Can't Stand Losing You di Andy Grieve, Lauren Lazin - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che I giovani leoni è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:20.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«All work and no play makes Jack a dull boy»

cinerama
8291
servizi
2833
cineteca
2663
opinionisti
1780
locandine
1001
serialminds
758
scanners
477
Recensione pubblicata su FilmTv 26/2014

Can't Stand Losing You


Regia di Andy Grieve, Lauren Lazin

Andy Summers fa stretching nel tinello di casa, poi si mette a scrivere a penna su un quaderno. «I fatti: un nostro singolo è stato primo in classifica in Usa per 8 settimane, siamo in tre, siamo un fenomeno». Comincia così Can't Stand Losing You, documentario sui Police, con un rarissimo filmato della band live nel 1983. 27 anni dopo proprio Summers, il chitarrista, racconta la loro storia, da quando lui bazzicava la scena rock londinese con un fugace passaggio negli Animals al tour della reunion del 2010. La grandezza dei Police non sta nei pezzi, nel successo, nel mito, ma nel numero. Tre. La perfezione. Basso chitarra batteria. Il rock non ha bisogno d'altro, e ci voleva la Polizia per ricordarlo. Immagini del tempo che fu, quando ancora al posto di Andy c'era il primo chitarrista Henry Padovani. Puro punk. Con una consapevolezza: «Rispetto alle altre band di Londra del periodo i Police avevano un ingrediente segreto: noi sapevamo suonare». Stewart Copeland tra i migliori batteristi del mondo, e quando Summers consiglia a Sting di «fare armonici aperti sull'accordo di Mi» il bassista non guarda attonito nel vuoto come avrebbe fatto un Sex Pistols. Il film non fa sconti sulle magagne, l'arroganza di Sting, il solito turbinio della vita spericolata delle rockstar, tutta «testosterone, soldi, potere», ma la testimonianza è viva, oggettiva, mai nostalgica. Con momenti davvero emozionanti. Il racconto della genesi di Roxanne, per dire, è da pelle d'oca.

Can't Stand Losing You (2012)
Titolo originale: Can't Stand Losing You
Regia: Andy Grieve, Lauren Lazin
Genere: Documentario - Produzione: Usa - Durata: 79'

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Message from The Police» Servizi (n° 26/2014)

Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy