggio 2019, alcuni cineasti e personalità di spicco del mondo del cinema si sono incontrati durante il festival di Cannes,...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy