Regali seria(l)mente belli

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mariuccia Ciotta dice che Chiamami Aquila è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 16:55.

Avventure da vedere e rivedere, capolavori dell’animazione e lezioni sul rapporto tra uomo e natura: sono i film dello Studio Ghibli, (quasi) tutti disponibili su Netflix.

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio . Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa solitudine. Con una differenza: l’attrice, nel suo esordio nella regia, era anche protagonista. Jonah Hill no: si affida anima e corpo al bravissimo protagonista, Sunny Suljic, già sorprendente in Il sacrificio del cervo sacro . E poi ancora strani incroci: Scott Rudin, tra i produttori di Mid90s e anche di Il mio piccolo genio .

Il miglior film hollywoodiano dell’anno l’ha fatto la HBO, naturalmente è una miniserie e non un film, ma della Hollywood perduta (non necessariamente quella classica) riprende l’impostazione e la tradizione di trarre da un bestseller un’opera d’autore colta e insieme popolare, come un tempo erano film quali Ragtime , La scelta di Sophie o Il colore viola .

«Continuare a vivere significa continuare a fare film» dice Máximo Espejo, il regista di Légami! È paralizzato sulla sedia a rotelle, in preda a pulsioni fisiche voraci e inappagabili per la bella protagonista, ma non importa: importa il cinema, che si fa «con il cuore e con i coglioni», e quelli funzionano. Il cinema si deve , anche se non si vede : il cinema si fa anche da ciechi, ed è il caso di Mateo Blanco, che perde la vista e l’amore in un incidente ma torna alla celluloide per ricomporre Gli abbracci spezzati .

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare.

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
9688
servizi
4310
cineteca
3410
opinionisti
2323
locandine
1120
serialminds
1119
scanners
524

News


23 Dicembre 2020

Regali seria(l)mente belli

Fuori(le)Serie - Speciale Natale 2020

A Natale dona anche tu il certificato di adozione per una serie tv bella, appassionante, divertente e soprattutto lasciata lì tutta sola in un angolo. Perché, ed è questo il vero significato del Natale, è più facile fare l'abbonamento a Disney+ piuttosto che volere del bene a una serie che non ci si può vantare con gli amici di aver visto, dato che nessuno la conosce.

 

Psychoville (Gb, 2009) - su Vvvvid
Più (Little) Britain di così ci sono solo i fagioli a colazione. Psychoville sprizza inglesità da tutti i pori, dalla grana digitale piallata della fotografia alle luci da brughiera invernale all'alba, fino allo spensierato grottesco con cui vengono raccontati i 5 protagonisti: teneri mostri buffi e orribili, che condividono un passato in manicomio e un futuro in cui affrontano un ricatto piuttosto temibile. 

Good Girls (Usa, 2018) - su Netflix
Tre mamme rese disperate dalla vita. Non importa se tradite e insultate dai mariti (anche quando sono ex) e dai compagni, o messe in ginocchio dalla salute di una figlioletta fragile, o mandate in rovina da uomini cattivi e idioti: il risultato non cambia. E nemmeno l'idea che viene a Christina Hendricks per togliersi dal pantano: rapinare supermercati e prenderci un sacco di gusto nel farlo. 

Il mondo secondo Jeff Goldblum (Usa, 2019) - su Disney+
Qualcuno ha sguinzagliato Jeff Goldblum in giro per il mondo. O meglio. Goldblum era già meravigliosamente sguinzagliato in giro per il mondo, ma finalmente qualcuno lo ha fatto seguire da una macchina da presa per registrare i flussi di coscienza sugli argomenti più disparati (sneakers, caffè, gelati e biciclette) di una delle figure più bizzarre e interessanti della storia di Hollywood.  

Norsemen (Norvegia, 2016) - su Netflix
Dopo aver superato una fase di spaesamento (gag scatologiche e squartamenti umani a uso ridere) ed essersi acclimatati all'umorismo asciutto che cozza con l'ambientazione vichinga – è come se Woody Allen facesse di mestiere il razziatore di villaggi –, Norsemen diventa una delle commedie più brillanti e urticanti degli ultimi anni. E, per la cronaca, è anche la serie che in Norvegia hanno visto TUTTI. Altro che Don Matteo. 

Midnight Diner: Tokyo Stories (Giappone, 2016) - su Netflix
Chissà quante storie ci sono in una città come Tokyo, grande quasi quanto la Valle d'Aosta (ma con una vita notturna più complicata) e culla per 14 milioni di persone. Almeno tante quante i piatti che sa cucinare il Master, proprietario senza nome di una tavola calda aperta solo da mezzanotte alle 7 di mattina. Il quale si sostituisce al classico barista confessore, accogliendo le storie (antologiche) dei clienti che sfama. Attenzione alla produzione di acquolina.

Anger Management (Usa, 2012) - su Prime Video
L'ultimo atto di Charlie Sheen come attore più pagato nella storia della tv, prima di schiantarsi contro un metaforico muro di cemento armato e demoni e droga pesante, è stato sostituire nientemeno che Jack Nicholson in questa versione seriale (e con risate registrate) di Terapia d'urto. Funziona tutto, nonostante la follia di aver scritto e realizzato CENTO episodi in meno di due anni.

United States of Tara (Usa, 2009) - su Prime Video
Spielberg produce, Diablo Cody scrive e l'istrionica Toni Collette interpreta. Ne esce fuori una delle serie più grottesche – nelle vicende, non nel trattamento dei personaggi – e originali di nuovo millennio, in cui si raccontano le acrobazie quotidiane di una donna con disordine dissociativo dell’identità, spesso presa in ostaggio da una delle sue tre personalità alternative: la rigida Alice, l'adolescente ninfomane T., e il reduce del Vietnam Buck. 

Doc Martin (Gb, 2004) - su RaiPlay
La tv è piena di medici brillanti e misantropi (e inglesi). Ma Martin Ellingham è quello che ha le giustificazioni migliori. Che sia per i nobili natali cinematografici, visto che nel 2000 è apparso in L'erba di Grace; ma anche per anzianità di servizio – l'ultima stagione della serie arriverà nel 2021, dopo 17 anni di onorata carriera – e per le circostanze: non è semplice passare dalla sciccheria di Londra al villaggio più sperduto della Cornovaglia.

Se non ti avessi conosciuto (Spagna, 2018) - su Netflix
Eduard perde la famiglia in un incidente e si mette a esplorare universi paralleli, moltiplicando i “se” in cerca di un destino migliore per l’amata moglie. Cos'altro vuoi dirle a una serie con queste premesse qui? Vuoi consigliarle di stare attenta perché è un attimo farla fuori dal vaso perdendo la fiducia dello spettatore. Quando non succede, ecco che ti ritrovi una perla nascosta fatta come si deve. 

Curb Your Enthusiasm (Usa, 2000) - su NowTV
Giovani e millennials di ogni dove! Avete presente la musichina più amata dai meme? Quella marcetta con tuba e fischietto che segue una scena imbarazzante? Ecco, come direbbe Larry David, autore di Seinfeld e creatore/protagonista di questa serie: frenate il vostro entusiasmo. Quella musica appartiene agli anziani ed è la sigla della commedia tv più divertente fra quelle che non avete mai visto (e oltre).

 

- questa rubrica settimanale esce il venerdì per consigliarvi come distruggervi di binge watching intensivo durante il fine settimana -

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Ma gli androidi sognano serie elettriche?

12 Febbraio 2021

Attenzione! Da questa settimana Fuori(le)Serie diventa una newsletter! 
Iscriviti subito (http://eepurl.com/c-Sb2D)...

Le serie di classe

5 Febbraio 2021

Fuori(le)Serie #076

Ce n'è per tutte le classi: da quelle del treno di Snowpiercer, a quella riunita per il master in animazione di Star Trek...

Made in Hong Kong

1 Febbraio 2021

«Credo di essermi innamorato della ragazza nella stanza 7818, blocco 5» dice il diciottenne Autumn Moon (Sam Lee, nella foto) al capo della gang che lo vorrebbe impiegare per recuperare crediti....

Fate per fermare il declino: la serie

22 Gennaio 2021

Fuori(le)Serie #075

È arrivato il momento tanto atteso e altrettanto temuto: la serie in live action delle Winx, che questa settimana si fa accompagnare...

Le serie A

15 Gennaio 2021

Fuori(le)Serie #074

Questa settimana fa sul serio e mette insieme pesi massimi come Scorsese (Fran Lebowitz - Una vita a New York), la Marvel (...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy