L'uomo sul treno di Jaume Collet-Serra - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Il sorpasso è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:15.

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

La citazione

«Il cinema è come un uomo a cavallo che arriva in una cittadina del West, e noi non sappiamo niente di lui. (Jean-Claude Carrière)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
8060
cineteca
2856
servizi
2645
opinionisti
1687
locandine
988
serialminds
729
scanners
469
Recensione pubblicata su FilmTv 04/2018

L'uomo sul treno


Regia di Jaume Collet-Serra

Adesso basta. Non lo difendo più, Jaume Collet-Serra. E pensare che ci credevo, dopo gli splendidi La maschera di cera e Orphan. Ci credevo, che potesse diventare il Peter Hyams dei nostri giorni. O l’Andrew Davis. Anche perché non è malvagia l’idea di costruire un corpus pseudo-hitchcockiano di serie B con un unico attore protagonista, anzi. Ma dopo Unknown – Senza identità, Non-Stop, Run All Night e ora L’uomo sul treno, si capisce bene che non si tratta di una riflessione intertestuale di genere (perdonatemi) o meta-quello che vogliamo, ma soltanto di infelice recidiva. E io che ci avrei davvero scommesso su un nuovo Hyams, dimenticando però che il mercato oggi è un’altra cosa, e uno come Hyams non potrebbe esistere. Me misero. E il lavoro su quell’altro corpo, quello di Liam Neeson? Sciagurato pure esso, benché il sopracciglio sia costretto ad alzarsi per quanto in poco più di un lustro la star sia diventata una specie di ologramma photoshoppato, a tal punto che non avrebbe sfigurato nel 2049 del Blade Runner di Villeneuve. No, mi spiace, Jaume caro, ma su questo interminabile treno di pendolari, dove un assicuratore appena licenziato ed ex sbirro si ritrova coinvolto in un gioco a nascondino dalle implicazioni politiche, con tanto di lusinghe danarose e morti ammazzati, corre soltanto l’uggia; e neppure lo Steven Seagal più selvaggio avrebbe permesso un piano sequenza ad alto tasso di truzzaggine (epperò in alta definizione!) come il corpo a corpo con la chitarra elettrica (sic!). Non ci sono più i binari di una volta. Non ci sono più i Rischio totale di una volta.

I 400 colpi

PMB
4
AF
5
MG
7
FM
6
RMO
6
GS
6
media
5.7
L'uomo sul treno (2018)
Titolo originale: The Commuter
Regia: Jaume Collet-Serra
Genere: Azione - Produzione: Usa/Gb - Durata: 115'
Cast: Liam Neeson, Vera Farmiga, Patrick Wilson, Jonathan Banks, Sam Neill, Elizabeth McGovern, Killian Scott, Shazad Latif, Andy Nyman, Clara Lago
Sceneggiatura: Jaume Collet-Serra, Byron Willinger, Philip De Blasi
Fotografia: Paul Cameron

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


L'uomo sul treno» Cinerama (n° 04/2018)
Ci scusiamo per il disagio» Servizi (n° 04/2018)
Il film» Servizi (n° 04/2018)
Gli autori» Servizi (n° 04/2018)
Le curiosità» Servizi (n° 04/2018)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy