Vizio di forma di Paul Thomas Anderson - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alberto Pezzotta dice che Tepepa è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 06:40.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«E questo è quanto (Casinò - Martin Scorsese)»

cinerama
8205
cineteca
2989
servizi
2794
opinionisti
1750
locandine
996
serialminds
745
scanners
473
Recensione pubblicata su FilmTv 08/2015

Vizio di forma


Regia di Paul Thomas Anderson

Con Journey Through the Past di Neil Young nelle orecchie riflettiamo, seduti su un ramo, sul nuovo film di P.T. Anderson, Vizio di forma. La canzone viene ripetuta due volte nel corso della lunga avventura (quasi due ore e mezza) del detective privato strafatto Larry "Doc" Sportello, ingaggiato dall'ex fidanzata Shasta per sventare la presunta macchinazione ai danni del suo nuovo boyfriend miliardario, perpretrata dalla di lui moglie + amante "guida spirituale". La canzone sembra un'utile "mappa" per questo viaggio cinematografico nel passato, implicazioni politiche, psichedeliche, letterarie comprese. Il libro di riferimento è a dire il vero contemporaneo, il penultimo di Thomas Pynchon. Non un granché, per chi scrive, perché si può pensare al noir come strumento per dire altro, ma lo straniamento postmoderno caro allo scrittore finisce per allontanare ogni tragicità (di personaggi e situazioni) respingendo chiunque la consideri condicio sine qua non affinché il genere conservi specificità, spessore e persino dignità. Anderson dichiara fedeltà al testo (pare esista un primo copione con il libro sceneggiato frase per frase) ma non è Pynchon e la sua versione finisce per essere diversa, più chandleriana (vivaddio: il riferimento quasi preciso è al romanzo incompiuto Poodle Springs). Doc attraversa un'epoca nel suo cruciale passaggio dal miraggio di libertà degli anni 60 alla reazione dei 70, con Altamont, Nixon, Reagan (governatore della California), Cambogia e Vietnam dietro l'angolo a segnare il passo e il nuovo spirito del tempo. Al netto delle diverse dipendenze (erba in quantità industriale al posto dell'alcol), Doc è come Philip (Marlowe), o meglio il suo ritratto speculare, uguale e contrario al modello. Un'impresa eccezionale di "riscrittura", riuscita: il personaggio sullo schermo ha l'anima che invece ci pare manchi nel romanzo di Pynchon, dove è puro pre-testo, un McGuffin semovente. Merito anche di Joaquin Phoenix, magnifico. Dell'intricatissima vicenda, alla fine, tutti i nodi vengono al pettine, ma sembra comunque di non aver capito nulla (noi spettatori e loro protagonisti). Poco importa: la geniale ultima scena (luce in faccia a Doc, sguardo in macchina) dà la giusta chiave di lettura del film. Che non è un capolavoro, non sposta l'asticella della storia del cinema, ma diverte confermando il talento del suo autore.

Vizio di forma (2014)
Titolo originale: Inherent Vice
Regia: Paul Thomas Anderson
Genere: Drammatico - Produzione: Usa - Durata: 148'
Cast: Joaquin Phoenix, Katherine Waterston, Jordan Christian Hearn, Taylor Bonin, Jeannie Berlin, Josh Brolin, Eric Roberts, Serena Scott Thomas, Maya Rudolph
Sceneggiatura: Paul Thomas Anderson dal romanzo omonimo di Thomas Pynchon
Musiche: Jonny Greenwood
Montaggio: Leslie Jones
Fotografia: Robert Elswit

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Noir arcobaleno - Vizio di forma...» Interviste (n° 08/2015)
California poker» Locandine (n° 21/2016)

Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy