K-19 di Kathryn Bigelow - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che La morte cavalca a Rio Bravo è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 13:25.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico durante il week end! (Woody Allen)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8205
cineteca
2990
servizi
2794
opinionisti
1750
locandine
996
serialminds
745
scanners
473
Recensione pubblicata su FilmTv 47/2002

K-19


Regia di Kathryn Bigelow

C'è tutto quello che ci deve essere. C'è il rude capitano Harrison Ford che sembra per tutto il film portare i suoi uomini alla rovina e invece. C'è il suo secondo Liam Neeson che sembra non essere d'accordo su niente e invece. C'è l'equipaggio che sembra sul punto di ammutinarsi e invece. C'è soprattutto il sommergibile nucleare che sembra sul punto di fondersi e, anche stavolta, invece. Ci sono le battute che tutti ci aspettiamo, gli stereotipi che conosciamo a memoria, i momenti di pausa quando i giovani marinai si lasciano andare a ricordi e speranze nelle cuccette, i picchi di tensione quando si deve saldare il salvifico tubo al reattore (ma davvero si possono fare queste cose?). Ci sono tutti i personaggi di contorno che abbiamo visto mille volte nei film di guerra: il giovane inesperto alla prima missione che deve sposarsi, si tira indietro davanti alla morte ma alla fine si sacrifica per i compagni, la patria sovietica e il mondo intero (siamo nel 1961, l'anno della crisi dei missili a Cuba); ci sono il dottore che non può curare un bel niente e il motorista che si infila nel reattore senza battere ciglio... Domanda, a questo punto, obbligata: ma allora K-19 è un film telefonato e prevedibile?, e Kathryn Bigelow si è messa in riga? Non proprio. C'è nel film tutto quello che sappiamo ci sarà (e che, infantilmente, vogliamo ritrovare) ma c'è anche una buona tensione narrativa dall'inizio alla fine, c'è un bel montaggio molto classico e senza esibizionismi, c'è una ugualmente classica attenzione per uomini e facce, irrigidita quella di Ford, inquieta quella di Neeson, stupefatte quelle di ufficiali e marinai che, orgogliosi di navigare sul miglior sottomarino della gloriosa marina dell'Unione Sovietica alla sua prima missione, si ritrovano rinserrati in un Titanic atomico e devono trasformarsi in eroi che il partito non vorrà riconoscere. Così, lo spettatore (ingenuo?) alla fine si autoassolve: cosa vuoi mai pretendere di più da un film di sommergibili?

K-19 (2002)
Titolo originale: K-19: The Widowmaker
Regia: Kathryn Bigelow
Genere: Azione - Produzione: Usa/Gran Bretagna/Germania/Canada - Durata: 140'
Cast: Harrison Ford, Liam Neeson, Peter Sarsgaard, Joss Ackland

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


K-19» Cineteca (n° 15/2018)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy