K-19 di Kathryn Bigelow - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che 2001 - Odissea nello spazio è il film da salvare oggi in TV.
Su Paramount Channel alle ore 23:59.

Torna in sala in versione restaurata Bande à part di Jean-Luc Godard. Riproponiamo il recente articolo di Mauro Gervasini + controlocandina di Rinaldo Censi.

Dopo l'editoriale di Ilaria Feole, la risposta di Pier Maria Bocchi. Parliamo dell' odierno femminile cinematografico ?

L'ampio servizio retrospettivo che dedicammo a Clint Eastwood in occasione dei suoi 80 anni... Il prossimo 31 maggio ne compirà 88 e intanto è di nuovo nelle sale - dall'8 febbraio - con Ore 15:17 - Attacco al treno

Su Netflix ora c'è The Bad Batch , che non ci ha convinto. È l'esordio di Ana Lily Amirpour che ci aveva folgorato.

Cinema e potere, un rapporto intricato e complesso. Ve ne parliamo su FilmTv n° 50 in uno speciale. Qui trovate la recensione della prima stagione di The Crown​, una delle serie citate nello speciale.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

cinerama
7680
cineteca
2458
servizi
2412
opinionisti
1550
locandine
962
serialminds
663
scanners
459
Recensione pubblicata su FilmTv 47/2002

K-19


Regia di Kathryn Bigelow

C'è tutto quello che ci deve essere. C'è il rude capitano Harrison Ford che sembra per tutto il film portare i suoi uomini alla rovina e invece. C'è il suo secondo Liam Neeson che sembra non essere d'accordo su niente e invece. C'è l'equipaggio che sembra sul punto di ammutinarsi e invece. C'è soprattutto il sommergibile nucleare che sembra sul punto di fondersi e, anche stavolta, invece. Ci sono le battute che tutti ci aspettiamo, gli stereotipi che conosciamo a memoria, i momenti di pausa quando i giovani marinai si lasciano andare a ricordi e speranze nelle cuccette, i picchi di tensione quando si deve saldare il salvifico tubo al reattore (ma davvero si possono fare queste cose?). Ci sono tutti i personaggi di contorno che abbiamo visto mille volte nei film di guerra: il giovane inesperto alla prima missione che deve sposarsi, si tira indietro davanti alla morte ma alla fine si sacrifica per i compagni, la patria sovietica e il mondo intero (siamo nel 1961, l'anno della crisi dei missili a Cuba); ci sono il dottore che non può curare un bel niente e il motorista che si infila nel reattore senza battere ciglio... Domanda, a questo punto, obbligata: ma allora K-19 è un film telefonato e prevedibile?, e Kathryn Bigelow si è messa in riga? Non proprio. C'è nel film tutto quello che sappiamo ci sarà (e che, infantilmente, vogliamo ritrovare) ma c'è anche una buona tensione narrativa dall'inizio alla fine, c'è un bel montaggio molto classico e senza esibizionismi, c'è una ugualmente classica attenzione per uomini e facce, irrigidita quella di Ford, inquieta quella di Neeson, stupefatte quelle di ufficiali e marinai che, orgogliosi di navigare sul miglior sottomarino della gloriosa marina dell'Unione Sovietica alla sua prima missione, si ritrovano rinserrati in un Titanic atomico e devono trasformarsi in eroi che il partito non vorrà riconoscere. Così, lo spettatore (ingenuo?) alla fine si autoassolve: cosa vuoi mai pretendere di più da un film di sommergibili?

K-19 (2002)
Titolo originale: K-19: The Widowmaker
Regia: Kathryn Bigelow
Genere: Azione - Produzione: Usa/Gran Bretagna/Germania/Canada - Durata: 140'
Cast: Harrison Ford, Liam Neeson, Peter Sarsgaard, Joss Ackland

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

Articolo inserito in Speciale Detroit

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy