C'era (più di un) un cinese in sala

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che American Hustle - L'apparenza inganna è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai5 alle ore 21:15.

Arriva in sala Burning - L'amore brucia di Lee Chang-dong, per noi uno dei migliori film dell'edizione 2018 del Festival di Cannes. Nella sua recensione Pier Maria Bocchi lo accosta a Bong Joon-ho e a Park Chan-wook, di cui vi riproponiamo questo film invisibile realizzato insieme al fratello.

Quando Filippo Mazzarella incontrò David Lynch, qualche parola, del silenzio.

Julie Andrews, una voce leggendaria e una serie di ruoli iconici scolpiti nella storia del cinema, ha ricevuto il Leone d'oro alla carriera a Venezia76. Riproponiamo qui la locandina di Victor Victoria .

Esattamente un anno fa esordiva su Netflix l'attesa serie creata da Matt Groening. A breve sarà disponibile la seconda stagione. Possibile competere con I Simpson e Futurama ? Dobbiamo proprio farlo?

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

La citazione

«Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico durante il week end! (Woody Allen)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8853
servizi
3251
cineteca
2901
opinionisti
1987
locandine
1044
serialminds
855
scanners
494

News


7 Agosto 2019

C'era (più di un) un cinese in sala

Addio e grazie per tutte le news #162

Partiamo dal presupposto che stiamo per parlare, nel contesto del mercato cinematografico mondiale, di numeri sostanzialmente infinitesimali. Nell'ordine di quelli che Marvel incassa quando Kevin Feige starnutisce e lo stagista rivende su eBay il fazzoletto sporco. Altrimenti sembra di parlare con l'amico smargiasso che quando era giovane, dice, giocava in serie A; e poi invece si scopre che, in realtà, una volta ha fatto il portiere nella partitella a fine allenamento della squadra locale quand'era in Erasmus a Malta. Lo European Audiovisual Observatory ha studiato gli incassi internazionali dei film europei nel 2017, annata in cui dagli studi di produzione del vecchio continente sono usciti potenziali blockbuster come il film della domenica per tutta la famiglia Paddington 2, la lucbessonata Valerian e la città dei mille pianeti e l'horror subbaqquo 47 metri. In totale, nel 2017 i film europei hanno incassato nel resto del mondo 97 milioni di dollari, con un aumento percentuale di quasi 19 punti rispetto all'anno precedente. Una crescita, seppur su numeri (come detto) risibili nel contesto generale dell'industria, abbastanza clamorosa, che si spiega sia con la pasta dei film in questione – Besson ha puntato talmente tanto su Valerian, nella realizzazione e nell'impegno profuso in marketing e distribuzione, da lasciare (dopo l'insuccesso del film) la sua EuropaCorp con un buco di quasi 100 milioni di dollari – sia soprattutto grazie all'aumento degli incassi sul mercato cinese, diventato nel 2017 l'obiettivo internazionale più remunerativo (anche) per il cinema europeo. Il numero di biglietti staccati in Cina dai nostri film, infatti, è aumentato dai 21 milioni abbondanti del 2016 ai quasi 36 dell'anno successivo. Nonostante la crisi, sul mercato globale, del cinema europeo (i dati del 2017 sono superiori solo a quelli del disastroso anno precedente), e nonostante il fatto che in Cina vengano distribuiti pochissimi film prodotti nel vecchio continente (nel 2017 sono stati 49 di cui solo 26 in prima visione); ecco, nonostante tutti i nonostante, i risultati al botteghino della Repubblica Popolare rappresentano già più della metà dei biglietti totali (61 milioni) staccati dai film europei in tutto il mondo. E nel frattempo, mentre eravamo girati dall'altra parte, i tagliandi venduti negli Stati Uniti e in Canada diminuiscono (da 30 a 27 milioni). Ma non è ancora tempo di preoccuparsi, dal momento che il maggior costo d'entrata nei cinema d'oltreoceano non ha impedito al mercato Nordamericano di contare comunque per il 41% degli incassi totali extra europei dei nostri film. Nella gara al prestigio internazionale delle varie cinematografie europee, a farla da padrone sul grande pubblico sono Francia e Gran Bretagna: con i loro film, hanno entrambe convinto all'incirca 32 milioni (a testa)  di spettatori non europei ad andare al cinema. Seguono le produzioni spagnole, che hanno fatto staccare 12 milioni di biglietti, quelle russe (con 5 milioni) e tedesche (con 4 milioni e mezzo). In questo studio non c'è traccia di film italiani, che siamo bravi ma non bravissimi. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


In missione per conto dell'Anica

17 Settembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #176

L'Anica – non l'Associazione nazionale italiana cavallo arabo, bensì l'Associazione nazionale...

In groppa al cavallo alcolista

13 Settembre 2019

Fuori(le)Serie #012

Dalla perfida mente geniale del creatore di BoJack Horseman, Raphael Bob-Waksberg, arriva su Amazon Prime Video Undone...

The Cat is on the culatello

12 Settembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #176

Quest'anno sarebbero stati cent'anni di Cat, al secolo Giulio Cattivelli, che...

Leoni in differita

10 Settembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #175

Mettersi a fare la lista dei premi...

Venezia76 - Il TotoLeone di FilmTv

7 Settembre 2019

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione, che comincerà alle ore 19, raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival nel nostro TotoLeone 2019.

Per ogni critico...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy