La stella che non c'è di Gianni Amelio - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che La morte cavalca a Rio Bravo è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 13:25.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Solo chi lascia il labirinto può essere felice, ma solo chi è felice può uscirne (Michael Ende - Lo specchio nello specchio)»

cinerama
8205
cineteca
2990
servizi
2794
opinionisti
1750
locandine
996
serialminds
745
scanners
473
Recensione pubblicata su FilmTv 37/2006

La stella che non c'è


Regia di Gianni Amelio

Una fila di operai incazzati sotto la pioggia. Un pullman di tecnici e dirigenti cinesi in arrivo. Su uno striscione, gli ideogrammi compongono la parola "Avvoltoi". All'interno della fabbrica l'altoforno ha la bellezza imponente e immota di un dinosauro dell'era industriale. È notte, i cinesi sciamano, chiedono spiegazioni, scattano fotografie, fumano noncuranti dove non dovrebbero. In mezzo a loro, un uomo li osserva, in silenzio e quasi perplesso; poi finalmente si decide ad avvicinarli per chiedere, semplicemente, che facciano bene il loro lavoro: «Con l'acciaio non bisogna avere fretta», dice il manutentore Vincenzo Buonavolontà, e invita gli acquirenti dell'altoforno a non usare la fiamma ossidrica, per non causare danni irreparabili. Ma quando, di lì a poco, torna alla fabbrica con una piccola centralina che ha modificato con le proprie mani, non trova più nulla e nessuno, solo un largo squarcio al posto dell'altoforno che è stato smontato in fretta con il fuoco e immediatamente imbarcato. Si apre così, con il buio, la pioggia e la disperazione sorda di Così ridevano, La stella che non c'è, ennesimo viaggio di Gianni Amelio nell'anima del nostro presente, nei meandri del faticosissimo adattamento al mondo di un uomo che crede ancora nella moralità del proprio lavoro, che non rinuncia al rispetto di se stesso, che non si lascia "dismettere" con la stessa sbrigativa brutalità con cui si fa a pezzi un altoforno. Vincenzo Buonavolontà ha cinquant'anni. Vincenzo Buonavolontà è solo e senza lavoro. Vincenzo Buonavolontà decide di partire per andare a riparare i guasti prodotti dalla fretta; in realtà, forse per la prima volta nella vita, si concede il tempo e lo sguardo di una ricerca di se stesso. Autore per eccellenza in movimento, narratore di treni e spaesamenti, di migrazioni e innamoramenti, di fughe senza voltarsi indietro (il primo, Leonardo nella Fine del gioco) e di dolorosi ritorni (il penultimo, Gianni nelle Chiavi di casa), mai come questa volta Amelio ha sgombrato il campo da equivoci politici e sociali: il viaggio attraverso la Cina del suo protagonista, alla ricerca dell'acciaieria che ha rilevato l'altoforno, è sopra e prima di tutto un viaggio all'interno di una vita già in buona parte vissuta, lungo i passi di un personaggio che non molla sui propri principi ma che, attraverso gli spazi, le asperità e le libertà di un mondo nuovo e sconosciuto, si apre a sentimenti e sorrisi che prima, forse, aveva accantonati. Proprio un sorriso, quello di Castellitto, improvviso, a volte imbarazzato, quasi sempre disarmato, è una delle costanti "solari" del film. L'altra è la presenza un po' scontrosa, ironica e finalmente dolorosa di Liu Hua, la giovane traduttrice cinese che il protagonista ha trattato bruscamente la prima sera in Italia e che, da Shanghai, gli farà da guida nella risalita dello Yang Tze, lungo la strada delle acciaierie. "Aliena" (com'era il vecchio Spiro per Enrico Lo Verso nel disperato viaggio verso l'identità di Lamerica), spiazzante e misteriosa, oppressa da un segreto straziante (un bambino "abbandonato", una vita tutta da "storta", diversa, non omologata), eppure in qualche maniera una presenza rassicurante, una giovanissima "madre" che, come non era mai accaduto prima nei film di Amelio, occupa piano piano il centro emotivo della scena, guida i passi e addolcisce gli angoli, si impunta («Vincenzo Buonavolontà torna Italia», dice il protagonista all'ennesima frustrazione, «No, Vincenzo Buonavolontà trova sua fabbrica e poi torna Italia», ribatte lei, decisa), si oscura (nell'amarissimo monologo in primo piano con cui racconta la propria vita, riassunta dal terribile «Mio figlio non sa nemmeno che sono nata»), si lascia mandare via senza svegliarsi, riappare quieta in una stazioncina sperduta in mezzo al nulla, con un giocattolo rotto in mano, delle ciambelle in borsa e un conto con il passato finalmente saldato. La Cina è lontanissima, è un pullulare di gente e di facce sullo sfondo dell'inquadratura, un ammassarsi di camion e un fiorire di accampamenti notturni su strade di montagna "albanesi", è sfruttamento industriale selvaggio e bambini che giocano e mangiano a terra tra le polveri d'acciaio; ma è anche una successione di gesti perduti e confortanti, la pasta stesa al sole ad asciugare e le macchine per cucire che si riparano (i giocattoli no, non si riparano più nemmeno in Cina), la gentilezza verso l'ospite, l'offerta del cibo, del sorriso, di un "tempo" meno affannato e di uno "spazio" più aperto che leniscono. Il tempo per piangere in mezzo a un fiume, e per finire di piangere e, forse, cominciare qualcosa di nuovo. Amelio ancora una volta non ci dà consolazioni o certezze, non preferisce un mondo a un altro, non mitizza. Semplicemente, scava all'interno di quello che vede, spazia con uno stile in perfetto equilibrio tra il cinema classico e il Rossellini dei viaggi nell'anima, sceglie, per una volta, di fare proprio lo sguardo onesto e disorientato di Vincenzo, protagonista adulto che ha avuto il coraggio di non farsi dismettere.

La stella che non c'è (2006)
Titolo originale: -
Regia: Gianni Amelio
Genere: Drammatico - Produzione: Italia/Francia/Svizzera/Singapore - Durata: 103'
Cast: Sergio Castellitto, Tai Ling, Angelo Costabile, Hiu Sun Ha

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy