The Rolling Stones in Cuba - Havana Moon di Paul Dugdale - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che I giovani leoni è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:20.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Non è più possibile parlare d'arte escludendo la scienza e la tecnologia. Non è più possibile analizzare i fenomeni fisici escludendo le realtà metafisiche. (Gene Youngblood)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
8291
servizi
2833
cineteca
2663
opinionisti
1780
locandine
1001
serialminds
758
scanners
477
Recensione pubblicata su FilmTv 39/2016

The Rolling Stones in Cuba - Havana Moon


Regia di Paul Dugdale

«Cuba! And the Rolling Stones...» dice il profeta Keith Richards prima di concentrarsi sulla chitarra, dando la giusta, roca profondità all’evento. Havana Moon “racconta” il concerto dei Rolling Stones all’Avana del 25 marzo 2016. Prima di loro, a dire la verità, suonarono a Cuba gli Audioslave nel 2005, ma forse non vale essendo tre componenti su quattro di quella band dalla vita breve ma intensa tendenzialmente comunisti. Gli Stones, dopo la preistoria di Street Fighting Man, hanno pensato solo al rock’n’roll post-ideologico, giusto toccasse a loro riaprire le danze in quest’isola lontana, così da celebrare il disgelo nei rapporti con gli Usa favorito dalla moral suasion di un papa venuto da dove era partito anche il Che. La favola cubana degli Stones li rappresenta bene per come sono adesso, grintosi a dispetto dell’età (Mick Jagger nel 2016 è diventato papà per l’ottava volta, a 73 anni). Lo spettacolo è grandioso e la regia pindarica. Certo, per i veri fan la scaletta è un po’ risaputa (oggi il limite degli Stones dal vivo è che di un repertorio di 400 canzoni suonano sempre le solite 30), per questo la performance migliore è quella del brano meno scontato, Out of Control, sorta di Midnight Rambler 2.0. Poi, certo, Gimme Shelter con Lisa Fischer che tocca il cielo con la voce è la più grande canzone della storia del rock, ottimo antidoto a otto giorni di Beatles a settimana. Da somministrare smodatamente.

I 400 colpi

MG
7
MS
7
media
7.0
The Rolling Stones in Cuba - Havana Moon (2016)
Titolo originale: The Rolling Stones Havana Moon
Regia: Paul Dugdale
Genere: Musicale - Produzione: Gran Bretagna - Durata: 116'
Cast: Mick Jagger, Keith Richards, Charlie Watts, Ronnie Wood

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy