Hungarian Rhapsody: Queen Live in Budapest di János Zsombolyai - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Adriano Aiello dice che Nikita è il film da salvare oggi in TV.
Su Cielo alle ore 21:15.

Dal primo luglio sarà interamente disponibile su TIMVision l’ottima serie crime western che Graham Yost ha costruito attorno al personaggio inventato dallo scrittore Elmore Leonard. Vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

Quest'anno la regista argentina Lucrecia Martel sarà la presidentessa di giuria alla Mostra del cinema di Venezia. Ne approfittiamo per riproporre la recensione di Zama , suo capolavoro.

Una delle sezioni del Cinema Ritrovato si chiama Le serate in Piazza Maggiore: proiezioni di capolavori della storia del cinema su uno schermo gigante. Quest'anno tra i film proiettati ci sarà il capolavoro di Francis Ford Coppola, di cui vi riproponiamo la locandina di Mariuccia Ciotta.

Dopo l’elezione di Donald Trump del 2016, Mauro Gervasini realizza una ricognizione sui film e i cambiamenti a Hollywood durante i due mandati del primo presidente americano nero, Barack Obama. Vi riproponiamo le sue riflessioni.

Siamo gli Oscar, e per rispondere a #OscarsSoWhite ora sì che ci preoccupiamo di dare visibilità agli artisti Neri e Donna! Ma in modo meccanico, superficiale e tutto sommato dannoso. Un'analisi di Ilaria Feole del 2018, pienamente attuale.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8717
servizi
3140
cineteca
2841
opinionisti
1930
locandine
1033
serialminds
833
scanners
491
Recensione pubblicata su FilmTv 08/2013

Hungarian Rapsody: Queen Live in Budapest


Regia di János Zsombolyai

Il primo concerto oltre la Cortina di Ferro di una band occidentale con il Muro di Berlino ancora in piedi. L'ultimo concerto di Freddie Mercury con i Queen. Hungarian Rhapsody. Queen Live in Budapest è questo e molto di più: è un film concerto classico e moderno, che unisce la brillantezza e il rigore del genere con lo stile dei Queen, i quali rivoluzionari lo sono stati anche nel coté visivo della loro musica, producendo video divertenti, originali e di ottimo valore. E a questo non si può e non si deve togliere l'unicità dello sguardo essenziale e curioso di János Zsombolyai, il cui schematismo è smussato dall'inevitabile fascinazione per quel gruppo di persone normali che avevano dato vita a qualcosa di eccezionale. E così le interviste nella capitale ungherese di Taylor, Deacon e May tra go kart e bambini sfrontati, sono un piccolo gioiello, mentre vedere Mercury sul palco, ancora una volta, rimasterizzato con una qualità video e audio da applausi, fa scoppiare il cuore. Nel momento in cui al suo pop geniale, a quelle canzoni cult, alterna un pezzo popolare ungherese, si capisce come potesse far diventare rock, musica, entusiasmo collettivo qualsiasi cosa. Capisci che la sua grandezza non era solo in quella voce incredibile e camaleontica, ma anche in una presenza scenica generosa, selvaggiamente istintiva, totale: il suo rapporto con il pubblico era fisico, sentimentale, un orgasmo continuo.

Hungarian Rapsody: Queen Live in Budapest (1987)
Titolo originale: Hungarian Rapsody: Queen Live in Budapest
Regia: János Zsombolyai
Genere: Documentario - Produzione: Ungheria/Canada/Usa - Durata: 90'
Cast: John Deacon, Brian May, Freddie Mercury, Queen, Roger Taylor

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy