Ready Player One di Steven Spielberg - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Decameron è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 01:10.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico durante il week end! (Woody Allen)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8138
cineteca
2926
servizi
2687
opinionisti
1714
locandine
992
serialminds
738
scanners
471
Recensione pubblicata su FilmTv 13/2018

Ready Player One


Regia di Steven Spielberg

Una volta Spielberg disse che, in un futuro non troppo lontano, ci saremmo proiettati i film direttamente dentro il cervello. Un’immersione totale pienamente realizzata nel 2045 grazie a OASIS, il mondo virtuale inventato da James Halliday, dove ognuno, indossando uno speciale visore, può vivere ogni avventura attraverso l’avatar prescelto. In totale anonimato, anche 24 ore al giorno, può andare a caccia delle tre chiavi del regno e dell’Easter Egg che, morendo, Halliday ha nascosto e che daranno al vincitore il possesso dell’enorme fortuna che deriva da OASIS. A questa caccia si dedica il protagonista diciassettenne Wade Watts, nei panni del suo avatar Parzival, insieme agli amici misteriosi incontrati nel virtuale. Il mondo di fuori, quello vero, è misera bidonville verticale, fatta di roulotte, hangar e camioncini accatastati, dove vive la maggior parte della poverissima popolazione mondiale; oppure gli spazi asettici dei “cattivi” della corporation IOI, che a loro volta vogliono entrare in possesso di OASIS; oppure rari, sparuti spazi fioriti, vicini al cielo aperto, dove i ribelli, quelli che ancora tentano di cambiare la realtà, si acquattano. Tutto costruito sull’alternanza tra rocambolesche esperienze virtuali e ironiche, talvolta dolenti, immersioni nel reale (e perciò tra computer grafica e performance capture e classicissimi dialoghi in angusti spazi live), Ready Player One ci riporta lo Steven Spielberg dell’avventura, dei sogni fantastici. Qui Spielberg si fa Zemeckis (del quale è stato spesso produttore), citatissimo attraverso la saga di Ritorno al futuro, il “Cubo di Zemeckis”, il trucco di Mark Rylance (che ricorda quello di Christopher Lloyd/Doc): parla del cinema, della musica, della moda, dei videogiochi, dei miti di quel decennio e, trasponendo il romanzo di Ernest Cline, si autoesclude (ma non del tutto) dalle fonti immaginarie del libro, tirando fuori il campionario iconografico e sonoro che racchiude il suo cervello, da Il Signore degli Anelli a Kubrick, da Pac-Man ad Adventure, da La febbre del sabato sera ai Duran Duran a Chucky (un tocco irresistibile). E se lui rischia di dimenticare qualcosa, ci sarà sempre il suo io bambino a ricordarglielo. «Ogni tanto mi piace averlo intorno», dice a un certo punto Halliday della propria proiezione infantile: il cuore segreto del film sta in quella frase, nel mantenere sveglio e attivo l’imprevedibile Peter Pan, senza dimenticare, ogni tanto, di vivere. Spegnere, disconnettersi, guardare il cielo, baciare una ragazza “vera”. Trascinante e molto divertente, Ready Player One è contemporaneamente una cavalcata in un passato ancora vivo e uno squarcio su un futuro incombente e inquietante. Diretto da un ragazzino di 71 anni, che probabilmente fu anche lui un po’ nerd (chiuso nei cinema e non davanti a una console), ma che ha sempre saputo che OASIS, come il TRex o Indiana Jones o E.T., hanno molto da spartire con Lincoln o la Guerra fredda o Schindler, tutti legati nelle immagini che tessono il filo della nostra storia.

I 400 colpi

AA
8
PA
10
PMB
9
MC
10
AC
8
FDM
7
SE
7
IF
6
AF
8
MG
7
RM
6
MM
6
EM
8
FM
9
RMO
7
LP
6
ES
7
GS
6
RS
10
FT
7
media
7.6
Ready Player One (2018)
Titolo originale: Ready Player One
Regia: Steven Spielberg
Genere: Azione/Sci-fi - Produzione: Usa - Durata: 140'
Cast: Tye Sheridan, Olivia Cooke, Simon Pegg, Mark Rylance, Ben Mendelsohn
Sceneggiatura: Zak Penn, Ernest Cline
Musiche: Alan Silvestri
Montaggio: Michael Kahn, Sarah Broshar
Fotografia: Janusz Kaminski

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Immaginari prêt-à-porter» Locandine (n° 38/2018)

Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy