Il canto delle spose di Karin Albou - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che Un momento di follia è il film da salvare oggi in TV.
Su Cielo alle ore 21:15.

Quando Filippo Mazzarella incontrò David Lynch, qualche parola, del silenzio.

Julie Andrews, una voce leggendaria e una serie di ruoli iconici scolpiti nella storia del cinema, ha ricevuto il Leone d'oro alla carriera a Venezia76. Riproponiamo qui la locandina di Victor Victoria .

Esattamente un anno fa esordiva su Netflix l'attesa serie creata da Matt Groening. A breve sarà disponibile la seconda stagione. Possibile competere con I Simpson e Futurama ? Dobbiamo proprio farlo?

Tra i registi che amiamo quest'anno la Mostra del cinema di Venezia ospita in concorso Olivier Assayas, con Wasp Network . Riproponiamo qui la recensione di un suo film ancora invisibile, segnalato tra gli Scanners nel 2014.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

La citazione

«Tutti i travestimenti del mondo non coprono la puzza di marcio. (Zatōichi)»

scelta da
Nicola Cupperi

cinerama
8838
servizi
3242
cineteca
2894
opinionisti
1981
locandine
1043
serialminds
853
scanners
494
Recensione pubblicata su FilmTv 50/2009

Il canto delle spose


Regia di Karin Albou

In amore e guerra tutto è permesso. Forse perché entrambi, spesso, sono crudeli, fatali, ingiusti. E Il canto delle spose esplora l'uno nell'altro, mostra passioni contrastanti e contrastante implodere in un mondo dimenticato. Una storia intimista che fuori dalla sua finestra vede un'occupazione nazista, la banalità del male con le croci uncinate che terrorizza e rende molti complici e colpevoli: nella Tunisia del 1942 musulmani ed ebrei convivevano, dividendo persino lo stesso bagno turco, nel film gineceo e centro umano e politico (lì sappiamo di Myriam bocciata per aver cantato un inno contro Vichy e Petain, lì la sodale Nour la salva da una retata brandendo un volantino di propaganda nazista che prima le aveva divise). Nour (Olympe Borval) e Myriam (Lizzie Brocheré, bellezza struggente) sono unite da un affetto fatto di una tensione tenera e appassionata, sono cresciute insieme, vicine di casa, compagne di giochi, confidenti. Due adolescenti in simbiosi che trovano l'una nell'altra un completamento e che verranno travolte dalla follia di un Olocausto esportato anche in Nord Africa. Karin Albou, con sensibilità e talento, racconta delle donne divise dal conflitto ma sempre unite dalla loro condizione di genere, comunque sottomesse e soffocate da religioni e tradizioni. Racconta un erotismo che nasce, corpi che sbocciano (potrebbe risparmiarci, magari, qualche inquadratura ginecologica), e sullo sfondo, mette stivali, marce, bombardamenti, visi ottusi, collaborazionisti. La cineasta si ritaglia il ruolo scomodo di una madre costretta a compromessi - una donna che si fa veicolo di maschilismo, vittima e carnefice del sistema - e non si e ci risparmia nulla. Francoalgerina ed ebrea, Karin è dolce e implacabile: così come accarezza l'amicizia tra le due protagoniste, tortura le debolezze dei loro uomini vigliacchi, con lei scorgiamo la Storia nuda e cruda, senza pregiudizi, da un padre severo che sa leggere davvero il Corano (ma non suo genero e il suo popolo) a una comunità ebraica che scende a patti col diavolo.

Il canto delle spose (2008)
Titolo originale: Le chant des mariées
Regia: Karin Albou
Genere: Drammatico - Produzione: Francia/Tunisia - Durata: 100'
Cast: Lizzie Brocheré, Olympe Borval, Najib Oudghiri, Simon Abkarian, Karin Albou, Lassad Boumnijel, Nejia Jendoubi, Hichem Rostom, Jaouida Vaugan, Noureddine Bousselmi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy