Interruption di Yorgos Zois - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Adriano Aiello dice che 48 ore è il film da salvare oggi in TV.
Su Paramount Channel alle ore 02:30.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

Un saluto a Ermanno Olmi con le parole di Gianni Amelio.

La citazione

«You Cannot Be Serious! (John McEnroe)»

scelta da
Rinaldo Censi

cinerama
7957
servizi
2585
cineteca
2550
opinionisti
1656
locandine
981
serialminds
710
scanners
466
Recensione pubblicata su FilmTv 17/2018

Interruption


Regia di Yorgos Zois

Tra le immagini che hanno segnato più in profondità l’esperienza visiva degli anni zero c’è sicuramente quella delle guerrigliere cecene riverse sulle poltroncine del teatro Dubrovka a Mosca, uccise nel corso dell’assalto di un gruppo di teste di cuoio russe. Facevano parte di un commando che prese in ostaggio 850 spettatori. «Durante i primi minuti» racconta Yorgos Zois «il pubblico pensò che tutto facesse parte della rappresentazione». Da questa suggestione nasce Interruption, film che guarda shakespearianamente «il mondo per quello che è: un palcoscenico dove ognuno deve recitare la sua parte». In un teatro di Atene va in scena un adattamento dell’Orestea eschilea, tragedia che, fin dalla sua ideazione, infrange la quarta parete per chiamare a giudizio del proprio eroe un tribunale di cittadini. In Interruption avviene esattamente questo: un gruppo di spettatori sale sul palco in veste d’Areopago, organo giudicante che si esprimerà in merito a Oreste. Zois si rifà a Theo Angelopoulos, in particolare a La recita, film che proprio nell’Orestea trovava il testo esemplare attraverso cui ragionare sul presente (gli affanni contemporanei della Grecia) evitandone ogni cifratura “impulsiva”. Di Angelopoulos prende a modello anche l’effetto di straniamento di derivazione brechtiana, però nell’algida rielaborazione proposta da Yorgos Lanthimos (si pensi ai personaggi-burattino di Kynodontas, Alps e The Lobster). E il problema dell’operazione di Zois sta proprio in questo continuo cogliere rimandi, tanto che alla fine si ha quasi l’impressione di trovarsi di fronte a un film già fatto, ma soprattutto già visto.

I 400 colpi

FDM
6
RM
4
MM
5
LP
5
media
5.0
Interruption (2015)
Titolo originale: Interruption
Regia: Yorgos Zois
Genere: Drammatico - Produzione: Grecia/Francia/Croazia/Italia/Bosnia - Durata: 109'
Cast: Alexandros Vardaxoglou, Sofia Kokkali, Pavlos Iordanopoulos, Christos Karteris, Romanna Lobach, Maria Kallimani, Maria Filini, Alexia Kaltsiki, Christos Stergioglou, Angeliki Margeti
Sceneggiatura: Yorgos Zois

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Intervista a Yorgos Zois» Interviste (n° 17/2018)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy