Interstellar di Christopher Nolan - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Ultima notte a Warlock è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 21:00.

Siamo di parte, ma per Film Tv la chiusura di Rai Movie è un duro colpo, sia in termini di contenuto che di persone che in questa impresa ci hanno messo l'anima e soprattutto il cuore.

Su FilmTv n° 17, in occasione della pubblicazione del libro La spada del destino , Mauro Gervasini dedica una Lost Highway alla storia dei samurai nel mondo del cinema. Accompagna l'articolo una filmografia di Emanuele Sacchi, consultabile nella sezione Liste. Di uno dei dieci film della lista vi proponiamo la locandina di Emanuela Martini.

È cominciata anche in Italia l'ottava stagione di Il trono di spade , che sarà l'ultima. La settima stagione, se vi ricordate, ci aveva diviso: qui trovate il Perché no di Fiaba Di Martino.

Il 24 aprile è la data in cui usciranno in Francia dvd e bluray di High Life di Claire Denis, con Robert Pattinson e Juliette Binoche. Ancora non è prevista un'uscita nelle sale italiane, ma per l'occasione rispolveriamo la recensione di un altro film invisibile della stessa regista.

State già seguendo su TIMVision la seconda stagione di Killing Eve ? Vi riproponiamo l'intervista doppia alle due attrici protagoniste realizzata per l'arrivo della prima stagione, l'anno scorso.

La citazione

«Guardatevi da tutte le imprese che richiedono vestiti nuovi (H.D. Thoreau)»

scelta da
Carolina Crespi

cinerama
8590
servizi
3060
cineteca
2790
opinionisti
1889
locandine
1024
serialminds
811
scanners
487
Recensione pubblicata su FilmTv 45/2014

Interstellar


Regia di Christopher Nolan

L'apocalisse si manifesta con una piaga. Perché la Terra produce solo mais: l'uomo deve abbandonare il bisogno del pioniere, il sogno di nuove frontiere da oltrepassare, ed è costretto a retrocedere. A farsi guardiano, a curare quel che c'è già. Il granoturco. Gli ingegneri sono, nell'oggi di Interstellar, agricoltori. Come Cooper, che era anche, e soprattutto, un westerner dello Spazio. E?padre di due figli, che accudisce da solo, dopo la morte della moglie, crescendoli tra i campi e le pagine di libri che, in un subdolo Fahrenheit 451, ora sono stati sostituiti. Libri in cui si legge dell'uomo sulla Luna, per esempio. Perché l'allunaggio era una bugia, oppio per i popoli, spettacolo puro. La politica è cambiata: non esistono altri mondi possibili. La Terra non ha orizzonte, è chiamata a essere mesta e responsabile. Poi Cooper scopre, per volere di un destino non casuale, che la NASA non è pagina chiusa e c'è ancora chi cerca un Nuovomondo. Scelto per guidare una missione in cerca del pianeta su cui rifare la Terra, lascia la prole, la figlia piangente, le voci che gli suggeriscono «resta». E comincia la sua nuova odissea nello spazio, in un'opera sci-fi che è un racconto di pionieri, un redivivo mito di frontiera, un altro Uomini veri. Ma soprattutto, una parabola umana, un mélo padre-figlia, un Piccolo principe adulto, che sa di pop corn e filosofia per le masse. Un film forum, confezionato con grandeur ma rivolto all'interiore, in cui si dibattono sentimenti personali, dilemmi etici, caricature politiche, dubbi esistenziali: un racconto che è un costante banco di prova, scena per scena, pianeta per pianeta, e in cui la questione fondamentale è il tentennamento, sono i se e i ma, l'incerto, l'errore e il suo insegnamento. La questione sono le scelte, le domande che si tendono tra l'individualismo e il progresso, tra l'andare e il restare, tra le finzioni del potere e singoli che non perdono la fede, tra la retorica del mito, i vacui tecnicismi, e il vero sentimento, tra il bene pubblico e privato, tra l'amore qui e ora e quello per un futuro che è solo eventuale. Solo che quel che manca, in Interstellar, è proprio il cinema. Perché quando Nolan non invita lo spettatore al rompicapo come in Memento e in Inception, quando non lo tramortisce con la furia di narrazioni seriali assurdamente compresse come nei suoi Batman, quando sceglie il classicismo, si scopre solo mediocre, sciatto produttore di senso: non c'è un'immagine, qui, che abbia un senso ulteriore, che metta in crisi i sensi, che sia problematica, fertile. Non bastano l'IMAX, i 70mm, la grana della pellicola, se il cinema è solo un'esangue illustrazione.

Interstellar (2014)
Titolo originale: Interstellar
Regia: Christopher Nolan
Genere: Fantascienza - Produzione: Usa/Gran Bretagna - Durata: 169'
Cast: Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Timothée Chalamet, David Oyelowo, Collette Wolfe, Francis X. McCarthy, Bill Irwin, Mackenzie Foy, Ellen Burstyn, John Lithgow
Sceneggiatura: Christopher Nolan, Jonathan Nolan
Musiche: Hans Zimmer
Montaggio: Lee Smith
Fotografia: Hoyte Van Hoytema

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il divoratore di mondi» Servizi (n° 01/2015)
(Speciale Interstellar) La parola...» Servizi (n° 01/2015)
Film Review - Interstellar» Servizi (n° 01/2015)
Interstellar... a riveder le stelle» Servizi (n° 44/2014)
Top 3 2014» Servizi (n° 50/2014)
Il fantasma del tempo» Locandine (n° 33/2016)

Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.


Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy