Gimme Danger di Jim Jarmusch - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Adriano Aiello dice che Nikita è il film da salvare oggi in TV.
Su Cielo alle ore 21:15.

Quest'anno la regista argentina Lucrecia Martel sarà la presidentessa di giuria alla Mostra del cinema di Venezia. Ne approfittiamo per riproporre la recensione di Zama , suo capolavoro.

Una delle sezioni del Cinema Ritrovato si chiama Le serate in Piazza Maggiore: proiezioni di capolavori della storia del cinema su uno schermo gigante. Quest'anno tra i film proiettati ci sarà il capolavoro di Francis Ford Coppola, di cui vi riproponiamo la locandina di Mariuccia Ciotta.

Se non eravate ancora riusciti a vederla, niente paura: dal 25 giugno Sky Atlantic la ripropone in seconda serata, e vi consigliamo di non farvela scappare. Stiamo parlando della prima stagione di Kidding .

Dopo l’elezione di Donald Trump del 2016, Mauro Gervasini realizza una ricognizione sui film e i cambiamenti a Hollywood durante i due mandati del primo presidente americano nero, Barack Obama. Vi riproponiamo le sue riflessioni.

Siamo gli Oscar, e per rispondere a #OscarsSoWhite ora sì che ci preoccupiamo di dare visibilità agli artisti Neri e Donna! Ma in modo meccanico, superficiale e tutto sommato dannoso. Un'analisi di Ilaria Feole del 2018, pienamente attuale.

La citazione

«Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico durante il week end! (Woody Allen)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8717
servizi
3140
cineteca
2841
opinionisti
1930
locandine
1033
serialminds
833
scanners
491
Recensione pubblicata su FilmTv 07/1994

Gimme Danger


Regia di Jim Jarmusch

Gimme Danger inizia dalla fine. 1974. Gli Stooges si sciolgono, e non c’è bisogno che qualcuno lo comunichi. Tossici irrecuperabili, oppure semplicemente apatici, senza un dollaro in tasca, vengono scaricati per l’ennesima volta dalla casa discografica. Non vendono. Chi dovrebbe promuoverli non sa come farlo. Sono giunti troppo presto. Eppure, la parabola di questa sconfitta eretta su un muro di amplificatori Marshall, pur costellata di lutti, conosce un lieto fine. Gli Stooges hanno ora il posto che gli spetta nella storia del rock. Per chi si avvicini oggi a loro, il film di Jim Jarmusch è un buon punto di partenza. Srotola molta musica e un montaggio agile. Ripercorre le tappe della loro carriera, narrata in primis dai protagonisti. Per i fan di questa banda di disadattati, ai limiti dell’autismo, il documentario offre invece nuovo materiale fotografico, filmati di repertorio poco visti. Eppure, a voler essere pignoli, l’impressione è quella di un prodotto “ripulito”, a volte reticente. Gli Stooges finiscono un po’ appiattiti, quasi bidimensionali, simili a caricature comiche. Non che non lo fossero davvero. Il fatto è che quel lato comico scherma la loro natura violenta, pericolosa, autodistruttiva, compresa la carica sessuale che emanavano: selvaggia, aliena. Tutto questo nel film risulta un po’ attenuato, emerge suo malgrado dalle immagini dei concerti d’epoca. Guardate Iggy Pop con il suo collare per cani, guardate come si muove sul palco. Guardatelo sanguinare. Insomma, hai voglia a criticare il film. Tutto è lì, compresi i non detti. Come si fa a resistergli?

Rinaldo Censi (Voto: 7)

I 400 colpi

MC
9
RM
6
EM
7
GAN
8
GS
7
RS
9
media
7.7
Gimme Danger (2016)
Titolo originale: Gimme Danger
Regia: Jim Jarmusch
Genere: Documentario - Produzione: Usa - Durata: 108'

Montaggio: Affonso Gonçalves, Adam Kurnitz

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy