Opinionisti: rubriche e editoriali

Opinionisti /// Pensieri cattivi, (col)laterali, editoriali. Dal 2008 ad oggi.

Il Sassolino

Il Sassolino n° 05/2018

Siamo gli Oscar, e per rispondere a #OscarsSoWhite ora sì che ci preoccupiamo di dare visibilità agli artisti Neri e Donna! Ma in modo meccanico, superficiale e tutto sommato dannoso. Un'analisi di Ilaria Feole del 2018, pienamente attuale.

Se fino a qualche anno fa gli Oscar erano una fotografia fuori fuoco e parzialissima della stagione cinematografica, viziata dalle campagne delle major, da #OscarsSoWhite in poi sono diventati anche (o in misura molto maggiore) una fotografia fuori fuoco e parzialissima del sentore politico corrente, viziata dal politicamente corretto. Se, infatti, l’Academy si è sforzata di aprire le cinquine ad artisti e maestranze afroamericane e di sesso femminile, l’ha fatto maldestramente e con la consueta disattenzione verso i titoli meno acclamati da critica e pubblico. Un po’ come dire: è il caso di dare risalto ad attori neri e a registe donne, ma non scomodiamoci a cercarli, peschiamoli piuttosto da questa lista di film che già conosciamo. I risultati sono curiosi e di segno opposto. Esempio: erano ovvie e “facili” le nomination a Scappa - Get Out, sicuramente il titolo “black” più significativo del 2017, oltre che un campione d’incassi, ma la sua presenza scardina piacevolmente alcuni vizi. Incidentalmente, infatti, è anche un caso raro di film di genere - horror/sci-fi - nominato come miglior film, oltre che il solo titolo, insieme a Tre manifesti a Ebbing, Missouri, a parlare dell’oggi ambientandosi nell’oggi (su nove candidati, quattro si svolgono tra anni 40 e 50, uno nei 70, uno negli 80 e uno nel 2002). Altro esempio: è indubbiamente mortificante, surreale perfino, che Greta Gerwig sia solo la quinta regista donna nominata in 90 anni di Oscar, e che già otto ne siano passati dall’ultima volta (quando Kathryn Bigelow vinse e fece la storia); ma che debba essere la sua messa in scena acerba e rosa millennial dell’acclamato Lady Bird a rappresentare le donne dietro la macchina da presa, è sconfortante. Soprattutto quando in quella cinquina, invece, non è entrata la regia magistrale di Steven Spielberg (The Post, solo due nomination). Né quella muscolare e implacabile di Bigelow (Detroit: ignorato). Né quella mistica e struggente di James Gray (Civiltà perduta: idem). Così, mentre l’Academy annaspa per acchiappare uno Zeitgeist che forse nemmeno comprende, il gioco delle cinquine semplifica (sino ad annientarla al livello di ottusa tifoseria) la complessità di discorsi che meriterebbero intelligenza, e a farne le spese è proprio il cinema.

V

N° 32 / 2013

Visioni dal fondo n° 32/2013

Visioni dal fondo

Uno dei romanzi meno celebrati dell’ondata cyberpunk...

Roy Menarini

d

N° 39 / 2012

detour 90 - love is in the air

detour

Il primo elemento a far da velo all’immagine è la sua pienezza immancabile. L’impossibilità di non filmare nulla, superiore dannazione del cinema, è intensificata e raddoppiata più che contraddetta dalla volontà o dalla tentazione di filmare...

enrico ghezzi

M

N° 50 / 2018

Mulholland Drive n° 50/2018

Mulholland Drive

Se è vero che la lingua batte dove il dente duole, la principale causa di sofferenza del nostro esercizio cinematografico sembra continuare a essere Netflix. Anche se il provvedimento contenuto nel decreto del ministro dei Beni culturali...

Filippo Mazzarella

d

N° 36 / 2016

detour 172 - OGNI VOLTA UNICA, LA FINE DEL MONDO, OVVERO FONDAMENTA DEGLI INVISIBILI

detour

Mi mancano del cinema i film che inseguono se stessi e noi con loro apertamente e con dispendio e spreco di sé, o ancor più quelli che lo fanno irrigando irrisori stati terracquei o soderberghianamente rintracciandone gli “effetti secondari”. Mi...

enrico ghezzi

V

N° 09 / 2016

Visioni dal fondo n° 09/2016

Visioni dal fondo

Se c’è una materia in cui trionfa la relatività, questa è la passione per il cinema. Non è tanto l’amore incondizionato per i film, quanto la testardaggine nel voler prevalere a tutti i costi nelle discussioni. Provando a isolare alcune sentenze...

Roy Menarini

Archivio Opinionisti

Titolo Rubrica Autore FilmTv n°
Il Sassolino n° 51/2018 Il Sassolino Roy Menarini 51 / 2018
Il senso di una fine Editoriale Ilaria Feole 51 / 2018
Punti di vista n° 51/2018 Punti di vista Fiaba Di Martino 51 / 2018
Visioni dal fondo n° 51/2018 Visioni dal fondo Roy Menarini 51 / 2018
Antropocene Editoriale Giulio Sangiorgio 50 / 2018
Black Mirror n° 50/2018 Black Mirror Andrea Bellavita 50 / 2018
Ennio Fantastichini Il lungo addio Giona A. Nazzaro 50 / 2018
Il Sassolino n° 50/2018 Il Sassolino Giona A. Nazzaro 50 / 2018
La bussola d'oro n° 50/2018 Bussola d'oro Marianna Cappi 50 / 2018
Mulholland Drive n° 50/2018 Mulholland Drive Filippo Mazzarella 50 / 2018
Black Mirror n° 49/2018 Black Mirror Andrea Bellavita 49 / 2018
Dopo la rivoluzione Editoriale Gianni Canova 49 / 2018
Punti di vista n° 49/2018 Punti di vista Alice Cucchetti 49 / 2018
Stephen Hillenburg Il lungo addio Filippo Mazzarella 49 / 2018
Visioni dal fondo n° 49/2018 Visioni dal fondo Roy Menarini 49 / 2018
Black Mirror n° 48/2018 Black Mirror Andrea Bellavita 48 / 2018
Il filo nascosto n° 48/2018 Il filo nascosto Sara Martin 48 / 2018
Le finestre di fronte Editoriale Pedro Armocida 48 / 2018
Mulholland Drive n° 48/2018 Mulholland Drive Filippo Mazzarella 48 / 2018
Black Mirror n° 47/2018 Black Mirror Andrea Bellavita 47 / 2018
La bussola d'oro n° 47/2018 Bussola d'oro Marianna Cappi 47 / 2018
Visioni dal fondo n° 47/2018 Visioni dal fondo Roy Menarini 47 / 2018
Voci lontane sempre presenti Editoriale Giulio Sangiorgio 47 / 2018
Black Mirror n° 46/2018 Black Mirror Andrea Bellavita 46 / 2018
Delle guerre e dell'arte Editoriale Luca Bellino, Silvia Luzi 46 / 2018
Delle guerre e dell'arte Editoriale Luca Bellino, Silvia Luzi 46 / 2018
Il filo nascosto n° 46/2018 Il filo nascosto Sara Martin 46 / 2018
Il Sassolino n° 46/2018 Il Sassolino Fiaba Di Martino 46 / 2018
Max Croci Il lungo addio Mauro Gervasini 46 / 2018
Mulholland Drive n° 46/2018 Mulholland Drive Filippo Mazzarella 46 / 2018

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy