The Silent Man di Peter Landesman - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che St. Elmo's Fire è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 10:00.

Il 29 giugno scorso è uscito negli Usa Soldado , di Stefano Sollima. In Italia uscirà a ottobre, intanto vi riproponiamo la locandina del film di cui Soldado è sequel, ossia Sicario di Denis Villeneuve.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

La citazione

«Guardatevi da tutte le imprese che richiedono vestiti nuovi (H.D. Thoreau)»

scelta da
Carolina Crespi

cinerama
8027
servizi
2604
cineteca
2566
opinionisti
1669
locandine
984
serialminds
719
scanners
467
Recensione pubblicata su FilmTv 15/2018

The Silent Man


Regia di Peter Landesman

Nel 1972 Mark Felt era il numero due dell’FBI e, quando all’improvviso morì J. Edgar Hoover (creatore e sovrano assoluto del bureau), rimase il solo a conoscenza di tutti i segreti collezionati nel corso degli anni. Imprevedibilmente scavalcato da un direttore ad interim messo lì dalla Casa bianca (cioè da Richard Nixon), Felt continuava a essere molto potente e pericoloso. Per di più, era un uomo integerrimo, difensore accanito dell’indipendenza dell’FBI dagli altri poteri dello stato, compresi presidente e CIA. O almeno tale appare in The Silent Man, il film di Peter Landesman tratto dall’autobiografia di Felt, alias “Gola profonda”, colui che rivelò alcuni peccati scottanti della Casa bianca a un giovane reporter del “Washington Post”, Bob Woodward, che insieme a Carl Bernstein fece esplodere lo scandalo Watergate. Landesman di mestiere fa anche il giornalista investigativo, il che pare avere una certa influenza sui soggetti che sceglie; ma se in Parkland il tono era sorretto dall’emozione collettiva per l’assassino di JFK, qui, in questo universo di stanze segrete, garage, cabine telefoniche, panchine isolate, la tensione narrativa e morale e il senso del thriller diventano essenziali. Lo scontro politico (che è il cuore del film) si annacqua strada facendo, i caratteri sono un po’ scontati, la musica è incessante, le panoramiche sulla notte di Washington ridondanti. Il Watergate raccontato dall’altro lato rispetto a Tutti gli uomini del presidente di Alan J. Pakula (e, in parte, anche rispetto a The Post di Steven Spielberg) non ha mordente, né mistero né rabbia; più un’agiografia che uno studio del potere.

I 400 colpi

PMB
6
EM
5
RMO
6
GAN
3
media
5.0
The Silent Man (2017)
Titolo originale: Mark Felt: The Man Who Brought Down the White House
Regia: Peter Landesman
Genere: Biografico - Produzione: Usa - Durata: 103'
Cast: Liam Neeson, Diane Lane, Maika Monroe, Michael C. Hall, Marton Csokas, Noah Wyle, Josh Lucas, Tony Goldwyn, Ike Barinholtz, Wendi McLendon-Covey, Kate Walsh, Brian d'Arcy James
Sceneggiatura: Peter Landesman

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy