Visages villages di Agnès Varda, JR - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che L'aquila solitaria è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:40.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«La televisione è meglio del cinema. Sai sempre dov'è la toilette. (Dino Risi)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
8222
cineteca
2996
servizi
2802
opinionisti
1759
locandine
997
serialminds
747
scanners
473
Recensione pubblicata su FilmTv 11/2018

Visages villages


Regia di Agnès Varda, JR

Il viaggio on the road di Agnès Varda e dello street artist JR è come il pennello disneyano che passa su paesaggi spenti e li anima di luci e colori, dalla Provenza alle spiagge della Normandia, dai campi di grano al bunker tedesco rovesciato sulla sabbia e cambiato di segno grazie all’immagine incollata di Guy Bourdin, celebre fotografo di moda, modello e amico della regista di Cleo dalle 5 alle 7. Una coppia stramba si aggira per le campagne francesi: lei mito della nouvelle vague, con un caschetto di capelli bicolori, lui giovane e bello, già icona di se stesso, cappello e occhiali neri alla Godard. Vietato toglierli, o solo per un attimo, il tempo di sostituirsi a JLG (Jean-Luc Godard) e di consolare Agnès davanti alla porta chiusa dello scorbutico svizzero. La sfocatura dello sguardo non è solo per l’età, la sovrimpressione di immagini è un atto creativo come il film documentario firmato dai due artisti fotografi, gesto futuribile, happening clamoroso che attraversa i villaggi, rovine della memoria, e i porti dove si accatastano le merci, e dove Agnès e JR cambiano connotati al paesaggio, un po’ come fanno Christo e Jeanne-Claude, campioni della Land Art. Nel furgoncino dall’aspetto di un’enorme macchina fotografica si sfornano gigantografie degli abitanti di casolari e cascine, silhouette in bianco e nero che JR e la troupe incollano sulle facciate su indicazione di Varda. Così che l’unica resistente alla distruzione di una casetta in mattoni rossi, alla maniera di Up, domina adesso l’intero villaggio-fantasma di ex minatori. E una capra, anche lei contro la logica del profitto, inalbera le sue corna, che gli allevatori bruciano per evitare conflitti, sulla parete dell’ovile. Agricoltori solitari, cameriere, intere famiglie, operai, scaricatori di porto e mogli invisibili tracciano il percorso, improvvisamente famosi, tempestati di altri scatti fotografici di curiosi e turisti, simulacri che il mare e la pioggia cancelleranno ma che il cinema conserva. Fuori concorso al festival di Cannes 2017, candidato all’Oscar per il miglior documentario, Visages villages è distribuito dalla Cineteca di Bologna, forse perché è carico di altri “collage” oltre a quelli impressi sui muri, una forma di materializzazione del cinema, fotogrammi di carta e colla che si intrecciano con gli omaggi viventi di Agnès in corsa su una sedia a rotelle spinta da JR lungo i saloni del Louvre, a ricordare Bande à part. Jacques Demy, Alain Resnais, Anna Karina e i nomi della stagione dei “Cahiers” aleggiano nel cielo di Francia, scortati dalla signora e dal ragazzo che hanno in comune lo sguardo, occhi spalancati e appiccicati a una cisterna in partenza su un treno merci che andrà chissà dove. Gli stessi occhi scuri che tappezzano il confine Messico-Stati Uniti, istallazione di JR a cavallo del Muro e apparecchiata per un gigantesco picnic d’amore. E così che, tra scherzi, bisticci e punzecchiature esilaranti, il duo continua il suo viaggio con l’espressione del dreamer fino ai dock di Le Havre, un altro confine invalicabile, ma non certo per i visionari.

I 400 colpi

PMB
10
MC
9
FDM
8
SE
9
IF
8
RM
6
MM
8
FM
8
RMO
8
GAN
9
LP
8
ES
8
RS
9
FT
9
media
8.4
Visages villages (2017)
Titolo originale: Visages villages
Regia: Agnès Varda, JR
Genere: Documentario - Produzione: Francia - Durata: 89'

Musiche: Matthieu Chedid
Fotografia: Romain Le Bonniec, Claire Duguet, Nicolas Guicheteau, Valentin Vignet, Raphaël Minnesota

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Mariuccia Ciotta

Mariuccia Ciotta, giornalista e critico cinematografico, autrice di programmi radio-televisivi, ha scritto saggi e libri su autori e generi. Tra le sue pubblicazioni: Walt Disney – Prima stella a sinistra (Bompiani), Da Hollywood a Cartoonia (manifestolibri), Un marziano in tv (Rai/Eri), Rockpolitik (Bompiani), il Ciotta-Silvestri - Cinema (Einaudi), Il film del secolo (Bompiani). Ha diretto il quotidiano il manifesto.


Mariuccia Ciotta

Mariuccia Ciotta, giornalista e critico cinematografico, autrice di programmi radio-televisivi, ha scritto saggi e libri su autori e generi. Tra le sue pubblicazioni: Walt Disney – Prima stella a sinistra (Bompiani), Da Hollywood a Cartoonia (manifestolibri), Un marziano in tv (Rai/Eri), Rockpolitik (Bompiani), il Ciotta-Silvestri - Cinema (Einaudi), Il film del secolo (Bompiani). Ha diretto il quotidiano il manifesto.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy