Tutto quello che c'è da sapere sulla quinta edizione del Perugia Social Film Festival

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Emanuele Sacchi dice che Oltre le colline è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 02:20.

Tutto può accadere a Broadway di Peter Bogdanovich è in streaming su Prime Video

Il genere supereroico e tutte le sue sfumature. Una riflessione di Mauro Gervasini.

Una coppia, Manhattan. È nel prossimo film di Woody Allen, atteso a fine novembre nelle sale italiane. Ma anche in questo film di culto, di cui recuperiamo la locandina scritta da Emanuela Martini.

Negli Usa è cominciata l'ottava stagione della serie da cui è partito il cosiddetto Arroweverse . Questa stagione sarà l'ultima e da noi arriverà l'anno prossimo. Nel frattempo riproponiamo la recensione della prima.

Immigrati in cerca delle proprie radici nella periferia di Istanbul: in La canzone perduta il giovane regista curdo, cresciuto in Turchia, scava nella propria autobiografia per raccontare un popolo senza stato.

La citazione

«Alice Harford: I do love you and you know there is something very important we need to do as soon as possible. - Dr. Bill Harford: What's that? - Alice Harford: Fuck.»

scelta da
Fabrizio Tassi

cinerama
8930
servizi
3294
cineteca
2929
opinionisti
2007
locandine
1049
serialminds
868
scanners
497

News


3 Ottobre 2019

Tutto quello che c'è da sapere sulla quinta edizione del Perugia Social Film Festival

C'è ancora gente convinta che il documentario sia un modo noioso, pedante e poco memorabile di fare cinema. È gente che puntualmente si scorda di Werner Herzog, meglio conosciuto come L'uomo più interessante sulla faccia della terra, che ha fatto del documentario una delle sue modalità cinematografiche preferite arrivando all'ovvia conclusione che: “Per me è tutto cinema. Per quanto mi riguarda, quando si parla di documentario, nella maggior parte dei casi significa 'film' e basta”. Certo, le sue citazioni vanno prese con le pinze: Herzog è pur sempre quello che ha anche detto “Penso che ci dovrebbe essere una guerra santa contro le classi di yoga”, ma il punto non è questo. Il punto dovrebbe essere, invece, quello di dare una vetrina degna a un cinema fondamentale, il cinema della realtà. In tal senso, fra le eccellenze italiane vale la pena segnalare il Perugia Social Film Festival (PerSo), che festeggia il primo lustro di vita con una quinta edizione eroica – realizzata con un terzo delle risorse rispetto agli scorsi anni, visto il taglio dei finanziamenti da parte della Regione Umbria – che si svolgerà fra il 5 e il 13 ottobre in quattro sale sparse per la città, con 40 titoli nazionali e internazionali, di cui cinque in anteprima italiana, inseriti in una programmazione rigorosamente a ingresso gratuito. Il confermato quadrumvirato di direttori artistici – il duo del cinema PostModernissimo Giacomo Caldarelli e Ivan Frenguelli, Luca Ferretti, e il documentarista Giovanni Piperno, anche presidente del Festival – è riuscito, nonostante le ristrettezze economiche, a non rinunciare a nulla: sei categorie di concorsi, per un totale di 8.500 euro di premi oltre a una residenza artistica pensata per i giovani cineasti (“Il Tempo non è denaro”, progetto realizzato con il sostegno di MiBACT e SIAE e che coinvolgerà 6 filmmaker), a cui si aggiunge una competizione per i cortometraggi, una rassegna fuori concorso che ospita i migliori documentari della stagione (i PerSo Masterpiece), senza scordarsi del PerSo Lab, ideato per il finanziamento di nuove produzioni, oltre ai laboratori e ai workshop. Al di là del programma, della varietà di titoli, della ricchezza delle sezioni collaterali e delle proiezioni gratuite, il PerSo Film Festival ha anche il fondamentale merito di agire, in prima persona e mettendoci la faccia, come il collante sociale e il narratore della realtà che dichiara di essere sulla carta. La giuria principale del Festival infatti, presieduta dalla documentarista Sara Fgaier e composta dal regista Martin Sola e dal produttore Gianfilippo Pedote, sarà affiancata da altri gruppi di giurati, composti dai detenuti della Casa circondariale di Perugia-Capanne, da richiedenti asilo, dagli studenti di cinema dell’Università di Perugia e dal pubblico, che consegneranno ulteriori riconoscimenti. Un modo fantastico per far venire il sangue amaro agli stessi brillantoni che non vedono niente di sbagliato in un adulto che ricopre di contumelie una sedicenne svedese solo perché sta rinfacciando una scomoda verità (un saluto ad Al Gore). Per tutti i dettagli sulla programmazione del PerSo 2019, rimandiamo al sito ufficiale della manifestazione.

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Resta sempre aggiornato con le notizie più importanti della settimana, tutte le recensioni e le esclusive di Film Tv: iscriviti alla newsletter!

Le ultime news


Ragazze interrotte

18 Ottobre 2019

Fuori(le)Serie #017

Tornano i Parioli che i pariolini fanno finta di non vedere, quelli raccontati nella seconda stagione di Baby, che anche se...

Elton John recensisce il remake de Il re leone

17 Ottobre 2019

Addio e grazie per tutte le news #188

L'arte della diplomazia è bella e importante, ma non c'è niente di male se rimane appannaggio esclusivo di quegli...

Nuovi dettagli sul prossimo film di David Fincher

16 Ottobre 2019

Addio e grazie per tutte le news #187

Anno di anniversari corrisponde ad anno di consuntivi. Vent'anni più o meno esatti fa usciva...

Zoë Kravitz è la nuova Catwoman

15 Ottobre 2019

Addio e grazie per tutte le news #186

Prima di tornare in carreggiata e sul pezzo riportando la più recente news sul casting di un atteso cinecomic,...

Gemelli DiVersi

11 Ottobre 2019

Fuori(le)Serie #016

James Franco rimane sdoppiato anche nella terza e ultima stagione di The Deuce: basterebbe il suo ego a riempire il...

banner300x600.jpg

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy