The Silent Man di Peter Landesman - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Blackhat è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 02:35.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Revolution is my boyfriend»

cinerama
8277
servizi
2826
cineteca
2658
opinionisti
1776
locandine
1000
serialminds
755
scanners
477
Recensione pubblicata su FilmTv 15/2018

The Silent Man


Regia di Peter Landesman

Nel 1972 Mark Felt era il numero due dell’FBI e, quando all’improvviso morì J. Edgar Hoover (creatore e sovrano assoluto del bureau), rimase il solo a conoscenza di tutti i segreti collezionati nel corso degli anni. Imprevedibilmente scavalcato da un direttore ad interim messo lì dalla Casa bianca (cioè da Richard Nixon), Felt continuava a essere molto potente e pericoloso. Per di più, era un uomo integerrimo, difensore accanito dell’indipendenza dell’FBI dagli altri poteri dello stato, compresi presidente e CIA. O almeno tale appare in The Silent Man, il film di Peter Landesman tratto dall’autobiografia di Felt, alias “Gola profonda”, colui che rivelò alcuni peccati scottanti della Casa bianca a un giovane reporter del “Washington Post”, Bob Woodward, che insieme a Carl Bernstein fece esplodere lo scandalo Watergate. Landesman di mestiere fa anche il giornalista investigativo, il che pare avere una certa influenza sui soggetti che sceglie; ma se in Parkland il tono era sorretto dall’emozione collettiva per l’assassino di JFK, qui, in questo universo di stanze segrete, garage, cabine telefoniche, panchine isolate, la tensione narrativa e morale e il senso del thriller diventano essenziali. Lo scontro politico (che è il cuore del film) si annacqua strada facendo, i caratteri sono un po’ scontati, la musica è incessante, le panoramiche sulla notte di Washington ridondanti. Il Watergate raccontato dall’altro lato rispetto a Tutti gli uomini del presidente di Alan J. Pakula (e, in parte, anche rispetto a The Post di Steven Spielberg) non ha mordente, né mistero né rabbia; più un’agiografia che uno studio del potere.

I 400 colpi

PMB
6
EM
5
RMO
6
GAN
3
media
5.0
The Silent Man (2017)
Titolo originale: Mark Felt: The Man Who Brought Down the White House
Regia: Peter Landesman
Genere: Biografico - Produzione: Usa - Durata: 103'
Cast: Liam Neeson, Diane Lane, Maika Monroe, Michael C. Hall, Marton Csokas, Noah Wyle, Josh Lucas, Tony Goldwyn, Ike Barinholtz, Wendi McLendon-Covey, Kate Walsh, Brian d'Arcy James
Sceneggiatura: Peter Landesman

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy