Il mio Godard di Michel Hazanavicius - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Luca Fontò dice che La signora e i suoi mariti è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 10:10.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«La televisione è meglio del cinema. Sai sempre dov'è la toilette. (Dino Risi)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
8222
cineteca
2996
servizi
2799
opinionisti
1759
locandine
997
serialminds
747
scanners
473
Recensione pubblicata su FilmTv 44/2017

Il mio Godard


Regia di Michel Hazanavicius

C’è una scena piuttosto curiosa in Il mio Godard. Wiazemsky e Godard sono al cinema. Deve essere la primavera del 1968 perché il film che stanno guardando (lo capiamo dai dialoghi) è Il buono, il brutto, il cattivo, uscito in Francia nel marzo di quell’anno. Eppure, non è questo il dettaglio più strano. Dietro alla coppia c’è un uomo pelato, con occhialini e maglia a collo alto bianca - giurerei sia Michel Foucault. In quel periodo Foucault si teneva lontano dalle università. Però, eccolo lì: in sala. A due passi da Godard (!), che invece le università le frequentava. Tanto che a Nanterre gli studenti lo sfottono, lo fischiano. Insomma, non passa inosservato. Nei cortei lo avvicinano per chiedergli quando girerà ancora con Belmondo. È dura non perdere la pazienza. Stai cercando di demolire l’immagine pubblica che ti sei costruito e invece ti riportano sempre a quella. Lo snodo del film è tutto in questo gesto di autodemolizione, ricordato da Anne Wiazemsky. Il mio Godard è il suo Godard. Michel Hazanavicius parte da lì, e, come gli studenti di Nanterre, fa l’unica cosa possibile per evitare le sabbie mobili del “santino”, la noia della messa officiata. Polarizza gli elementi storici e biografici, accentua i tratti (la zeppola, lo spirito polemico, contraddittorio), insomma spinge personaggio e film dritti verso la caricatura. Il mio Godard è una commedia scombinata, a tratti irresistibile, fatta di gag (gli occhiali scuri rotti) e momenti bislacchi. Qualcosa di simile a un panegirico (saturnino e farsesco), o un elogio burlesco. Sì, il ritratto di un “idiota”, un pazzo saggio.

Rinaldo Censi (Voto: 8)

I 400 colpi

PA
5
MC
3
SE
2
IF
4
MG
7
FM
0
RMO
6
GAN
7
LP
7
GS
5
RS
2
FT
4
media
4.7
Il mio Godard (2017)
Titolo originale: Le redoutable
Regia: Michel Hazanavicius
Genere: Biografico - Produzione: Francia - Durata: 107'
Cast: Louis Garrel, Stacy Martin, Bérénice Bejo, Micha Lescot, Grégory Gadebois, Félix Kysyl, Arthur Orcier, Marc Fraize, Romain Goupil, Jean-Pierre Mocky
Sceneggiatura: Michel Hazanavicius

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Questa è la sua vita - Intervista a...» Interviste (n° 43/2017)
Il mio Godard» Cinerama (n° 44/2017)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy