Amy - The Girl Behind the Name di Asif Kapadia - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Claudio Bartolini dice che Sapore di mare è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 17:10.

A voi la fantascienza di Netflix piace? A Filippo Mazzarella no.

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
7807
cineteca
2497
servizi
2493
opinionisti
1611
locandine
971
serialminds
685
scanners
462
Recensione pubblicata su FilmTv 37/2015

Amy - The Girl Behind the Name


Regia di Asif Kapadia

«Hanno provato a farmi andare in rehab, ma ho detto no, no, no». Il tormentone continua a farci da musica di sottofondo mentre confessa, con sincerità disarmante, tutta la verità, nient'altro che la verità. Kapadia prende i testi che Amy Winehouse scriveva su quaderni a righe e li sovraimprime sulle immagini di lei che canta, a occhi semichiusi, sotto l'inconfondibile capigliatura; mai espediente fu più abusato, eppure accende l'attenzione su qualcosa cui forse non avevamo dato peso: è successo tutto sotto i nostri occhi, dentro le nostre orecchie. In Amy - doc biografico voluto dalla famiglia Winehouse e successivamente disconosciuto - la sovrabbondanza di materiale inedito è quasi frastornante: prima che l'esistenza della star inglese diventasse scrutinio quotidiano da parte di fotografi, giornalisti, fan e tabloid, c'era una ragazzetta bruna che si concedeva quotidianamente alle videocamere casalinghe e all'obiettivo dei cellulari di amici. La narrazione procede lineare, cronologica, e noi osserviamo, quasi troppo da vicino, la parabola di un corpo che cresce e muta, da banale si fa iconico, poi si consuma, si disfa. La guardiamo con quel coinvolgimento colpevole a metà tra curiosità e imbarazzo, con il senso d'impotenza con cui si constata un destino inevitabile, «un fato rassegnato». Nonostante l'indagine frenetica, il mistero di Amy resta sigillato. Ma forse, chissà quanto consapevolmente, il film ci svela molto, di noi.

Amy - The Girl Behind the Name (2015)
Titolo originale: Amy: The Girl Behind the Name
Regia: Asif Kapadia
Genere: Documentario - Produzione: Gran Bretagna/Usa - Durata: 128'

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy