I segreti di Wind River di Taylor Sheridan - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Cadaveri e compari è il film da salvare oggi in TV.
Su 7 Gold alle ore 23:30.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Il cinema è come un uomo a cavallo che arriva in una cittadina del West, e noi non sappiamo niente di lui. (Jean-Claude Carrière)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
8332
servizi
2865
cineteca
2680
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479
Recensione pubblicata su FilmTv 14/2018

I segreti di Wind River


Regia di Taylor Sheridan

La riserva di Wind River è in Wyoming, ci abitano shoshone e arapaho e ci lavora come cacciatore per la U.S. Fish & Wildlife Service Jeremy Renner, una ex moglie e un figlio indiani. Trova una ragazza uccisa e la polizia tribale chiama l’FBI, ovvero l’agente Elizabeth Olsen, una che arriva in mezzo alla bufera utilizzando un navigatore e rischia di perdersi, anche metaforicamente. Seconda regia di Taylor Sheridan, più noto come sceneggiatore (Sicario, Hell or High Water, Soldado di Stefano Sollima), attento a cogliere gli umori della frontiera, anche in questo caso non solo letterale ma simbolica. La narrazione americana (penso anche a quella seriale, così massiccia, a Seven Seconds per esempio) non fa altro che parlare di lutti, padri assenti o distratti, perdite familiari, disorientamenti istituzionali, violenza. In questo caso si corre indietro, agli archetipi del racconto di una nazione, quindi al western. «Gli eroi hanno sempre ucciso i cowboy» scrivono i giovani pellirosse sul muro, ma sono drogati e alcolizzati, il passato dei guerrieri è solo kitsch. Cosa resta, secondo Sheridan (tra i suoi riferimenti non espliciti i bei romanzi di Tony Hillerman)? Il dolore. Una riscossa che parte (o può partire) dai lutti. Identità ricostruite sulle spoglie degli amati, soprattutto se sono figli. Il tema è molto interessante, e il film ha spessore nonostante qualche non secondario difetto, come la colonna sonora invadente e un paio di personaggi definiti in modo più superficiale (per esempio rispetto a Hell or High Water). Ma per il cinema americano neoclassico Sheridan è ormai un punto fermo.

I 400 colpi

PA
8
CB
6
PMB
4
FDM
6
IF
6
AF
8
MG
7
FM
7
RMO
6
LP
5
media
6.3
I segreti di Wind River (2017)
Titolo originale: Wind River
Regia: Taylor Sheridan
Genere: Thriller - Produzione: Usa/Gb/Canada - Durata: 107'
Cast: Jeremy Renner, Elizabeth Olsen, Graham Greene, Gil Birmingham, Jon Bernthal, Kelsey Asbille
Sceneggiatura: Taylor Sheridan

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


I migliori trailer della settimana» Servizi (n° 30/2017)
Noir su bianco» Servizi (n° 13/2018)

Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy