Nostalgia nostalgia canaglia

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Le conseguenze dell'amore è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 13:00.

Storie di streghe, da Angela Lansbury a Bella Ramsey.

Su FilmTv n° 34 Ilaria Feole racconta la passione/fissazione/nostalgia per gli anni '80 di cinema e serialità. Tra gli 8 horror che non muoiono mai è citato La casa di Sam Raimi, di cui vi raccontiamo la storia con questa locandina del 2008.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«All work and no play makes Jack a dull boy»

cinerama
8787
servizi
3215
cineteca
2884
opinionisti
1971
locandine
1040
serialminds
850
scanners
494

News


5 Luglio 2019

Nostalgia nostalgia canaglia

Fuori(le)Serie #003

Non solo torna la serie più amata da coloro i quali scelgono chi sposarsi in base a quante volte hanno visto I Goonies, ma rispuntano anche un paio di perle da primo pomeriggio feriale di Italia 1 di primi anni 2000.

NETFLIX

Stranger Things (Usa, 2016) terza stagione – dal 04/07/2019
Ricapitolando: eravamo rimasti con quell'espressione lì, quella da “però” di ammirazione, riservata ai fratelli Duffer, i secchioni del mondo dello spettacolo e discepoli spirituali di J.J. Abrams, capaci di reinventare anche nella seconda stagione di Stranger Things quel piatto di lasagne e nostalgia – presentazione: dieci – fatto di biciclette, camice di flanella, giochi analogici, Spielberg, Goonies e Stephen King. La storia dei ragazzi coraggiosi nell'Indiana dal 1983 in avanti, che combattono i demoni del Sottosopra e (prima) l'agenzia che studia la dimensione parallela e nasconde le sperimentazioni che opera su cavie umane. Qualsiasi cosa succeda in questa terza stagione, in ogni caso, non sarà mai terrificante come l'adolescenza che, malevola come sempre, ha colpito i giovani membri del cast.

The Last Czars (Usa, 2019) – dal 03/07/2019
Pochi momenti storici hanno titillato la fantasia dei narratori occidentali più di quanto non riesca a fare la caduta della dinastia Romanov, la linea imperiale russa che (nominalmente) è durata tre secoli e si è schiantata con effetti speciali sul muro bolscevico, con l'ultima spintarella assestata dal mistico Rasputin. Non fa eccezione Netflix, su cui spunta questo esperimento che per un buon 90% è una drammatizzazione fedele e oleografica del turbolento regno di Nicola II, mentre dedica il restante 10% a interventi di storici ed esperti, che puntualizzano la narrazione con ulteriori spiegazioni.

Designated Survivor: 60 Days (Corea del Sud, 2019) – dal 01/07/2019
Ecco che le cose, nel magico mondo di porte rotanti dei diritti Tv, cominciano a farsi arzigogolate. Sostanzialmente esiste uno show, Designated Survivor, in cui Kiefer Sutherland è un politico di tre quarti di tacca, ma membro del governo, che si ritrova presidente degli Stati Uniti in seguito a un attentato che uccide il capo di stato in carica e tutti quelli che in linea di successione venivano prima di Kiefer. Bell'affare. Di cui però ABC ha voluto saperne solo per un paio di stagioni, prima di staccare la spina. E alla fine arriva Netflix, che raccoglie Designated Survivor dal marciapiede e lo rimette in produzione. Nel frattempo, in Corea del Sud producevano un remake locale della serie, al tempo ABC, di cui oggi Netflix ha ottenuto i diritti di distribuzione globale. 

Bangkok Love Stories (Thailandia, 2018) – dal 01/07/2019
Evviva il magico mondo dello streaming, che permette di colmare quei bisogni così ben nascosti che nemmeno sapevamo di avere. Prima della rivoluzione digitale non avremmo mai avuto accesso alla miniserie antologica in 13 episodi Bangkok Love Stories, e la domanda “Riusciranno un entusiasta del parkour, una ristoratrice, un gigolò, un ricco gay, un singaporiano appassionato di case chiuse e una ragazza timida a trovare l'amore a Bangkok?” sarebbe rimasta senza risposta. 

 

AMAZON PRIME VIDEO

Smallville (Usa, 2001) – dal 03/07/2019
Direttamente dall'Anno Domini 2001, torna (tutta intera nelle sue 11 stagioni) la serie che ben prima della corsa all'oro lanciata da Marvel aveva tentato di incassare sull'aggiornamento audiovideo dei supereroi dei fumetti. L'approccio è stato quello, tanto malvagio quanto geniale, di approfondire la storia solo accennata degli anni di formazione di Clark Kent nel puntino sulla mappa del Kentucky in cui è cresciuto. In pratica Superman alle prese con i drammi della scuola superiore.

Supernatural (Usa, 2005) – dal 02/07/2019
Supernatural è la serie che oltre ad avere, evidentemente, del soprannaturale sia nel titolo, sia nella storia che racconta – due fratelli che vanno a caccia di demoni, fantasmi, mostri e chi più ne ha più ne metta – ce l'ha anche nella storia produttiva. A detta del suo creatore, Eric Kripke, la serie era stata pensata per durare tre stagioni. Visto il successo, Kripke si è fatto convincere ad allungarla a cinque stagioni, per poi lasciare la compagnia e prendere altre strade. Magicamente, però, Supernatural è andata avanti anche senza il suo creatore: la quindicesima, urca, e ultima stagione è in arrivo a ottobre. Le altre 14 si trovano su Amazon.

Tokyo Alice (Giappone, 2017) – dal 02/07/2019
A voler vedere una serie clamorosamente diversa dal solito, ci si potrebbe affidare al Giappone e a Tokyo Alice, trasposizione dell'omonimo manga Josei, ovvero incentrato sulla vita quotidiana di personaggi femminili e scritto esplicitamente per un target di giovani donne che vanno dalla fine dell'adolescenza all'inizio dell'età adulta. Meno iperboli, meno romanticismo sfrenato e più adesione alla realtà rispetto alle storie dei manga più adolescenziali a cui siamo abituati, per raccontare di quattro ex compagne di scuola alla ricerca della felicità che condividono un appartamento a Tokyo. 

 

NOW TV

Legion (Usa 2017) terza stagione – dal 04/07/2019
Una domanda per gli amici di Marvel. Cosa succede quando dai in mano un bel personaggio dei fumetti a un autore vero e gli lasci campo libero? La risposta non è: se si tratta di Edgar Wright lo sostituisco con Peyton Reed, se invece sono Phil Lord e Christopher Miller al loro posto ci metto Ron Howard. La risposta giusta è: succede Legion. Il personaggio tangente all'universo X-Men – figlio di Charles Xavier, dotato di poteri psichici fuori scala e difficilmente gestibili – è finito nelle mani di Noah Hawley, creatore del gioiello antologico Fargo, che ha trasformato la sua storia in una delle serie più interessanti degli ultimi anni.

Riviera (Usa, 2017) seconda stagione – dal 04/07/2019
La serie che doveva proseguire le bizzarre avventure televisive dell'irlandese Neil Jordan, Oscar alla sceneggiatura per La moglie del soldato nel 1993, aggiornando i vestiti cinquecenteschi dei Borgia ai giorni nostri. Doveva andare così Riviera, serie in cui non compare nemmeno un papa ma in cui si volevano comunque raccontare vicende losche in ambienti altolocati, inganni, doppi giochi e tradimenti. Tutto il necessaire di cui la protagonista Georgina Marjorie Clios (interpretata da Julia Stiles) ha bisogno per cercare di dirimere il mistero della morte del marito miliardario. Poi la produzione ha deciso che Jordan si prendeva troppo sul serio e dopo un paio di puntate ha proseguito in autonomia, facendo di Riviera una soap opera con i vestiti costosi.

 

RAIPLAY

Il molo rosso (Spagna, 2019) – dal 03/07/2019
Se siete di quelli che reagiscono battendo forte le manine al richiamo pavloviano del lancio pubblicitario “Dal creatore di”, allora non potete rinunciare a Il molo rosso. Dall'autore di La casa di carta, Álex Pina, arriva la serie di mistero che Netflix non si è azzardata a trasmettere nonostante il successo globale di La casa di carta. Stavolta si racconta dell'architetto di successo Alejandra, distrutta dal suicidio del marito e dalla scoperta che conduceva una doppia vita con un'altra donna. Decisa a scoprire cos'è successo la notte in cui è morto l'amato, la donna assume una nuova identità per cercare di entrare in contatto con l'amante.

Cedar Cove (Usa, 2014) seconda stagione – dal 03/07/2019
Hallmark è un canale Tv nordamericano che prende il nome da un'azienda di biglietti per gli auguri e trasmette solo cose adatte a famiglie in cui la parolaccia più sentita mai pronunciata è stata “pupù”. Cedar Cove è la prima serie originale prodotta da Hallmark. È tratta da una serie di romanzi per signore annoiate scritti da Debbie Macomber e racconta le vicende professionali e personali della giudice Olivia, la più apprezzata cittadina di Cedar Cove.

 

INFINITY

Superstore (Usa, 2015) seconda stagione – dal 03/07/2019
Questa è una sitcom sulla vita di un gruppo di dipendenti di un ipermercato che forse in Italia è stata poco vista perché trasmessa su Joi, canale pay-per-view venduto in pacchetto che tendeva a non essere visto nemmeno dalle famiglie di quelli che facevano i palinsesti, ma che forse vale la pena recuperare per avere quella gran donna di America Ferrera a fare cose buffe sullo sfondo mentre si sgranano i piselli e i fagioli. 

 

TIMVISION

The Magicians (Usa, 2015) quarta stagione – dal 02/07/2019
Ogni americano che si rispetti ha il sacrosanto dovere civico di inseguire e tentare di realizzare il proprio sogno. Anche se il sogno in questione era scrivere Harry Potter. Non importa che sia già stato scritto. L'unica cosa che conta è realizzare il sogno. Ce l'ha fatta Lev Grossman, che nel 2009 ha scritto Il mago, storia di un adolescente appassionato di romanzi fantasy che viene ammesso all'unica scuola di magia del Nord America, il Brakebills College for Magical Pedagogy. Non ne hanno fatto otto film che hanno complessivamente incassato miliardi di dollari, ma una serie in quattro stagioni su SyFy. Comunque non male.

The Good Fight (Usa, 2017) terza stagione – dal 03/07/2019
Speriamo nessuno si sia dimenticato di The Good Wife, che nelle sue sette stagioni si è ben meritata il trono di serie più sottovalutata di nuovo millennio. A tenere alta l'eredità della serie che ha alzato di una tacca (arrivando a 11) il volume della traccia “Donne forti” ci pensa lo spinoff The Good Fight, che segue il personaggio di Diane Lochkart – capo e amica di Alice, protagonista della serie originale – nella ricostruzione di una carriera devastata da una gigantesca truffa finanziaria che le ha fatto perdere tutto. 

 

- questa rubrica settimanale esce il venerdì per consigliarvi come distruggervi di binge watching intensivo durante il fine settimana -

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Una resurrezione lunga 17 anni

21 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #167

In quanto a figure cristologiche: se si parla di puntualità la scelta ricade obbligatoriamente sull'originale, che...

Il cinema secondo Iñárritu

20 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #166

Cos'è che rende il cinema così speciale? Spielberg userebbe la carta Hollywood degli anni d'oro dicendo qualcosa...

Ferragosto con David Fincher

16 Agosto 2019

Fuori(le)Serie #008

Stufi del solito ponte di Ferragosto, un giorno al mare due giorni di coda in autostrada? Il mondo dello streaming propone ottime...

Veni, vidi, quibi

14 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #165

Se c'è una cosa davvero puzzolente, è proprio essere costretti a usare la retorica e il lessico tipiche di altre...

Addio a Piero Tosi 

13 Agosto 2019

Addio e grazie per tutte le news #164

...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy