My Generation di David Batty - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Claudio Bartolini dice che Sapore di mare è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 17:10.

A voi la fantascienza di Netflix piace? A Filippo Mazzarella no.

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«Certainly it constitutes bad news when the people who agree with you are buggier than batshit.»

scelta da
Lorenza Negri

cinerama
7822
cineteca
2504
servizi
2500
opinionisti
1616
locandine
972
serialminds
688
scanners
463
Recensione pubblicata su FilmTv 03/2018

My Generation


Regia di David Batty

«La giovinezza non è un momento della vita, è uno stato mentale. Non guardate mai indietro con rabbia; guardate avanti con speranza». Sono le parole con cui Michael Caine conclude il flemmatico, ironico eppure appassionato viaggio con il quale ci ha guidati attraverso la Londra degli anni 60 e i folgoranti cambiamenti che ribaltarono i costumi. Non solo a Londra, naturalmente, ma in tutto il mondo occidentale; resta il fatto che Londra e gli inglesi erano i più tradizionalisti e compassati e che si ritrovarono improvvisamente al centro del mutamento, al centro della moda, della musica, della liberazione sessuale, dell’arte, del cinema, della vita. Dopo gli “arrabbiati” (cui Caine fa riferimento con il suo «Don’t look back in anger»), che a metà degli anni 50 avevano dato uno scossone alla cultura nazionale e alla coscienza di classe, arrivarono i “swingers”, i giovani creativi che inventarono la Swinging London. I fotografi (Bailey, Donovan, Duffy), gli stilisti (Mary Quant che tranciò le gonne, Vidal Sassoon che lo fece con i capelli), i gruppi (Beatles, Rolling Stones, Who), le modelle (Shrimpton, Lumley, Twiggy), attori come Caine, pittori come David Hockney, icone come Marianne Faithfull. Accompagnati dall’attore e dalle voci dei protagonisti dell’epoca, attraversiamo quella felice rivolta contro le convenzioni e le proibizioni, quel radicale abbattimento di barriere di classe che parevano invalicabili, quella spinta a essere se stessi che ha creato il futuro. Nel bene e nel male. Senza pentimenti, My Generation di David Batty racconta che ne valeva la pena. 

I 400 colpi

EM
7
My Generation (2017)
Titolo originale: My Generation
Regia: David Batty
Genere: Documentario - Produzione: Gran Bretagna - Durata: 85'

Montaggio: Ben Hilton
Fotografia: Ben Hodgson

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy