I'm - Infinita come lo spazio di Anne Riitta Ciccone - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Le conseguenze dell'amore è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 13:00.

Storie di streghe, da Angela Lansbury a Bella Ramsey.

Su FilmTv n° 34 Ilaria Feole racconta la passione/fissazione/nostalgia per gli anni '80 di cinema e serialità. Tra gli 8 horror che non muoiono mai è citato La casa di Sam Raimi, di cui vi raccontiamo la storia con questa locandina del 2008.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«Tutti i luoghi che ho visto, che ho visitato ora so ne sono certo: non ci sono mai stato. (Giorgio Caproni - Esperienza)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
8787
servizi
3215
cineteca
2884
opinionisti
1971
locandine
1040
serialminds
850
scanners
494
Recensione pubblicata su FilmTv 47/2017

I'm - Infinita come lo spazio


Regia di Anne Riitta Ciccone

Al suo quarto lungo Anne Riitta Ciccone tenta una carta insolita e porta sullo schermo un paesaggio mentale. Quello in cui vive Jessica, la protagonista del film, è infatti un luogo essenza di tanti, riscritto dallo sguardo visionario ed espressionista della liceale, appassionata di disegno. Anche il contesto musicale è concepito similmente: la colonna sonora dark electro che risuona nelle sue cuffiette si fa musica d’ambiente di un mondo in cui la legge è la sopravvivenza: ai bulli, al fallimento, alle false lusinghe, all’apatia o all’arrendevolezza degli adulti. Sopravvivenza che la regista rende letterale, nella sequenza che fa da apice narrativo e grafico del film: una reinvenzione della strage scolastica che guarda, nelle intenzioni, più a Pina Bausch che a Gus Van Sant. Il merito maggiore di questo romanzo grafico in 3D risiede nell’aver condotto a fondo la strada intrapresa, allestendo un affresco visivo che s’impone per cura e coerenza, e nel quale giocano un ruolo centrale i costumi di Andrea Sorrentino. Come la sua giovane adulta, che ritocca la realtà circostante con tratti di matita che la esagerano in senso mostruoso e leggendario, la regista italo-finlandese lavora sulla base nota (e, oggi, di proprietà soprattutto televisiva) del teen movie per ibridare cinema, teatro e arti visive. Un film-esperimento, dai reagenti inconsueti, in cui freddo e caldo s’incrociano a ogni scena con reciproca diffidenza e curiosità, e il cui deposito permane negli occhi e nelle orecchie. Spicca la performance della Bobulova, una delle attrici più trasformiste della nostra cinematografia.

Marianna Cappi (Voto: 7)

I'm - Infinita come lo spazio (2017)
Titolo originale: -
Regia: Anne Riitta Ciccone
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 112'
Cast: Mathilde Bundschuh, Barbora Bobulova, Guglielmo Scilla, Julia Jentsch, Piotr Adamczyk, Marianna Dallabetta Armani, Henrieke Fritz, Yoon C. Joyce, Katie McGovern, Lissy Pernthaler
Sceneggiatura: Anne Riitta Ciccone, Lorenzo D'Amico de Carvalho

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Marianna Cappi

È nata il 9 gennaio del 1976 tra le nebbie del Po, in provincia di Mantova. Si è laureata in Storia del Cinema a Bologna con una tesi su Serge Daney e diplomata in Sceneggiatura al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Ha diretto un documentario su Tomaso Monicelli, sceneggiato alcune fiction e cortometraggi, e scritto il film di Sergio Basso Amori Elementari. Come critico, ha iniziato giovanissima su un quotidiano di Mantova, ha poi collaborato con la rivista Donneuropa e con il portale MyMovies.it. I suoi capolavori sono Emma, del 2007, e Olivia, del 2013.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy