Arcade Fire: The Reflektor Tapes di Kahlil Joseph - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Teodora imperatrice di Bisanzio è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 17:45.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
8138
cineteca
2932
servizi
2694
opinionisti
1714
locandine
992
serialminds
738
scanners
471
Recensione pubblicata su FilmTv 41/2015

Arcade Fire: The Reflektor Tapes


Regia di Kahlil Joseph

La commistione fra il mondo musicale degli Arcade Fire e quello della settima arte è fertile e felice da tempo: il legame della band canadese con il genio di Spike Jonze ha dato vita ad alcuni fra i videoclip più interessanti degli ultimi anni (su tutti, quello live di Afterlife con Greta Gerwig), mentre, con la complicità di Roman Coppola dietro la macchina da presa, il promo di Here Comes the Night Time è diventato un vero e proprio cortometraggio. Per questo documentario l'ensemble si affida alle capaci mani di Kahlil Joseph, già firma di notevoli clip per FKA Twigs e Flying Lotus, qui alla sua prima prova nel lungometraggio: un film dalla natura ibrida, in parte cronaca del viaggio in Jamaica e a Haiti (luoghi d'ispirazione per le sonorità dell'album Reflektor), in parte documentazione del tour che da quel disco si è originato. Per la maggior parte, però, niente di tutto ciò: Joseph impasta nel suo stile glamour - gonfio di ralenti e segmenti astratti, di collisioni cromatiche (il pastoso bianco e nero si apre a lustrini, colori al neon, animazioni disegnate in sovraimpressione), di puro godimento visivo - le esibizioni live degli Arcade Fire, montandole in un suggestivo quanto frustrante collage onirico, compiaciuto delle sue dissonanze melodiche. Pochissimo spazio resta per il backstage del gruppo e per brevi lacerti di intervista: The Reflektor Tapes è un documentario celebrativo, un contenuto extra in formato deluxe, destinato ai soli fan indefessi.

Arcade Fire: The Reflektor Tapes (2015)
Titolo originale: The Reflektor Tapes
Regia: Kahlil Joseph
Genere: Documentario - Produzione: Canada - Durata: 75'
Cast: Arcade Fire, Win Butler, Régine Chassagne

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Ilaria Feole

Ilaria Feole è nata nell’anno di Il grande freddo, Il ritorno dello Jedi e Monty Python – Il senso della vita e tutto quello che sa l’ha imparato da questi tre film. Scrive di cinema e televisione per Film Tv e  Spietati.it. È autrice della monografia Wes Anderson - Genitori, figli e altri animali edita da Bietti Heterotopia.


Ilaria Feole

Ilaria Feole è nata nell’anno di Il grande freddo, Il ritorno dello Jedi e Monty Python – Il senso della vita e tutto quello che sa l’ha imparato da questi tre film. Scrive di cinema e televisione per Film Tv e  Spietati.it. È autrice della monografia Wes Anderson - Genitori, figli e altri animali edita da Bietti Heterotopia.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy