Opinionisti: rubriche e editoriali

Opinionisti /// Pensieri cattivi, (col)laterali, editoriali. Dal 2008 ad oggi.

Il lungo addio

Nobuhiko Ôbayashi

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare.

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare. Al di fuori di House la storia di Ôbayashi rimane una faccenda per pochi, e fortunati, cinefili incalliti, che magari hanno approfittato del suo passaggio al Far East Film Festival di Udine nel 2016 per approfondire la materia. Gli anni 60 sono quelli dei corti sperimentali, un’attività che attirerà l’interesse dei produttori: la conversione al mercato non rappresenta un problema per Ôbayashi, che gira un’infinità di spot televisivi, spesso con protagoniste star di Hollywood quali Kirk Douglas o Charles Bronson (qui una selezione: www.austinfilm.org/2020/04/watchthis-the-tv-commercials-of-hausu-directo...). Ma è negli 80 che Ôbayashi confeziona i suoi lavori migliori: I Are You, You Am Me (1982) e soprattutto The Girl Who Leapt Through Time (1983, poi rifatto in versione anime) mescolano il romanzo di formazione con derive fantastiche dagli esiti sorprendenti. Il suo ultimo lavoro, Labyrinth of Cinema (2019), presentato a Toronto, racconta di come l’ultimo giorno di proiezioni di una sala cinematografica conduca fisicamente gli spettatori negli orrori della guerra. Un testamento all’altezza della sua fama. 

d

N° 05 / 2012

detour 56 - ricordati di me ladro di cinema

detour

Che dirà l’agente? Non l’agente FBI, ossessione oscura nascosta nel cuore nero di jamesedgarHoover, messa a nudo da eastwood con il “semplice” ricorso al colossale dicaprio, doppio dell’orsonwelles a sua volta doppio di hoover, corpo con occhi...

enrico ghezzi

d

N° 10 / 2012

detour 61 - il sole anche di giorno

detour

Solo il giudizio di chi amiamo o ci ama può fare davvero paura. Mi porto dietro dal primo incontro questa nota (certo sfocata o esagerata dal ricordo) del tolstoj giovane e mondano. (Il detour qui in atto affiora sotto una costellazione di...

enrico ghezzi

E

N° 50 / 2015

S'ABBA

Editoriale

In sardo S'Abba significa “l'acqua”. Abba S'Abba rafforza il concetto: acqua dalla quale tutto nasce, a cui la cultura isolana lega rituali e destini delle genti (anche funesti, si pensi alle alluvioni). Abba S'Abba è il titolo...

Mauro Gervasini

E

N° 45 / 2014

Un successo favoloso

Editoriale

A giovedì 6 novembre 2014 Il giovane favoloso di Mario Martone ha incassato 4.366.383 euro, è stato visto da 735.646 spettatori, è passato da 209 schermi a 316 in tre settimane (dati Cinetel). Già più di 100 mila studenti si sono...

Mauro Gervasini

L

N° 08 / 2011

Uomini e cieli

La mia cineteca

16 ottobre 1941: quattro piloti di due idrovolanti in panne rievocano il loro passato in attesa del soccorso. Ricordano quand’erano allievi dell’Accademia e solevano andare alla trattoria di “Zi’ Peppone”. Ci torneranno appena possono; ma a ogni...

Callisto Cosulich

Archivio Opinionisti

Titolo Rubrica Autore FilmTv n°
Dispacci Editoriale Giulio Sangiorgio 45 / 2020
Il filo nascosto n° 45/2020 Il filo nascosto Sara Martin 45 / 2020
Mulholland Drive n° 45/2020 Mulholland Drive Filippo Mazzarella 45 / 2020
Punti di vista n° 45/2020 - Ce lo meritiamo ancora, Borat Punti di vista Rocco Moccagatta 45 / 2020
Punti di vista n° 45/2020 - Ebbasta che funzioni Punti di vista Fiaba Di Martino 45 / 2020
Black Mirror n° 44/2020 Black Mirror Andrea Bellavita 44 / 2020
I cancelli del cielo n° 44/2020 I cancelli del cielo Mauro Gervasini 44 / 2020
Punti di vista n° 44/2020 - Il primo amore, l'eterna illusione Punti di vista Luca Pacilio 44 / 2020
Punti di vista n° 44/2020 - Una carezza in un pugno di dollari Punti di vista Mariuccia Ciotta 44 / 2020
Realpolitik Editoriale Giulio Sangiorgio 44 / 2020
Visioni dal fondo n° 44/2020 Visioni dal fondo Roy Menarini 44 / 2020
Black Mirror n° 43/2020 Black Mirror Andrea Bellavita 43 / 2020
Ciao, comprati Arrapaho Editoriale Luca Pacilio 43 / 2020
Mulholland Drive n° 43/2020 Mulholland Drive Filippo Mazzarella 43 / 2020
Black Mirror n° 42/2020 Black Mirror Andrea Bellavita 42 / 2020
Dacci oggi la nostra mafia quotidiana Editoriale Alberto Pezzotta 42 / 2020
Lillo Tombolini Il lungo addio Andrea Bellavita 42 / 2020
Visioni dal fondo n° 42/2020 Visioni dal fondo Roy Menarini 42 / 2020
Black Mirror n° 41/2020 Black Mirror Andrea Bellavita 41 / 2020
Mulholland Drive n° 41/2020 Mulholland Drive Filippo Mazzarella 41 / 2020
Shot in the Dark Editoriale Mauro Gervasini 41 / 2020
Black Mirror n° 40/2020 Black Mirror Andrea Bellavita 40 / 2020
Contestatari Editoriale Andrea Fornasiero 40 / 2020
La polveriera come fosse oggi Il lungo addio Mauro Gervasini 40 / 2020
Visioni dal fondo n° 40/2020 Visioni dal fondo Roy Menarini 40 / 2020
Black Mirror n° 39/2020 Black Mirror Andrea Bellavita 39 / 2020
Il Sassolino n° 39/2020 Il Sassolino Fiaba Di Martino 39 / 2020
Juliette Gréco Il lungo addio Mauro Gervasini 39 / 2020
Michael Lonsdale Il lungo addio Rinaldo Censi 39 / 2020
Mulholland Drive n° 39/2020 Mulholland Drive Filippo Mazzarella 39 / 2020

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy