Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alberto Pezzotta dice che Tepepa è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 06:40.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8205
cineteca
2989
servizi
2794
opinionisti
1750
locandine
996
serialminds
745
scanners
473
Recensione pubblicata su FilmTv 08/2018

Il filo nascosto


Regia di Paul Thomas Anderson

(Attenzione: spoiler!). Never cursed, mai dannato, dice il biglietto che Alma, la protagonista femminile di Il filo nascosto, trova fra le cuciture di un abito da sposa disegnato dall’uomo di cui è innamorata, Reynolds Woodcock, ambitissimo stilista dell’alta società londinese degli anni 50. Nessun vestito, nessun oggetto della realtà materiale, in un film fatto soprattutto di particolari (stoffe, bottoni, accessori, mani), nasconde un segreto o un significato misterioso. Paul Thomas Anderson prosegue le riflessioni di The Master sull’impossibilità di rappresentare l’interiorità degli esseri umani, di svelare l’anima delle cose apparenti. E di conseguenza il suo nuovo lavoro è un’ammissione d’impotenza e responsabilità del cinema nei confronti dei mondi che ricostruisce. Come The Master è una storia d’attrazione e repulsione fra due personaggi, resa ancora più intensa dal legame che porta i due amanti Reynolds e Alma a intrecciarsi come fili, e non a scontrarsi. La loro relazione è sì ricalcata sulle ossessioni hitchcockiane del corpo femminile da modellare (La donna che visse due volte) o ritrovare (Rebecca, la prima moglie), ma con in più la consapevolezza dell’esistenza di quel corpo, oltre la semplice trasformazione in feticcio. Il ruolo di Alma nella vita del metodico ed egoista Reynolds è quello di esserci, di occupare uno spazio. La cameriera che diventa musa, amante, moglie e nemica di colui che la scopre dal nulla vince sul fantasma della madre dell’uomo (quando avvelena Reynolds per accudirlo come un figlio); resiste alla perversione che confonde la donna con l’abito che indossa (quando accetta la proposta di matrimonio, con la macchina da presa che esclude un po’ alla volta dall’inquadratura un vestito da sposa); vince, ancora, sulla classica trama dello stilista innamorato della sua modella, ripresa da Falbalas di Becker. Quello tra Reynolds e Alma è piuttosto un gioco continuamente rilanciato, che inverte a ogni passaggio i ruoli di vittima e carnefice. Nella sequenza del Capodanno, con i due protagonisti che si ritrovano nella folla come in Viaggio in Italia, senza però riappacificarsi, supera anche la fuga nell’intimità come riparo dal tumulto della realtà. L’amore, in questo film in cui ogni modello richiamato è al tempo stesso superato, risiede nell’accettazione dell’altro come pura, ingombrante presenza. E il cinema, con la pellicola che rende il mondo filmato concreto, è un terzo incomodo (rappresentato narrativamente dalla sorella di Reynolds, sua socia, guardiana e testimone), l’osservatore di una relazione inafferrabile e inesauribile. Per questo il cineasta a cui Anderson più si avvicina è forse Bergman: il Bergman di Passione e del dialogo impossibile eppure inevitabile fra amanti; il Bergman di Persona e dell’interrogazione (che Anderson affronta con una maturità di scrittura unica) sul legame fra l’inconscio desiderio della madre comune a ogni individuo, il potere del cinema di possedere i volti con la luce e la resistenza dei corpi a uno sguardo che modella, veste, quasi uccide. 

I 400 colpi

AA
8
PA
8
CB
8
PMB
8
MC
8
AC
9
FDM
8
SE
9
IF
10
AF
10
MG
7
RM
10
MM
10
EM
9
FM
10
RMO
9
GAN
5
LP
9
ES
10
GS
10
RS
10
FT
10
media
8.9
Il filo nascosto (2017)
Titolo originale: Phantom Thread
Regia: Paul Thomas Anderson
Genere: Drammatico - Produzione: Usa - Durata: 130'
Cast: Daniel Day-Lewis, Vicky Krieps, Lesley Manville, Camilla Rutherford, Richard Graham
Sceneggiatura: Paul Thomas Anderson

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Sfoglia lo speciale


Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


E se fosse per amore» Servizi (n° 09/2018)

Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy