L'Academy mette mano all'Oscar per il Miglior film straniero

970x250.JPG

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Sensi è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai3 alle ore 03:45.

Il petroliere di Paul Thomas Anderson è in streaming su Netflix

Anni '80 un po' ovunque, ma quasi sempre da un punto di vista maschile. E le icone femminili? Una riflessione di Marianna Cappi.

The Guardian ha pubblicato alcune immagini del backstage di Il cacciatore , tratte dall'archivio personale di Robert De Niro e destinate a un libro di prossima pubblicazione. Vi riproponiamo la locandina di questo film cult, pubblicata nel 2009.

Dal primo dicembre è disponibile su Netflix la quinta stagione di questa serie. Se non la conoscete o se volete saperne di più, qui trovate la recensione delle prime due stagioni.

Il 28 novembre arriva in sala Un giorno di pioggia a New York , l'ultimo film di Woody Allen, a cui dedichiamo uno speciale su FilmTv n° 48. Ne è coprotagonista Elle Fanning, che ha interpretato anche questo film di Sally Potter, inedito in Italia, di cui vi riproponiamo la recensione.

La citazione

«Life... don't talk to me about life...»

scelta da
Alice Cucchetti

cinerama
9006
servizi
3368
cineteca
2964
opinionisti
2042
locandine
1055
serialminds
881
scanners
500

News


6 Novembre 2019

L'Academy mette mano all'Oscar per il Miglior film straniero

Addio e grazie per tutte le news #194

Per dare un'idea di come sia la situazione attuale. La Academy of Motion Pictures Arts and Sciences è un'organizzazione professionale onoraria che raccoglie, su invito contro-timbrato e con ricevuta di ritorno confermata e vidimata come se fosse antani, l'eccellenza dell'industria cinematografica hollywoodiana. In parole povere significa che più o meno 6mila persone, divise in 17 diverse sezioni, si prendono la briga di visionare tutti i film papabili all'Oscar e poi votare. Non è vero. I membri dell'Academy sono (statisticamente) in larghissima parte maschi bianchi over 60 e al 80% statunitensi, che non hanno né tempo né voglia di vedere tutta quella roba lì e votano in base alle campagne promozionali messe in piedi dalle distribuzioni. Tra le varie categorie artistiche, la più negletta a causa di questo menefreghismo diffuso è certamente quella per il Miglior film straniero, che a tutto lo sbattimento degli altri film unisce anche dialoghi in strane lingue e, mamma mia che paura, i sottotitoli. Risultato: in pochi visionano effettivamente la prima infornata di candidati, quella che porta all'ulteriore selezione dei nominati ufficiali. La missione di quest'anno della Academy – dopo i numeri da circo della scorsa edizione, in cui siamo andati a tanto così dall'avere una categoria per il Miglior film popolare giusto per premiare una produzione Marvel (Black Panther) – è stata quella di rendere più sensata la votazione per il Miglior film straniero. Innanzitutto è cambiata la nomenclatura e il premio è stato ribattezzato Miglior film internazionale (laddove in inglese si è sempre chiamato Oscar al Miglior film in lingua straniera), nel tentativo di nascondere un po' dello sciovinismo paternalista che gli americani hanno nei confronti del cinema a loro estraneo. Quindi sono cambiate le regole della prima fase, quella che screma la lista dei film in competizione da 93 a 10 (fino all'anno scorso erano solo 9): da quest'anno, i membri della Academy che hanno già visto (e votato o meno) uno dei dieci film rimasti in gara dopo il primo taglio, potranno segnalarlo nuovamente (prima non era previsto) anche nella seconda fase della votazione, quella che porta alla cinquina di candidati definitiva. Inoltre, e forse più importante, la Academy si è improvvisamente accorta che siamo nel 2019 e che esiste lo streaming, e ha iniziato a implementare alcune modalità in quella direzione per rendere leggermente meno complicata la vita dei selezionatori. Ora anche i membri che visionano i titoli da remoto, senza recarsi in sala, avranno diritto a votare nella prima fase. L'idea è quella di far crescere il numero di votanti e rendere più sensato – e giusto, nei limiti del possibile – il risultato della competizione. 

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Jeremy Thomas e il Pinocchio di Matteo Garrone

5 Dicembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #204

Se la matematica di base fosse applicabile al genio umano e all'arte cinematografica, il Pinocchio...

I migliori film del 2019 secondo FilmTv

4 Dicembre 2019

Vi proponiamo la nostra classifica dei migliori film e serie dell'anno, estratta dall'Annuario 2020, dove trovate anche tutte le Top 10 dei nostri collaboratori. L'...

Tutti i premi dei Gotham Independent Film Awards 2019

3 Dicembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #203

Del premio ideato con poco clamore nel 1991 – per dare consolazione alle produzioni cinematografiche operative sulla...

Tutto quello che c'è da sapere sulla 15esima edizione di Passaggi d'Autore – Intrecci mediterranei

2 Dicembre 2019

Alcuni dei nostri tris-tris-tris nonni, quella banda di adorabili debosciati collettivamente noti come i romani, lo chiamavano Mare Nostrum. Arabi e turchi lo chiamano Mare...

Shyamalan twist

29 Novembre 2019

Fuori(le)Serie #022

A sorpresa, la britannica The Feed (che doveva debuttare la scorsa settimana su Prime Video) riappare in grande spolvero su...

banner300x600.jpg

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy