Interstellar di Christopher Nolan - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Sole rosso è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 14:05.

Il vincitore della Berlinale69 è Nadav Lapid, nostra vecchia conoscenza, con il film Synonymes . Vi ricordate quando presentammo Policeman su FilmtVOD?

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

Se fossi una donna sarei scandalizzata dal dibattito sulle quote rosa. Molto probabilmente non amerei essere identificata con un colore appiccicoso, infantile e nauseante come il rosa. Quando un uomo politico o un giornalista usa quel colore per identificare la presenza femminile non lo fa solo per scarsa fantasia, ma per tranquillizzarsi con l’immagine di una signorina dal grembiulino color confetto, tutta pizzi, trine, boccoli e totalmente inoffensiva. Se fossi una donna avrei preferito spaziare dal rosso incandescente al grigio glaciale.

Scorsese-DiCaprio, coppia al fulmicotone. Tre ore di film senza pause (e possibilmente senza tagli). Vi riproponiamo la locandina di Emanuela Martini.

Alice Rohrwacher dirigerà almeno due degli otti episodi della seconda stagione di L'amica geniale , dal titolo Storia del nuovo cognome . Avete già visto la prima?

La citazione

«Life... don't talk to me about life...»

scelta da
Alice Cucchetti

cinerama
8462
servizi
2974
cineteca
2739
opinionisti
1847
locandine
1015
serialminds
786
scanners
482
Recensione pubblicata su FilmTv 45/2014

Interstellar


Regia di Christopher Nolan

L'apocalisse si manifesta con una piaga. Perché la Terra produce solo mais: l'uomo deve abbandonare il bisogno del pioniere, il sogno di nuove frontiere da oltrepassare, ed è costretto a retrocedere. A farsi guardiano, a curare quel che c'è già. Il granoturco. Gli ingegneri sono, nell'oggi di Interstellar, agricoltori. Come Cooper, che era anche, e soprattutto, un westerner dello Spazio. E?padre di due figli, che accudisce da solo, dopo la morte della moglie, crescendoli tra i campi e le pagine di libri che, in un subdolo Fahrenheit 451, ora sono stati sostituiti. Libri in cui si legge dell'uomo sulla Luna, per esempio. Perché l'allunaggio era una bugia, oppio per i popoli, spettacolo puro. La politica è cambiata: non esistono altri mondi possibili. La Terra non ha orizzonte, è chiamata a essere mesta e responsabile. Poi Cooper scopre, per volere di un destino non casuale, che la NASA non è pagina chiusa e c'è ancora chi cerca un Nuovomondo. Scelto per guidare una missione in cerca del pianeta su cui rifare la Terra, lascia la prole, la figlia piangente, le voci che gli suggeriscono «resta». E comincia la sua nuova odissea nello spazio, in un'opera sci-fi che è un racconto di pionieri, un redivivo mito di frontiera, un altro Uomini veri. Ma soprattutto, una parabola umana, un mélo padre-figlia, un Piccolo principe adulto, che sa di pop corn e filosofia per le masse. Un film forum, confezionato con grandeur ma rivolto all'interiore, in cui si dibattono sentimenti personali, dilemmi etici, caricature politiche, dubbi esistenziali: un racconto che è un costante banco di prova, scena per scena, pianeta per pianeta, e in cui la questione fondamentale è il tentennamento, sono i se e i ma, l'incerto, l'errore e il suo insegnamento. La questione sono le scelte, le domande che si tendono tra l'individualismo e il progresso, tra l'andare e il restare, tra le finzioni del potere e singoli che non perdono la fede, tra la retorica del mito, i vacui tecnicismi, e il vero sentimento, tra il bene pubblico e privato, tra l'amore qui e ora e quello per un futuro che è solo eventuale. Solo che quel che manca, in Interstellar, è proprio il cinema. Perché quando Nolan non invita lo spettatore al rompicapo come in Memento e in Inception, quando non lo tramortisce con la furia di narrazioni seriali assurdamente compresse come nei suoi Batman, quando sceglie il classicismo, si scopre solo mediocre, sciatto produttore di senso: non c'è un'immagine, qui, che abbia un senso ulteriore, che metta in crisi i sensi, che sia problematica, fertile. Non bastano l'IMAX, i 70mm, la grana della pellicola, se il cinema è solo un'esangue illustrazione.

Interstellar (2014)
Titolo originale: Interstellar
Regia: Christopher Nolan
Genere: Fantascienza - Produzione: Usa/Gran Bretagna - Durata: 169'
Cast: Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Timothée Chalamet, David Oyelowo, Collette Wolfe, Francis X. McCarthy, Bill Irwin, Mackenzie Foy, Ellen Burstyn, John Lithgow
Sceneggiatura: Christopher Nolan, Jonathan Nolan
Musiche: Hans Zimmer
Montaggio: Lee Smith
Fotografia: Hoyte Van Hoytema

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il divoratore di mondi» Servizi (n° 01/2015)
(Speciale Interstellar) La parola...» Servizi (n° 01/2015)
Film Review - Interstellar» Servizi (n° 01/2015)
Interstellar... a riveder le stelle» Servizi (n° 44/2014)
Top 3 2014» Servizi (n° 50/2014)
Il fantasma del tempo» Locandine (n° 33/2016)

Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.


Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy