Molly's Game di Aaron Sorkin - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Claudio Bartolini dice che Sapore di mare è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 17:10.

A voi la fantascienza di Netflix piace? A Filippo Mazzarella no.

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«Solo chi lascia il labirinto può essere felice, ma solo chi è felice può uscirne (Michael Ende - Lo specchio nello specchio)»

cinerama
7822
cineteca
2504
servizi
2500
opinionisti
1616
locandine
972
serialminds
688
scanners
463
Recensione pubblicata su FilmTv 16/2018

Molly's Game


Regia di Aaron Sorkin

Molly Bloom (nessuna connessione con il personaggio dell’Ulisse di Joyce, anche se dal padre di Molly, psicologo colto e rigido, uno scherzo del genere ce lo si potrebbe aspettare) parla per due ore e 20 minuti, in campo e fuori campo, raccontando il suo passaggio da giovane sciatrice aspirante olimpionica a cameriera squattrinata di un locale di Los Angeles a regina del poker clandestino, che organizzava in lussuose suite di LA e New York. Molly non gioca: sono le mance ad arricchirla. Molly non s’innamora. Molly paga le tasse. Molly tiene testa ai suoi clienti, ricchi e famosi. I suoi tavoli erano frequentati da sportivi, miliardari, attori come Ben Affleck, Tobey Maguire, Leonardo DiCaprio e, a sua insaputa, anche da esponenti della mafia russa. E, tra celebrità e malavitosi, finirono per incastrarla: nel 2013 l’FBI l’arrestò. Nel 2014 Molly pubblicò l’autobiografia che Aaron Sorkin ha adattato per la sua prima regia. Da West Wing e The Newsroom (ma anche dalle sceneggiature di Codice d’onore, La guerra di Charlie Wilson, The Social Network e Steve Jobs) sappiamo quanto sia bravo Sorkin con le parole: anche in Molly’s Game esse si rincorrono, rimbalzano tra passato e presente, danno il tempo e il tono del racconto. E questo probabilmente è il difetto di un film nel quale le immagini si accavallano con scorsesiana frenesia per stare dietro alla voce monologante della brava Jessica Chastain, sospesa tra una studiata volgarità e un innato codice etico. The Wolf of Wall Street è il fantasma che aleggia su Molly’s Game, al quale però mancano sia la durezza sarcastica sia la musicalità del flusso visivo di Scorsese.

I 400 colpi

AA
7
PA
7
PMB
7
FDM
4
SE
5
RM
5
MM
5
EM
7
FM
4
RMO
8
LP
7
ES
7
Molly's Game (2017)
Titolo originale: Molly's Game
Regia: Aaron Sorkin
Genere: Biografico - Produzione: Cina/Usa/Canada - Durata: 140'
Cast: Jessica Chastain, Idris Elba, Kevin Costner, Michael Cera, Jeremy Strong, Chris O’Dowd, J.C. MacKenzie, Angela Gots
Sceneggiatura: Aaron Sorkin

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy