La mélodie di Rachid Hami - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Viva l'Italia è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 10:30.

The Man Who Killed Don Quixote è il film di chiusura del Festival di Cannes 2018. Ripercorriamo vita, carriera e (s)fortune del regista americano naturalizzato britannico con questo servizio del 2016 di Ilaria Feole.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

Un saluto a Ermanno Olmi con le parole di Gianni Amelio.

La citazione

«Revolution is my boyfriend»

cinerama
7891
servizi
2535
cineteca
2525
opinionisti
1633
locandine
976
serialminds
695
scanners
464
Recensione pubblicata su FilmTv 17/2018

La mélodie


Regia di Rachid Hami

Simon (Kad Merad), violinista di talento un po’ caduto in disgrazia anche per scarsezza di joie de vivre, finisce a fare l’insegnante di musica nel XIX arrondissement di Parigi, 17% di abitanti disoccupati, 35% di alloggiati nelle case popolari, come si dice in Francia un “quartiere sfavorito”. E infatti all’inizio non è facile catturare l’attenzione della classe di adolescenti o anche solo entrare in sintonia con l’ambiente degradato. Poi, complice un ragazzino di pari talento con lo strumento, e di conseguenza una nuova motivazione, l’insegnante gioca e vince la partita. La metafora sportiva serve anche per tornare a un altro film, non così distante da La mélodie, dove lo stesso Merad (sempre eccellente) interpretava in condizioni simili un professore di ginnastica, vale a dire Les choristes I ragazzi del coro. Ebbene sì, anche La mélodie ricorre agli stessi codici di coinvolgimento, dispiega il proprio arsenale pedagogico lavorando sulla rappresentazione di un contesto reso più autentico dalle originarie intenzioni documentaristiche dell’attore franco-algerino Rachid Hami (che esordì in La schivata di Abdellatif Kechiche), qui per la prima volta alla regia. Un film sinceramente coinvolgente, di quelli che possono suscitare ogni genere di dibattito, e non v’è alcun difetto in questo benché appunto il presupposto non sia tra i più originali. Hami e il co-sceneggiatore Guy Laurent, partiti dall’idea di realizzare un documentario sui bambini protagonisti di un programma di educazione alla musica classica in banlieue, hanno poi optato per la finzione lavorando però con attori non professionisti (tutti i ragazzi e qualche insegnante).

I 400 colpi

MG
6
La mélodie (2016)
Titolo originale: La mélodie
Regia: Rachid Hami
Genere: Drammatico - Produzione: Francia - Durata: 102'
Cast: Kad Merad, Samir Guesmi, Alfred Renely, Jean-Luc Vincent, Tatiana Rojo, Slimane Dazi, Mathieu Spinosi, Zakaria-Tayeb Lazab, Youssouf Gueye, Mouctar Diawara
Sceneggiatura: Rachid Hami, Guy Laurent, Valérie Zenatti

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy