My Generation di David Batty - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Ilaria Feole dice che Cari fottutissimi amici è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 00:40.

Il 29 giugno scorso è uscito negli Usa Soldado , di Stefano Sollima. In Italia uscirà a ottobre, intanto vi riproponiamo la locandina del film di cui Soldado è sequel, ossia Sicario di Denis Villeneuve.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

La citazione

«Alice Harford: I do love you and you know there is something very important we need to do as soon as possible. - Dr. Bill Harford: What's that? - Alice Harford: Fuck.»

scelta da
Fabrizio Tassi

cinerama
8027
servizi
2604
cineteca
2566
opinionisti
1669
locandine
984
serialminds
719
scanners
467
Recensione pubblicata su FilmTv 03/2018

My Generation


Regia di David Batty

«La giovinezza non è un momento della vita, è uno stato mentale. Non guardate mai indietro con rabbia; guardate avanti con speranza». Sono le parole con cui Michael Caine conclude il flemmatico, ironico eppure appassionato viaggio con il quale ci ha guidati attraverso la Londra degli anni 60 e i folgoranti cambiamenti che ribaltarono i costumi. Non solo a Londra, naturalmente, ma in tutto il mondo occidentale; resta il fatto che Londra e gli inglesi erano i più tradizionalisti e compassati e che si ritrovarono improvvisamente al centro del mutamento, al centro della moda, della musica, della liberazione sessuale, dell’arte, del cinema, della vita. Dopo gli “arrabbiati” (cui Caine fa riferimento con il suo «Don’t look back in anger»), che a metà degli anni 50 avevano dato uno scossone alla cultura nazionale e alla coscienza di classe, arrivarono i “swingers”, i giovani creativi che inventarono la Swinging London. I fotografi (Bailey, Donovan, Duffy), gli stilisti (Mary Quant che tranciò le gonne, Vidal Sassoon che lo fece con i capelli), i gruppi (Beatles, Rolling Stones, Who), le modelle (Shrimpton, Lumley, Twiggy), attori come Caine, pittori come David Hockney, icone come Marianne Faithfull. Accompagnati dall’attore e dalle voci dei protagonisti dell’epoca, attraversiamo quella felice rivolta contro le convenzioni e le proibizioni, quel radicale abbattimento di barriere di classe che parevano invalicabili, quella spinta a essere se stessi che ha creato il futuro. Nel bene e nel male. Senza pentimenti, My Generation di David Batty racconta che ne valeva la pena. 

I 400 colpi

EM
7
My Generation (2017)
Titolo originale: My Generation
Regia: David Batty
Genere: Documentario - Produzione: Gran Bretagna - Durata: 85'

Montaggio: Ben Hilton
Fotografia: Ben Hodgson

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy