Wajib - Invito al matrimonio di Annemarie Jacir - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Ilaria Feole dice che Due per la strada è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 10:10.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«Non è più possibile parlare d'arte escludendo la scienza e la tecnologia. Non è più possibile analizzare i fenomeni fisici escludendo le realtà metafisiche. (Gene Youngblood)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
8138
cineteca
2926
servizi
2687
opinionisti
1714
locandine
992
serialminds
738
scanners
471
Recensione pubblicata su FilmTv 16/2018

Wajib - Invito al matrimonio


Regia di Annemarie Jacir

Una storia semplice, in cui la struttura di base regge tutta l’impalcatura. Nazareth, oggi: un padre e un figlio palestinesi, il primo anziano professore divorziato, il secondo architetto quarantenne tornato da Roma dove vive da tempo, consegnano a mano le partecipazioni al matrimonio della figlia e sorella. Spostandosi di casa in casa incontrano familiari, amici, conoscenti, ridono, discutono e spesso litigano, entrambi arroccati sulle proprie posizioni rispetto alla questione del rapporto fra palestinesi e Israele. Il padre, abbandonato dalla moglie, costretto ad allevare da solo i figli, ha speso ogni energia e accettato ogni compromesso per proteggere la famiglia, mentre il figlio, vicino all’OLP, incapace di chinare il capo, è fuggito all’estero come la madre, e per questo è accusato di codardia. Due idee diverse di resistenza si confrontano in modo inevitabilmente schematico, mettendo però in discussione ruoli e convinzioni: l’anziano povero e retrogrado accetta la convivenza in nome di un’indipendenza degli affetti che nessun potere può intaccare; l’intellettuale benestante crede invece nella militanza politicizzata, ma rinuncia a quelle stesse radici che rivendica. Il merito della regista sta nel riportare continuamente i due protagonisti al luogo eletto della loro relazione, l’abitacolo della macchina con cui attraversano Nazareth e dentro la quale si consuma una resa dei conti privata, mentre fuori la vita dei palestinesi scorre nervosa e disordinata. Il finale molto bello lascia in sospeso un conflitto senza soluzione, con il dolore lungo una vita di una famiglia che riaffiora malinconicamente.

I 400 colpi

RM
7
Wajib - Invito al matrimonio (2017)
Titolo originale: Wajib
Regia: Annemarie Jacir
Genere: Drammatico - Produzione: Palestina/Francia/Colombia/Germania/Emirati Arabi Uniti/Qatar/Norvegia - Durata: 96'
Cast: Mohammad Bakri, Saleh Bakri, Maria Zreik, Tarik Kopty, Ruba Blal Asfour, Monera Shehadeh, Lama Tatour, Samia Shanan, Jalil Abu Hanna, Ossama Bawardi, Shams Bawardi
Sceneggiatura: Annemarie Jacir

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy