C'era (più di un) un cinese in sala

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Emanuele Sacchi dice che Gimme Danger è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai3 alle ore 01:50.

Le catene della colpa di Jacques Tourneur è in streaming su RaiPlay

Tra i film in concorso alla Berlinale 70 c'è Le sel des larmes di Philippe Garrel, autore che amiamo molto e di cui spesso abbiamo parlato sulla rivista, come in questo lungo "racconto" di Rinaldo Censi.

Puntualizzazioni di Giona A. Nazzaro a proposito delle critiche rivolte al film Hammamet di Gianni Amelio.

A breve arriverà la terza stagione, quindi Sky Atlantic fa ripartire in replica la prima il 2 marzo. E noi ve ne riproponiamo la recensione.

Arriva in sala il film La Gomera , film del regista rumeno Corneliu Porumboiu. Su Film Tv n° 08 lo intervistiamo, qui riproponiamo la recensione di un suo film ancora inedito, segnalato nella rubrica Scanners.

La citazione

«Solo chi lascia il labirinto può essere felice, ma solo chi è felice può uscirne (Michael Ende - Lo specchio nello specchio)»

cinerama
9127
servizi
3464
cineteca
3027
opinionisti
2097
locandine
1067
serialminds
907
scanners
504

News


7 Agosto 2019

C'era (più di un) un cinese in sala

Addio e grazie per tutte le news #162

Partiamo dal presupposto che stiamo per parlare, nel contesto del mercato cinematografico mondiale, di numeri sostanzialmente infinitesimali. Nell'ordine di quelli che Marvel incassa quando Kevin Feige starnutisce e lo stagista rivende su eBay il fazzoletto sporco. Altrimenti sembra di parlare con l'amico smargiasso che quando era giovane, dice, giocava in serie A; e poi invece si scopre che, in realtà, una volta ha fatto il portiere nella partitella a fine allenamento della squadra locale quand'era in Erasmus a Malta. Lo European Audiovisual Observatory ha studiato gli incassi internazionali dei film europei nel 2017, annata in cui dagli studi di produzione del vecchio continente sono usciti potenziali blockbuster come il film della domenica per tutta la famiglia Paddington 2, la lucbessonata Valerian e la città dei mille pianeti e l'horror subbaqquo 47 metri. In totale, nel 2017 i film europei hanno incassato nel resto del mondo 97 milioni di dollari, con un aumento percentuale di quasi 19 punti rispetto all'anno precedente. Una crescita, seppur su numeri (come detto) risibili nel contesto generale dell'industria, abbastanza clamorosa, che si spiega sia con la pasta dei film in questione – Besson ha puntato talmente tanto su Valerian, nella realizzazione e nell'impegno profuso in marketing e distribuzione, da lasciare (dopo l'insuccesso del film) la sua EuropaCorp con un buco di quasi 100 milioni di dollari – sia soprattutto grazie all'aumento degli incassi sul mercato cinese, diventato nel 2017 l'obiettivo internazionale più remunerativo (anche) per il cinema europeo. Il numero di biglietti staccati in Cina dai nostri film, infatti, è aumentato dai 21 milioni abbondanti del 2016 ai quasi 36 dell'anno successivo. Nonostante la crisi, sul mercato globale, del cinema europeo (i dati del 2017 sono superiori solo a quelli del disastroso anno precedente), e nonostante il fatto che in Cina vengano distribuiti pochissimi film prodotti nel vecchio continente (nel 2017 sono stati 49 di cui solo 26 in prima visione); ecco, nonostante tutti i nonostante, i risultati al botteghino della Repubblica Popolare rappresentano già più della metà dei biglietti totali (61 milioni) staccati dai film europei in tutto il mondo. E nel frattempo, mentre eravamo girati dall'altra parte, i tagliandi venduti negli Stati Uniti e in Canada diminuiscono (da 30 a 27 milioni). Ma non è ancora tempo di preoccuparsi, dal momento che il maggior costo d'entrata nei cinema d'oltreoceano non ha impedito al mercato Nordamericano di contare comunque per il 41% degli incassi totali extra europei dei nostri film. Nella gara al prestigio internazionale delle varie cinematografie europee, a farla da padrone sul grande pubblico sono Francia e Gran Bretagna: con i loro film, hanno entrambe convinto all'incirca 32 milioni (a testa)  di spettatori non europei ad andare al cinema. Seguono le produzioni spagnole, che hanno fatto staccare 12 milioni di biglietti, quelle russe (con 5 milioni) e tedesche (con 4 milioni e mezzo). In questo studio non c'è traccia di film italiani, che siamo bravi ma non bravissimi. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Classici fuori mostra

28 Febbraio 2020

La Biennale di Venezia organizza nella città lagunare, al Cinema Rossini, una rassegna cinematografica dal titolo Classici fuori Mostra, appuntamento settimanale di film classici...

Better Stream Saul

28 Febbraio 2020

Fuori(le)Serie #035

Se anche voi avete affrontato la quarantena da coronavirus addentando la quinta stagione di Better Call Saul: ben fatto. Ora...

Indiana Jones e il quinto capitolo senza Spielberg

27 Febbraio 2020

Addio e grazie per tutte le news #230

Che sia per il brutto ricordo dell'odio in capslock con cui i fan storici hanno ricoperto Indiana Jones...

C'era una volta a Hollywood

25 Febbraio 2020

Addio e grazie per tutte le news #229

A leggere giusto le notizie cinematografiche più rumorose degli ultimi giorni –...

Sale chiuse, film rimandati

25 Febbraio 2020

A causa dell'emergenza sanitaria in corso, sei regioni hanno deliberato una restrittiva sulla chiusura dei luoghi di aggregazione che riguarda anche le sale cinematografiche. Le...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy