Loveless di Andrey Zvyagintsev - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Mystic River è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 23:30.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Alice Harford: I do love you and you know there is something very important we need to do as soon as possible. - Dr. Bill Harford: What's that? - Alice Harford: Fuck.»

scelta da
Fabrizio Tassi

cinerama
8332
servizi
2865
cineteca
2680
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479
Recensione pubblicata su FilmTv 49/2017

Loveless


Regia di Andrey Zvyagintsev

È chiaramente una metafora. Della Russia contemporanea, del mondo odierno tutto, della coppia e dei sentimenti, della società quale specchio del privato e del privato quale microsocietà destinata a implodere. È una vicenda simbolica: due coniugi benestanti litigano in attesa del divorzio; in mezzo, il figlio, che improvvisamente scompare; e per i genitori inizia un calvario che li porterà ben oltre la crisi. Altrettanto chiaramente, come tutte le metafore che si rispettino, le intenzioni e le ambizioni sono scoperte, abbastanza facili, un po’ predicatorie. È da sempre il rischio del cinema di Andrey Zvyagintsev, fin da Il ritorno: essere troppo “manifesto”, perfino nei titoli e nell’ermetismo. Detto ciò, Loveless - appunto, senza amore: più esibito di così?! - conferma una cupa potenza autoriale davvero straordinaria, capace di insinuarsi fra le pieghe della realtà con sguardo glaciale ma preciso, talvolta cinico eppure folgorante nella sua matematica. Difficile rimanere impassibili davanti a una tale discesa agli inferi; difficile resistere alla violenza senza sangue di questo acuto che squarcia la persona e dà per scontata la morte. Anche perché c’è una scena che lascia a bocca aperta, e che è un pugno nello stomaco: il grido silenzioso del bambino dietro la porta. Una scena-simbolo, guarda caso, però clamorosa. Il capolavoro del regista russo rimane Elena, subito seguito da The Banishment: ma Loveless, che rispetto a Leviathan è più riuscito e coinvolgente, riafferma un talento forse prevalentemente “da festival”, tuttavia limpido e invidiabile. Cinema plumbeo, senza ossigeno, però di vita. 

I 400 colpi

AA
7
PMB
7
MC
5
FDM
7
SE
5
IF
5
MG
6
RM
7
MM
5
EM
7
FM
7
RMO
7
GAN
5
LP
6
GS
7
RS
5
FT
7
media
6.2
Loveless (2017)
Titolo originale: Nelyubov
Regia: Andrey Zvyagintsev
Genere: Drammatico - Produzione: Russia/Francia - Durata: 127'
Cast: Maryana Spivak, Alexei Rozin, Varvara Shmykova, Matvey Novikov, Daria Pisareva
Sceneggiatura: Oleg Negin, Andrey Zvyagintsev

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Loveless» Cinerama (n° C0/2017)
Immagini & potere» Servizi (n° 50/2017)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy