Wajib - Invito al matrimonio di Annemarie Jacir - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Claudio Bartolini dice che Sapore di mare è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 17:10.

A voi la fantascienza di Netflix piace? A Filippo Mazzarella no.

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«What happened to Gary Cooper? The strong, silent type. That was an American. He wasn’t in touch with his feelings. He just did what he had to do. (David Chase - The Sopranos)»

cinerama
7822
cineteca
2504
servizi
2500
opinionisti
1616
locandine
972
serialminds
688
scanners
463
Recensione pubblicata su FilmTv 16/2018

Wajib - Invito al matrimonio


Regia di Annemarie Jacir

Una storia semplice, in cui la struttura di base regge tutta l’impalcatura. Nazareth, oggi: un padre e un figlio palestinesi, il primo anziano professore divorziato, il secondo architetto quarantenne tornato da Roma dove vive da tempo, consegnano a mano le partecipazioni al matrimonio della figlia e sorella. Spostandosi di casa in casa incontrano familiari, amici, conoscenti, ridono, discutono e spesso litigano, entrambi arroccati sulle proprie posizioni rispetto alla questione del rapporto fra palestinesi e Israele. Il padre, abbandonato dalla moglie, costretto ad allevare da solo i figli, ha speso ogni energia e accettato ogni compromesso per proteggere la famiglia, mentre il figlio, vicino all’OLP, incapace di chinare il capo, è fuggito all’estero come la madre, e per questo è accusato di codardia. Due idee diverse di resistenza si confrontano in modo inevitabilmente schematico, mettendo però in discussione ruoli e convinzioni: l’anziano povero e retrogrado accetta la convivenza in nome di un’indipendenza degli affetti che nessun potere può intaccare; l’intellettuale benestante crede invece nella militanza politicizzata, ma rinuncia a quelle stesse radici che rivendica. Il merito della regista sta nel riportare continuamente i due protagonisti al luogo eletto della loro relazione, l’abitacolo della macchina con cui attraversano Nazareth e dentro la quale si consuma una resa dei conti privata, mentre fuori la vita dei palestinesi scorre nervosa e disordinata. Il finale molto bello lascia in sospeso un conflitto senza soluzione, con il dolore lungo una vita di una famiglia che riaffiora malinconicamente.

I 400 colpi

RM
7
Wajib - Invito al matrimonio (2017)
Titolo originale: Wajib
Regia: Annemarie Jacir
Genere: Drammatico - Produzione: Palestina/Francia/Colombia/Germania/Emirati Arabi Uniti/Qatar/Norvegia - Durata: 96'
Cast: Mohammad Bakri, Saleh Bakri, Maria Zreik, Tarik Kopty, Ruba Blal Asfour, Monera Shehadeh, Lama Tatour, Samia Shanan, Jalil Abu Hanna, Ossama Bawardi, Shams Bawardi
Sceneggiatura: Annemarie Jacir

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy