The Rolling Stones in Cuba - Havana Moon di Paul Dugdale - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Teodora imperatrice di Bisanzio è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 17:45.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«Guardatevi da tutte le imprese che richiedono vestiti nuovi (H.D. Thoreau)»

scelta da
Carolina Crespi

cinerama
8138
cineteca
2932
servizi
2694
opinionisti
1714
locandine
992
serialminds
738
scanners
471
Recensione pubblicata su FilmTv 39/2016

The Rolling Stones in Cuba - Havana Moon


Regia di Paul Dugdale

«Cuba! And the Rolling Stones...» dice il profeta Keith Richards prima di concentrarsi sulla chitarra, dando la giusta, roca profondità all’evento. Havana Moon “racconta” il concerto dei Rolling Stones all’Avana del 25 marzo 2016. Prima di loro, a dire la verità, suonarono a Cuba gli Audioslave nel 2005, ma forse non vale essendo tre componenti su quattro di quella band dalla vita breve ma intensa tendenzialmente comunisti. Gli Stones, dopo la preistoria di Street Fighting Man, hanno pensato solo al rock’n’roll post-ideologico, giusto toccasse a loro riaprire le danze in quest’isola lontana, così da celebrare il disgelo nei rapporti con gli Usa favorito dalla moral suasion di un papa venuto da dove era partito anche il Che. La favola cubana degli Stones li rappresenta bene per come sono adesso, grintosi a dispetto dell’età (Mick Jagger nel 2016 è diventato papà per l’ottava volta, a 73 anni). Lo spettacolo è grandioso e la regia pindarica. Certo, per i veri fan la scaletta è un po’ risaputa (oggi il limite degli Stones dal vivo è che di un repertorio di 400 canzoni suonano sempre le solite 30), per questo la performance migliore è quella del brano meno scontato, Out of Control, sorta di Midnight Rambler 2.0. Poi, certo, Gimme Shelter con Lisa Fischer che tocca il cielo con la voce è la più grande canzone della storia del rock, ottimo antidoto a otto giorni di Beatles a settimana. Da somministrare smodatamente.

I 400 colpi

MG
7
MS
7
media
7.0
The Rolling Stones in Cuba - Havana Moon (2016)
Titolo originale: The Rolling Stones Havana Moon
Regia: Paul Dugdale
Genere: Musicale - Produzione: Gran Bretagna - Durata: 116'
Cast: Mick Jagger, Keith Richards, Charlie Watts, Ronnie Wood

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy