L'intrepido di Gianni Amelio - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che Io e te è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 03:00.

Cinema e potere, un rapporto intricato e complesso. Ve ne parliamo su FilmTv n° 50 in uno speciale. Qui trovate la recensione della prima stagione di The Crown​, una delle serie citate nello speciale.

Questo articolo è stato scritto dopo la strage al Bataclan di Parigi, nel novembre 2015. Lo riproponiamo dedicandolo a Johnny Hallyday, scomparso il 6 dicembre scorso a 74 anni, e alla sua idea di rock...

Sarà proiettata al #TFF35 la serie d'autore Tokyo Vampire Hotel , ma Sion Sono è un habitué della rubrica Scanners. Vi proponiamo Himizu e vi consigliamo di scoprire tutti gli altri inediti.

Mentre Sky Atlantic HD trasmette la terza stagione di Gomorra - La serie, riproponiamo la riflessione che il giornalista-scrittore fece in esclusiva per Film TV sull’importanza di una fiction televisiva che a trent'anni dalla prima Piovra ha di nuovo il coraggio di raccontare la criminalità organizzata. Un “sistema” che anche il suo libro ZeroZeroZero, a sua volta destinato a ispirare un'altra serie tv diretta da Stefano Sollima, ha saputo descrivere nei suoi connotati transnazionali.

Visconti e il lato positivo della censura, ovvero quando Gianni Amelio vide per la prima volta Rocco e i suoi fratelli .

La citazione

«Il motivo per cui Dio ci ha dato due orecchie e una bocca è per permetterci di ascoltare il doppio di quanto parliamo (Quincy Jones)»

scelta da
Emanuele Sacchi

cinerama
7553
cineteca
2407
servizi
2298
opinionisti
1511
locandine
952
serialminds
635
scanners
452
Recensione pubblicata su FilmTv 37/2013

L'intrepido


Regia di Gianni Amelio

«Assurdo», gli dice Lucia. Assurdo che Antonio, 48 anni, di lavoro faccia il "rimpiazzo". Un mestiere terminale, nemmeno troppo immaginario, di un sistema che per essere stabile cerca il precario, l'occasionale. Così, che sia per un giorno, o anche solo per un'ora, Antonio sostituisce coloro che ne hanno bisogno. Ed è felice. Fa l'attacchino e lo stiratore, il muratore e il fattorino, gonfia palloncini per decorare il Primo Maggio di gioia, guida i tram per le vie di Milano. Fa tutto questo. E lo sa fare, con l'umiltà di chi può persino scendere in strada, a vendere rose. La moglie l'ha abbandonato, per un benestante, e intorno a lui, legate, ci sono le figure dei figli: Ivo, figlio biologico, e Lucia, figlia simbolica di cui s'innamora, e che ama d'amore paterno. Una generazione debole, illusa e delusa, debilitata. Se non prostituita. Lui suona il sassofono, ha studiato per farlo, vive di quel che gli piace, ma la notte è comunque attanagliato dal panico: sa che il futuro è instabile, e quando mostra ambizioni non lo accettano, lo chiamano «inaffidabile». Lei è bloccata, soffocata dalla depressione, persa nella stasi di chi si nega ai propri privilegi ereditati, ma non vede comunque strade in cui possa camminare da sola. Parla di questo, di loro, L'intrepido: di due generazioni e del capitale, di genitori capaci di reinventarsi (con onestà o con meschinità) e di figli feriti, chiamati «choosy» dal sistema che li ha educati a sognare, «ingrati» da chi li vede arrancare fuori del nepotismo. Amelio, con il suo realismo sghembo che inventa un angelo in tempo di crisi, chiama Antonio Albanese a girare con Chaplin negli occhi, omaggiando, aggiornando e degradando vagabondi e tempi moderni nell'oggi: ne esce un film libero, composto da quadri di melodramma sociale e gag malinconiche che non fanno sorridere, didascalico perché candido, elementare, buonista perché in cerca di un altro Miracolo a Milano. E così, con le sue licenze sognanti, con le sue fantasie, accompagna il reale verso una risoluzione simbolica: il padre sa usare il proprio talento anche negli affetti, sa farne una questione sentimentale, di cuore. Non fa una sostituzione, assume una responsabilità. E il sax può continuare, anche se triste, a suonare.

L'intrepido (2013)
Titolo originale: -
Regia: Gianni Amelio
Genere: Commedia - Produzione: Italia - Durata: 104'
Cast: Antonio Albanese, Livia Rossi, Gabriele Rendina, Toni Santagata, Sandra Ceccarelli, Giuseppe Antignati, Gianluca Cesale, Fabio Zulli, Bedy Moratti, Fausto Rossi

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

Articolo inserito in Speciale Gianni Amelio

Articoli consigliati


Arrangiarsi è un’arte - Intervista» Interviste (n° 36/2013)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy