Oltre la notte di Fatih Akin - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Cadaveri e compari è il film da salvare oggi in TV.
Su 7 Gold alle ore 23:30.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8332
servizi
2865
cineteca
2680
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479
Recensione pubblicata su FilmTv 11/2018

Oltre la notte


Regia di Fatih Akin

Il marito di origine curda e il figlioletto di una donna tedesca restano uccisi da una bomba in un attentato ad Amburgo, nel quartiere turco. Sono stati due nazisti, una coppia. Lei finisce per meditare vendetta. Scriviamo “finisce” perché in verità l’impulso alla giustizia fai-da-te arriva dopo 70 minuti di film, a mezz’ora dai titoli di coda, nonostante Oltre la notte sia spacciato per una sorta di revenge movie, come si dice in gergo. Invece prima c’è la parte dell’elaborazione del lutto e poi quella troppo lunga del processo, dove l’autore (e la protagonista) stigmatizzano l’istituto giuridico dell’in dubio pro reo, vale a dire: in mancanza di prove schiaccianti il tribunale sta dalla parte dell’imputato. Fatih Akin ha cercato in passato di scrollarsi di dosso la patente di regista da festival con un titolo popolare come Soul Kitchen (2009), ma appartiene comunque a un sistema autoriale che in nome dell’impegno, del tema, del didascalismo artistico se ne infischia della drammaturgia “di genere”, che forse in questo caso avrebbe impedito un così lampante sbilanciamento tra la parte centrale e quella finale, interessante ma tardiva. Allora perché i tanti premi e in particolare il Golden Globe americano come miglior titolo straniero? Forse per il trasporto che suscita Diane Kruger, premiata a Cannes, attraverso una prova convincente, ricca di sfumature. Si utilizza la formula “film d’attori” quando il cast si mangia tutto il resto. Ecco, Oltre la notte è un film d’attrice, che però senza l’apporto di una regia capace di valorizzare contesto e psicologie non può da sola reggere le sorti della storia.

I 400 colpi

PMB
3
MC
6
SE
2
MG
4
RM
6
FM
4
RMO
4
GAN
2
LP
3
ES
4
RS
5
media
3.9
Oltre la notte (2017)
Titolo originale: Aus dem Nichts
Regia: Fatih Akin
Genere: Drammatico - Produzione: Francia/Germania - Durata: 106'
Cast: Diane Kruger, Numan Acar, Adam Bousdoukos, Denis Moschitto, Samia Muriel Chancrin, Torsten Lemke, Rafael Santana
Sceneggiatura: Fatih Akin

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy