Hungarian Rhapsody: Queen Live in Budapest di János Zsombolyai - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Sex and the City è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 06:30.

The Man Who Killed Don Quixote è il film di chiusura del Festival di Cannes 2018. Ripercorriamo vita, carriera e (s)fortune del regista americano naturalizzato britannico con questo servizio del 2016 di Ilaria Feole.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

Un saluto a Ermanno Olmi con le parole di Gianni Amelio.

La citazione

«Se una rana avesse le ali non sbatterebbe tante volte il culo per terra (John McCabe)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
7878
servizi
2530
cineteca
2518
opinionisti
1629
locandine
975
serialminds
694
scanners
464
Recensione pubblicata su FilmTv 08/2013

Hungarian Rapsody: Queen Live in Budapest


Regia di János Zsombolyai

Il primo concerto oltre la Cortina di Ferro di una band occidentale con il Muro di Berlino ancora in piedi. L'ultimo concerto di Freddie Mercury con i Queen. Hungarian Rhapsody. Queen Live in Budapest è questo e molto di più: è un film concerto classico e moderno, che unisce la brillantezza e il rigore del genere con lo stile dei Queen, i quali rivoluzionari lo sono stati anche nel coté visivo della loro musica, producendo video divertenti, originali e di ottimo valore. E a questo non si può e non si deve togliere l'unicità dello sguardo essenziale e curioso di János Zsombolyai, il cui schematismo è smussato dall'inevitabile fascinazione per quel gruppo di persone normali che avevano dato vita a qualcosa di eccezionale. E così le interviste nella capitale ungherese di Taylor, Deacon e May tra go kart e bambini sfrontati, sono un piccolo gioiello, mentre vedere Mercury sul palco, ancora una volta, rimasterizzato con una qualità video e audio da applausi, fa scoppiare il cuore. Nel momento in cui al suo pop geniale, a quelle canzoni cult, alterna un pezzo popolare ungherese, si capisce come potesse far diventare rock, musica, entusiasmo collettivo qualsiasi cosa. Capisci che la sua grandezza non era solo in quella voce incredibile e camaleontica, ma anche in una presenza scenica generosa, selvaggiamente istintiva, totale: il suo rapporto con il pubblico era fisico, sentimentale, un orgasmo continuo.

Hungarian Rapsody: Queen Live in Budapest (1987)
Titolo originale: Hungarian Rapsody: Queen Live in Budapest
Regia: János Zsombolyai
Genere: Documentario - Produzione: Ungheria, Canada, USA - Durata: 90'
Cast: John Deacon, Brian May, Freddie Mercury, Queen, Roger Taylor

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy