Di occasioni mancate e di realtà cinematografiche alternative

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Luca Pacilio dice che Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Era atteso per il 2021 il remake live action di Akira , ma la produzione è stata fermata dal momento che il regista Taika Waikiki ha invece firmato per dirigere il quarto Thor . Il cult di Katsuhiro Otomo era del 1988, ma era ambientato nel 2019. E non è la prima volta che se ne annunciava un remake.

Film Tv di questa settimana è un numero speciale che raccoglie le classifiche dei migliori film del decennio 2010-2019. Quello che vi proponiamo è uno dei tanti film citati: Tsai Ming-liang è decisamente uno dei massimi registi contemporanei. Buona lettura.

Il 14 luglio 1969 usciva Easy Rider , cult generazionale e pietra miliare del cinema.

Possiamo riciclare i buoni propositi che Roy Menarini aveva fatto per il cinema del 2017 ancora oggi? Probabilmente sì.

La 14esima stagione è annunciata a settembre negli Usa, mentre la 13esima parte il 19 luglio su Fox in prima visione assoluta. Particolarmente longeva e molto politicamente scorretta, ritorniamo sulla 12esima stagione di C'è sempre il sole a Philadelphia , nell'attesa.

La citazione

«We want our film to be beautiful, not realistic.»

cinerama
8748
servizi
3169
cineteca
2859
opinionisti
1945
locandine
1035
serialminds
839
scanners
492

News


4 Luglio 2019

Di occasioni mancate e di realtà cinematografiche alternative

Addio e grazie per tutte le news #151

Com'è spesso accaduto nell'ultimo lustro, molte delle cose belle che circolano sull'ìnternet hanno come punto focale Keanu Reeves, una persona che ha una faccia e degli atteggiamenti talmente teneri e adorabili che persino i piccoli demoni che si annidano fra i nodi del web non sono in grado di avercela con lui. Di Reeves sono diventati leggenda i meme tristi sulla panchina in pausa pranzo, i video in cui cede il posto sui mezzi pubblici e tutte le leggende metropolitane che lo danno come donatore di almeno quattro fegati e sei reni. Nella mitopoiesi del Keanu si è poi fatto prepotentemente strada l'aneddoto che racconta come il messia canadese, ma nato in Libano, non fosse la prima scelta delle sorelle Wachowski per Matrix. Sacrilegio. Ma a raccontarlo è stato proprio l'attore che avrebbe potuto rubargli il ruolo della vita, Will Smith, che ammette candidamente di non aver intuito il potenziale di Matrix quando le registe e sceneggiatrici lo hanno contattato per proporglielo, finendo invece con il recitare nell'incidente in galleria passato alla storia con il titolo di Wild Wild West. Un aneddoto clamoroso, che fa il paio con simili storici come Warren Beatty che declina un ruolo in Kill Bill per passare più tempo con la famiglia, John Travolta che passa Forrest Gump (ma almeno è finito a fare Pulp Fiction), o John Litgow che si brucia l'audizione per il Joker nel Batman di Tim Burton per eccessiva insicurezza. L'ultima versione di questa storia la propone Russell Crowe, che nei giorni scorsi ha candidamente confessato di aver puzzato la trilogia de Il signore degli anelli, anche se per motivi molto comprensibili. In sostanza c'era una produzione che non voleva realizzare un progetto così dispendioso senza l'assicurazione di un grande nome in cartellone. Nel ruolo di Aragorn, al posto del relativamente poco conosciuto Viggo Mortensen, i finanziatori avevano pensato a gente come Daniel Day-Lewis, Vin Diesel e, appunto, Russell Crowe, che alla fine degli anni '90 era all'apice della sua potenza cinematografica. Racconta l'australiano: “Non penso che Peter Jackson volesse me per quel film. È stato forzato a propormi la parte. Era un periodo in cui tutti volevano che facessi tutto. Gli stavo parlando al telefono e suonava come se non sapesse nemmeno che cosa avevo fatto nella mia carriera. So solo che il mio istinto mi ha detto che aveva qualcun altro in mente per il ruolo – che alla fine si è rivelato essere Viggo – e che era giusto gli permettessero di scritturare l'attore che voleva”. Non ha avuto di questi problemi la 19enne Halle Bailey, cantante con uno scarno passato da attrice che dopo una faticosa serie di audizioni è stata scelta da Disney per interpretare Ariel nel remake live action de La sirenetta. La giovane ha accettato probabilmente senza lasciare nemmeno il tempo a Rob Marshall di finire la frase con cui le annunciava la buona notizia. Dice della sua protagonista il regista e produttore: “Dopo una lunga ricerca, è abbondantemente chiaro che Halle possiede quella rara combinazione di spirito, cuore, giovinezza, innocenza e sostanza – a cui si aggiunge una voce clamorosa – che sono tutte qualità necessarie per interpretare questo ruolo iconico”. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Film Tv Rewind

16 Luglio 2019

Film Tv Rewind è in edicola.
E costa 5,50 euro (Film Tv 29 incluso).

(Non) breve storia di cosa significhi oggi stampare le parole su carta. Nonché del perché (e del...

Lo streaming in vacanza

12 Luglio 2019

Settimana arida e fatta di scelte difficili: meglio recuperare classici di qualità garantita come Boardwalk Empire e Lost, o è il caso di rischiare con serie sconosciute che...

A volte ritornano, ma con calma

11 Luglio 2019

Addio e grazie per tutte le news #154

Certe volte il cinema bello ti fa sentire come un bimbo egoista e capriccioso che vorrebbe festeggiare il Natale...

Di remake, spin-off e ritorni che non ci si aspetta

10 Luglio 2019

Addio e grazie per tutte le news #153

Assistere a una situazione che si imbarca da certi porti e finisce per concludersi su lidi inaspettati dà sempre una...

Nella speranza che il Re del terrore rispetti il cinema di genere

9 Luglio 2019

Addio e grazie per tutte le news #152

C'è una nuova trasposizione cinematografica di Diabolik di cui parlare. Il passaggio da...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy