La morte di Luigi XIV di Albert Serra - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Luca Pacilio dice che Mission to Mars è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 20:55.

A voi la fantascienza di Netflix piace? A Filippo Mazzarella no.

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«All work and no play makes Jack a dull boy»

cinerama
7822
cineteca
2499
servizi
2494
opinionisti
1611
locandine
971
serialminds
685
scanners
462
Recensione pubblicata su FilmTv 15/2018

La morte di Luigi XIV


Regia di Albert Serra

Il re Sole di Albert Serra sta tutto nella figura immobile di Jean-Pierre Léaud affossato nel letto di morte e sommerso da una gigantesca parrucca: un’immagine grottesca, parossistica, che riassume la visione della Storia secondo il regista catalano, che in questo caso ha scelto una figura reale trasformata in mito (e non viceversa, come successo con Don Chisciotte, i Re Magi, Dracula e in parte Casanova) per tornare a verificare ciò che resta nella contemporaneità della tradizione culturale dell’Occidente. Il decorso lento e inesorabile della cancrena alla gamba sinistra che nell’estate del 1715, a Versailles, portò alla morte Luigi XIV è scandito da un tempo antico, monotono, dove sono i rituali, e non le necessità, a determinare gli eventi. Il corpo del re muore, come quello di ogni uomo, ma la corte di medici, ministri, sacerdoti, vassalli e dame, tra diagnosi, cure, preghiere, sospiri, parole ossequiose e lacrime, ne mantiene in vita il simulacro. Il contrasto tra secolarità e sacralità, storiografia e interpretazione è ciò che interessa a Serra, che scrive il film seguendo i Mémoires di Saint-Simon e del marchese di Dangeau, che allestisce le stanze regali con una geometria pittorica, che oppone il misticismo della religione a una scienza medica ancora seicentesca nel suo avventurismo. L’ironia del progetto è fin troppo letterale, ma è come se Serra sapesse di essere autore e vittima del suo stesso gioco, con quel corpo regale e marcescente che anche grazie alla presenza torva di Léaud finisce per riprendersi la sacralità che la Storia gli ha riconosciuto e resistere così a uno sguardo che lo vorrebbe a tutti i costi ridicolizzare.

I 400 colpi

PA
8
MG
7
RM
7
MM
9
EM
8
FM
7
GAN
10
LP
8
GS
9
RS
8
FT
8
La morte di Luigi XIV (2016)
Titolo originale: La mort de Louis XIV
Regia: Albert Serra
Genere: Biografico - Produzione: Francia/Spagna/Portogallo - Durata: 115'
Cast: Jean-Pierre Léaud, Vicenç Altaió, Marc Susini, Patrick d'Assumçao, Bernard Belin, Irène Silvagni, Jacques Henric, Alain Lajoinie, Olivier Cadiot, Philippe Crespeau
Sceneggiatura: Albert Serra, Thierry Lounas
Fotografia: Jonathan Ricquebourg

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


La mort de Louis XIV» Scanners (n° 17/2017)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy