Il mio Godard di Michel Hazanavicius - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Andrea Fornasiero dice che Stand by Me - Ricordo di un'estate è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 02:50.

Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

Se fossi una donna sarei scandalizzata dal dibattito sulle quote rosa. Molto probabilmente non amerei essere identificata con un colore appiccicoso, infantile e nauseante come il rosa. Quando un uomo politico o un giornalista usa quel colore per identificare la presenza femminile non lo fa solo per scarsa fantasia, ma per tranquillizzarsi con l’immagine di una signorina dal grembiulino color confetto, tutta pizzi, trine, boccoli e totalmente inoffensiva. Se fossi una donna avrei preferito spaziare dal rosso incandescente al grigio glaciale.

Scorsese-DiCaprio, coppia al fulmicotone. Tre ore di film senza pause (e possibilmente senza tagli). Vi riproponiamo la locandina di Emanuela Martini.

Alice Rohrwacher dirigerà almeno due degli otti episodi della seconda stagione di L'amica geniale , dal titolo Storia del nuovo cognome . Avete già visto la prima?

Quest'anno alla #Berlinale69 non ci sono nomi di grande richiamo cinefilo. Un esempio preso dal passato? Bruno Dumont. Vi riproponiamo la recensione di un suo film, nella homepage della sezione Scanners.

La citazione

«Quando la leggenda diventa realtà, si stampi la leggenda (John Ford)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8445
servizi
2967
cineteca
2734
opinionisti
1842
locandine
1014
serialminds
783
scanners
482
Recensione pubblicata su FilmTv 44/2017

Il mio Godard


Regia di Michel Hazanavicius

C’è una scena piuttosto curiosa in Il mio Godard. Wiazemsky e Godard sono al cinema. Deve essere la primavera del 1968 perché il film che stanno guardando (lo capiamo dai dialoghi) è Il buono, il brutto, il cattivo, uscito in Francia nel marzo di quell’anno. Eppure, non è questo il dettaglio più strano. Dietro alla coppia c’è un uomo pelato, con occhialini e maglia a collo alto bianca - giurerei sia Michel Foucault. In quel periodo Foucault si teneva lontano dalle università. Però, eccolo lì: in sala. A due passi da Godard (!), che invece le università le frequentava. Tanto che a Nanterre gli studenti lo sfottono, lo fischiano. Insomma, non passa inosservato. Nei cortei lo avvicinano per chiedergli quando girerà ancora con Belmondo. È dura non perdere la pazienza. Stai cercando di demolire l’immagine pubblica che ti sei costruito e invece ti riportano sempre a quella. Lo snodo del film è tutto in questo gesto di autodemolizione, ricordato da Anne Wiazemsky. Il mio Godard è il suo Godard. Michel Hazanavicius parte da lì, e, come gli studenti di Nanterre, fa l’unica cosa possibile per evitare le sabbie mobili del “santino”, la noia della messa officiata. Polarizza gli elementi storici e biografici, accentua i tratti (la zeppola, lo spirito polemico, contraddittorio), insomma spinge personaggio e film dritti verso la caricatura. Il mio Godard è una commedia scombinata, a tratti irresistibile, fatta di gag (gli occhiali scuri rotti) e momenti bislacchi. Qualcosa di simile a un panegirico (saturnino e farsesco), o un elogio burlesco. Sì, il ritratto di un “idiota”, un pazzo saggio.

Rinaldo Censi (Voto: 8)

I 400 colpi

PA
5
MC
3
SE
2
IF
4
MG
7
FM
0
RMO
6
GAN
7
LP
7
GS
5
RS
2
FT
4
media
4.7
Il mio Godard (2017)
Titolo originale: Le redoutable
Regia: Michel Hazanavicius
Genere: Biografico - Produzione: Francia - Durata: 107'
Cast: Louis Garrel, Stacy Martin, Bérénice Bejo, Micha Lescot, Grégory Gadebois, Félix Kysyl, Arthur Orcier, Marc Fraize, Romain Goupil, Jean-Pierre Mocky
Sceneggiatura: Michel Hazanavicius

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Questa è la sua vita - Intervista a...» Interviste (n° 43/2017)
Il mio Godard» Cinerama (n° 44/2017)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy