Opinionisti: rubriche e editoriali

Opinionisti /// Pensieri cattivi, (col)laterali, editoriali. Dal 2008 ad oggi.

Mulholland Drive

Mulholland Drive n° 42/2017

Quando Filippo Mazzarella incontrò David Lynch, qualche parola, del silenzio.

Una volta ho incontrato David Lynch. Avevo 23 anni. Cannes, 1990. Alle 10 di sera. Io girovagavo per il Palais deserto munito di un accredito da paria, il tesserino giallo FIF Media (ottenuto gabolando grazie a una rivistina fondata all’università) che regolarmente mi impediva di trovare un posto alla proiezione del secondo film in concorso della giornata. Perché finché c’era da entrare nella mastodontica Salle Lumière la mattina alle 8 nessun problema, ma poi quando stavo in coda 12 ore dopo alla più piccola Debussy e regolarmente mi sfilavano davanti i quotidianisti di tutto il mondo col loro stronzissimo badge pigliatutto e quando urlavano «c’est complet!» me ne andavo insieme ad altre 80 persone rimaste come me a bocca asciutta. Lui era là in concorso per Cuore selvaggio, che in Francia si chiamava Sailor et Lula. Era la sera della presentazione fuori concorso di La voce della luna, che avevo già visto a Milano prima di partire e che al me giovane stolto di allora era parso bruttissimo. Io cercavo nei cestini i pressbook che i (futuri) colleghi ricchi buttavano o dimenticavano in giro. Lui presenziava alla première. Parve bruttissimo anche a lui, perché lo incontrai che a un’ora dall’inizio sgattaiolava affranto da un’uscita della Lumière adiacente a un divanetto su cui mi ero messo a leggere “Le Film français”. Eravamo soli. L’avevo beccato. Mi sorrise. Gli sorrisi. Gli chiesi di Villaggio e Benigni ma tacque imbarazzato. Gli chiesi a che punto fosse Ronnie Rocket e mi rispose «Hell if I know» o una cosa simile. Gli feci i complimenti per Sailor et Lula e mi disse solo che trovava il titolo francese molto scemo. Fu gentilissimo, però, e facemmo insieme la strada che lo separava dall’uscita. Lo salutai dicendogli che mi sarebbe piaciuto vincesse la Palma d’oro. Non rispose. E la vinse. Non è per questo che questa rubrica si chiama Mulholland Drive, il merito (o la colpa?) è di Mauro Gervasini. Ma oggi che il Cinema avrebbe bisogno di un po’ di quel silenzio invocato da Fellini che da ragazzo non volevo capire e che aveva scandito il nostro breve incontro, mi sorprendo a ricordarlo e a desiderare di rincontrarlo a Roma solo per chiedergli se anche lui ha cambiato idea.

M

N° 29 / 2013

Mulholland Drive n° 29/2013

Mulholland Drive

Malinconia. Da qua, se ne vanno tutti. Da qua se ne vanno, tutti. Non te ne accorgi, ma da qua (qua) se ne vanno tutti (tutti). È la fuga dei cervelli, bellezza. Il brain drain. Una volta erano i capitali. I soldi, sapete. Le imprese...

Filippo Mazzarella

E

N° 48 / 2012

aRoma di cinema

Editoriale

C’è una novità: «Il Festival del Film di Roma è un festival». E no, non è una tautologia. Non un carnevale romano, non un giro di giostra, non una finestrella sulla Fabbrica dei Sogni. E non una vetrina, un salotto elitario o una rassegna...

Giulio Sangiorgio

M

N° 06 / 2016

Mulholland Drive n° 06/2016

Mulholland Drive

La didascalia finale di L’abbiamo fatta grossa (miglior titolo-boomerang di sempre) di Carlo Verdone cita nientemeno che Le mani sulla città di Francesco Rosi e ci avvisa che «fatti e personaggi narrati sono immaginari, ma la società che li...

Filippo Mazzarella

E

N° 43 / 2009

Diritti nella realtà

Editoriale

La politica, nel senso più generale del termine, è stato il filo rosso della 4ª edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. Così com’era capitato a Venezia. Crisi, razzismo, rapporto tra ricchezza e povertà, ideologie. Non stupisce,...

Cristina Borsatti

d

N° 11 / 2015

detour 166 - L'ingaggio dell'occhio

detour

Sembra quasi fermo lo sguardo nella nebbia. Non meno bloccato trascorre il paesaggio nei finestroni dell’alta velocità. La velocità del paesaggio diventa una perfetta “nuvola della non-conoscenza”, la velocità è nebbia. Le didascalie che...

enrico ghezzi

Archivio Opinionisti

Titolo Rubrica Autore FilmTv n°
Punti di vista n° 28/2019 Punti di vista Ilaria Feole 28 / 2019
Black Mirror n° 27/2019 Black Mirror Andrea Bellavita 27 / 2019
Édith Scob Il lungo addio Roberto Manassero 27 / 2019
Il feticcio della realtà Editoriale Alberto Pezzotta 27 / 2019
Suzan Pitt Il lungo addio Giulio Sangiorgio 27 / 2019
Visioni dal fondo n° 27/2019 Visioni dal fondo Roy Menarini 27 / 2019
Black Mirror n° 26/2019 Black Mirror Andrea Bellavita 26 / 2019
Diane Keaton Un post al sole Ilaria Feole 26 / 2019
Editoriale n° 26/2019 Editoriale Giulio Sangiorgio 26 / 2019
Franco Zeffirelli - Il regista del primo piano Il lungo addio Alberto Pezzotta 26 / 2019
I cancelli del cielo n° 26/2019 I cancelli del cielo Mauro Gervasini 26 / 2019
Il filo nascosto n° 26/2019 Il filo nascosto Sara Martin 26 / 2019
Mulholland Drive n° 26/2019 Mulholland Drive Filippo Mazzarella 26 / 2019
Punti di vista n° 26/2019 Punti di vista Ilaria Feole 26 / 2019
/ [Slash] Editoriale Ilaria Feole 25 / 2019
Black Mirror n° 25/2019 Black Mirror Andrea Bellavita 25 / 2019
Il Sassolino n° 25/2019 Il Sassolino Roberto Manassero 25 / 2019
Peter Whitehead Il lungo addio Roberto Silvestri 25 / 2019
Punti di vista n° 25/2019 Punti di vista Luca Pacilio 25 / 2019
Refuso gastrico n° 25/2019 Refuso gastrico Adriano Aiello 25 / 2019
Visioni dal fondo n° 25/2019 Visioni dal fondo Roy Menarini 25 / 2019
Black Mirror n° 24/2019 Black Mirror Andrea Bellavita 24 / 2019
Editoriale n° 24/2019 Editoriale Giulio Sangiorgio 24 / 2019
I cancelli del cielo n° 24/2019 I cancelli del cielo Mauro Gervasini 24 / 2019
Il filo nascosto n° 24/2019 Il filo nascosto Sara Martin 24 / 2019
JR Un post al sole Ilaria Feole 24 / 2019
Michel Serres Il lungo addio Rinaldo Censi 24 / 2019
Mulholland Drive n° 24/2019 Mulholland Drive Filippo Mazzarella 24 / 2019
Black Mirror n° 23/2019 Black Mirror Andrea Bellavita 23 / 2019
Che fine ha fatto la commedia romantica? Editoriale Fiaba Di Martino 23 / 2019

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy